Iscriviti: Feed RSS

Santuario di Maria SS. della Consolazione di Paternopoli (Avellino)

Il Santuario di Maria SS. della Consolazione di Paternopoli (Avellino) nei pressi di Corso Vittorio Emanuele. Si ricorda il primo strepitoso prodigio operato dalla Madonna il 16 parile 1651 nella persona di un falegname di nome Giovan Battista d’Amato, completamente muto, il quale istantaneamente riacquistava la favella, mentre pregava ai piedi della sacra Immagine.
Da Santuari Mariani legati alla storia dei sordomuti (1971)

La parrocchiale di San Nicola di Bari
del 1522, conserva, all’interno, nella cappella dedicata a Santa Maria della Consolazione, un dipinto, molto venerato, di F. Fiorentino, che rappresenta Maria seduta sul trono della gloria con Gesù in braccio, un angelo che sorregge il baldacchino, mentre, ai piedi, si trova Sant’Agostino e la madre Santa Monica.

Nella sacrestia si trovano numerose sculture e reliquiari lignei dei secoli XVIII e XIX. Il culto a Maria in Paternopoli, è molto antico. Vi sono documenti che riportano al 1142 la devozione a Maria officiata dai monaci di Montevergine in una piccola chiesetta.

Risale al 1751 la ripresa del culto mariano originato da un fatto miracoloso al quale ne fecero seguito altri. Il 16 aprile 1751 tra i carpentieri che lavoravano nella chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari, nella quale era custodita, in una cappella, una tela raffigurante la Madonna, vi era un certo Giambattista D’Amato, uomo d’ingegno, ma diventato muto cinque anni prima per un colpo apoplettico.

Due sacerdoti, don Peccarini e don Cubelli, entrati in chiesa per vedere l’andamento dei lavori, invitarono il D’Amato a pregare San Nicola perché lo guarisse; ma il muto, invece, si rivolse verso il quadro della Madonna accendendo delle candele e prostrandosi in preghiera.

Anche gli altri si unirono alla preghiera ed intonarono le litanie alla Vergine.

Al termine delle orazioni il D’Amato riacquistò la voce intonando il Magnificat. Sparsasi la voce del miracolo si recò in chiesa, Gustavo, fratello di don Cubelli che aveva assistito al miracolo ed era affetto da tisi e che era quasi alla fine.

Tutti ripresero a pregare con la massima intensità e convinzione ed anche Gustavo guarì dal suo male.

La venerazione per Maria crebbe sempre più ed il 12 maggio 1774, giorno di Pentecoste, mons. G. Martinez incoronò il capo della Vergine della Consolazione.

Questo atto fu rinnovato il 25 maggio 1806 ed ancora il 14 maggio 1815.

La festa si celebra il martedì dopo pentecoste ed il 16 aprile per ricordare il primo miracolo.
Fonte: santuari.it – re103 (2005)

PER SAPERE DI PIU’

Paternopoli

Comune di Paternopoli

Santuario di SS. Maria della Consolazione

 
Visualizzazione ingrandita della mappa


 

Santuario di Maria SS. della Consolazione di Paternopoli (Avellino)

 «La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini