Iscriviti: Feed RSS

Immaginario. Immagini per un abbecedario. Comunicare con i Segni

L’abbecedario di Manuela. Fa piacere recensire il volume di Manuela Epifano, non udente di Firenze. L’autrice è maestra d’arte, in particolare della ceramica, di poi ha frequentato il corso di decorazione dell’Accademia delle Belle Arti della città del giglio conseguendo il diploma. Il testo Immaginario (immagini per un abbecedario – comunicare con i segni) è stato pubblicato con l’impegno economico dell’assessorato alle politiche sociali dell’amministrazione provinciale di Firenze.
Scelta che qualifica la Provincia e che l’ENS addita come esempio alle Amministrazioni provinciali d’Italia, quale programma fattivo che non deve essere solo di mera assistenza, ma s’estenda all’accoglienza di quelle voci culturali e professionali degli stessi protagonisti che sanno donare molto ai simili. Manuela ci presenta dunque il suo abbecedario che va, appunto, dalla prima lettera “a” sino alla “zeta”. I segni visivo-manuali, da abbracciare a zucchero, sono illustrati e presentati esteticamente molto bene, con l’aiuto di un simpatico Manichino. Testo destinato ai bambini non udenti della scuola dell’infanzia ed elementare, ma la curiosità e la programmazione del lavoro può favorire anche i ragazzi della scuola media.
La Epifano ci dice, nella nota al libro che «Questo abbecedario ha l’intento di divertire oltre che stimolare il piccolo sordo, spesso così provato dai vari interventi rieducativi.» Esatto. Il fatto che il bambino vedrà i segni (codici) della sua lingua naturale, la lingua dei segni, come presenza di apprendimento ludico (e proprio così ha pensato il lavoro e sul quale ha lavorato Manuela) va tutto a suo vantaggio. Grazie Manuela di questo significativo dono perché, è stato affermato dalla grande educatrice marchigiana Maria Montessori «… in ogni bambino c’è l’adulto che sarà e in ogni adulto c’è il bambino che è stato: bambini e adulti possono aiutarsi a vicenda nel percorrere la scuola della consapevolezza e della comprensione». La Epifano che ha conosciuto e conosce visivamente le parole non scorda che ci sono generazioni di sordi inseriti nella classe dei coetanei udenti che non possiedono la preparazione necessaria per vedere le parole nei loro contenuti in un altro modo. Ha provato ad insegnarcelo, e ci è riuscita, per questo merita un plauso.
Manuela Epifano, Immaginario (immagini per un abbecedario – comunicare con i segni), Casa Editrice PLAN, Osmannoro, Firenze (tel. 055, 319 203; e-mail: info@edizioniplan.it). Nota. Al testo è inserito un DVD esplicativo.

“E’ con enorme piacere che ho accolto la pubblicazione di questo libro voluto ed elaborato da una socia della Sezione ENS di Firenze la quale, con un lavoro accurato e notevole, è riuscita nell’intento di realizzare un abbecedario della Lingua dei Segni Italiana (LIS) allo scopo di favorirne la conoscenza nelle scuole materne ed elementari. Brava Manuela Epifanio che, nonostante la tua giovane età, hai dimostrato a tutti che essere non udente non è un limite bensì un incentivo ad andare oltre la sordità”.
Renato Aglini, Presidente della Sezione Provinciale ENS di Firenze, Promotore dell’iniziativa dell’opera “Immaginario”  di Manuela Epifanio.


 Manuela Epifanio, non udente, é nata a Firenze l’8 ottobre 1972, ha frequentato l’Istituto d’Arte per la ceramica di Sesto Fiorentino conseguendo il diploma di maestro d’arte nel 1990 e successivamente quello di maturità artistica. Nel 1992 si é iscritta al corso di decorazione dell’Accademia delle Belle Arti di Firenze dove si é diplomata nel 1996 col massimo dei voti. Manuela ha partecipato alle seguenti manifestazioni artistiche: 1989, Bambini in gioco, collettiva in Palazzo Vecchio di Firenze; 1991, Mostra permanente collettiva dell’Istituto d’Arte di Sesto Fiorentino; 1993, Esposizione di Disegni, collettiva allo spazio 055 di Firenze; 1995, Premio Maurizio Marchese, collettiva presso la galleria “La cuba d’oro” di Roma. Per informazioni sull’opera “Immaginario” rivolgersi alla Sezione Provinciale ENS di Firenze (email: firenze@ens.it). rc034 (2004) .