Iscriviti: Feed RSS

La ricerca nel mio mondo silenzio.

La ricerca nel mio mondo silenzio. Autobiografia di Rita, sorda. Nelle migliori librerie d’Italia approda il nuovo volume scritto dall’autrice sorda Rita Bosco avente per il titolo “La ricerca nel mio mondo silenzio”. Questo libro è una raccolta di esperienze di vita vissuta che l’autrice narra entrando sempre più a fondo nell’handicap sensoriale della sordità profonda.

Sin dalla nascita l’autrice avverte un senso di estraneità verso il mondo che scoprirà essere causato dalla sua sorda.

Quest’opera è parte del viaggio che Rita compie per cercare di trovare un posto nella società, degli ostacoli che dovrà superare per essere accettata dagli udenti ma anche dai sordi, delle lotte per essere capita.

Lei troverà sfogo dei suoi sentimenti e dei suoi pensieri nella poesia. Poesie che tratteranno di argomenti diversi in base alle vicissitudini che segnano la sua vita nel momento in cui essa compone.

Si leggeranno storie di abbandono, isolamento e paura ma anche di speranza per una vita migliore.

L’autrice, Rita Bosco, nel tempo libero ama fare accurate ricerche sulla sordità. Fa parte di un’associazione di volontariato che si occupa delle persone sorde. Le piace scrivere e fare passeggiate.

Intervista a Rita Bosco, autrice del libro “LA RICERCA NEL MIO MONDO DEL SILENZIO – autobiografia di Rita, sorda” (Aletti Editore)

Domanda – Partiamo dal titolo che ci introduce direttamente nel tema centrale del libro. È stato difficile confrontarsi, attraverso la scrittura, con il proprio vissuto più profondo e vero?

Rita Bosco – Non è stato difficile confrontarsi perché fa parte della mia vita, riesco a parlarne a voce, ma tanta gente non sa delle mie vere esperienze e io scrivo questo libro per liberarmi da un peso che mi
colma da sempre.

Domanda – Emotivamente, non potersi nascondere dietro personaggi, o costruzioni letterarie, è una sorta di viaggio all’interno della propria esistenza. Quali sono stati gli stati d’animo più ricorrenti durante la
stesura del libro?

Rita Bosco – Le emozioni che ho avuto sono troppe, soffocate sia in famiglia, sia agli amici sordi e amiche sorde e sia ai conoscenti, per cui i miei stati d’animo sono uno sfogo personale per gridare al mondo i miei dolori, i dispiaceri e le gioie chiusi dentro di me da tanto tempo.

Domanda – Il testo è cadenzato da diversi componimenti poetici, come si inserisce questa esperienza di scrittura con la sua biografia?

Rita Bosco – Ci sono poesie che contengono realmente i miei sentimenti vivendo i momenti vissuti che si rappresentavano, come la positività, che a volte si scontrava con la negatività handicap di sordità, che permette solamente la scrittura come mia espressione.

Domanda – Il libro è suddiviso per tappe cronologiche, quale è stato il periodo più controverso che ha dovuto affrontare?

Rita Bosco – Il libro è stato per me come una liberazione, potendo divulgare la mia esperienza. Da troppi anni desideravo spiegare i problemi della sordità.

Domanda – Nel libro il tema della sofferenza è posto con forza, come se la scrittura fosse, ancora prima che un mezzo per creare artifici letterari, una ancora di salvataggio, un appiglio per sfuggire alle brutture della quotidianità.

Rita Bosco – Non è un appiglio per sfuggire alle brutture della quotidianità, anzi è un’ancora di salvataggio nella mia capacità, con una naturalezza piena di fede e di speranza per essere aiutata dal pubblico.

Domanda – Il suo libro indica come sotto titolo “autobiografia di Rita, sordomuta”. Quali sono stati gli ostacoli e le difficoltà descritte nel libro?

Rita Bosco – L’ostacolo principale è stata quello di scrivere la mia autobiografia in seguito alla mia delusione amorosa. Avevo paura di essere criticata da tutti. Avrei voluto scrivere di più nel libro, ma ho preferito abbreviare per non creare disagi e dubbi ai lettori. Ma, in ogni caso, io sento il bisogno di sfogarmi scrivendo e spiegando le diversità: SORDOMUTA, SORDO, SORDASTRO E AUDIOLESO.
Io voglio ancora distinguere le vere diversità fra i termini – sordo e sordastro – per migliorare le situazioni sociali nelle scuole e nella vita quotidiana.

Domanda – È stato difficile scoprirsi completamente davanti al lettore? Raccontando semplicemente quello che si è e quello che si è vissuto?

Rita Bosco – Non è stato difficile. Avevo paura di ricevere critiche molto negative, ma ho raccontato nel mio libro, svuotandomi dai dubbi che avevo, per capirmi e per capire la diversità con l’AUTISMO.

Domanda – Il libro può essere rappresentativo di altre persone che vivono la sua stessa condizione esistenziale?

Rita Bosco – Sì per essere condivisa, sennò sarebbe una rivelazione dell’esistenza dell’AUTISMO nella comunità dei sordi, specie da parte del pubblico e dei sordi.

Domanda – Un motivo per cui lei comprerebbe “La ricerca nel mio mondo del silenzio autobiografia di Rita, sordomuta” se non ne fosse stata l’autrice.

Rita Bosco – Un motivo c’è sempre per me, è trovare il personaggio nel mondo simile a me.

Fonte: paroleinfuga.it  – re183 (2014)

NELLE MIGLIORI LIBRERIE

AUTRICE: Rita Bosco
TITOLO: La ricerca nel mio mondo del silenzio
Collana «Gli Emersi» Aletti Editore – Guidonia (Roma), 2014, pp.100

PER SAPERE DI PIU’
Casa Editrice Aletti

La mia sordità di Rita Bosco

______________________________________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini