Iscriviti: Feed RSS

Religione e il Sordomuto. Una tesi di laurea di 40 anni fa

RELIGIONE E IL SORDOMUTO
Una tesi di laurea di 40 anni fa

Nelle pagine della rivista EFFETA del 1971 (n. 6-7 pagg. 172-173), nella cronaca dell’Istituto Gualandi di Roma, troviamo un trafiletto dal titolo La religione e il sordomuto. Forse ora dopo 40 anni vale la pena di rileggerlo assieme:

«Questo è il titolo della tesi in sacra teologia, che il P. Vincenzo Di Blasio, il 5 giugno u.s. (1971, n.d.r.), ha difeso alla Pontificia Università Urbaniana di Propaganda Fide, di fronte ai professori: Carlo Molari, Ivo Gaspari, Mario Erbetta.

Per l’occasione erano presenti due rappresentanti dell’Ente Nazionale Sordomuti (erano il Presidente Vittorio Ieralla e il suo segretario), P. Selleri, P. Selva, e un gruppo di studenti e amici.

La tesi, dopo un’ampia panoramica sulla storia dei sordomuti, con particolare rilievo del “Sordomuto nell’antichità e nei libri sacri”, nella seconda parte presenta i principi pedagogici e le esperienze dell’educazione religiosa  dei bambini sordi.

Il Prof Gaspari, pedagogista, ha giudicato il lavoro di P. Vincenzo “Una sintesi armoniosa dei problemi dei sordi…, che trova conferma e viene convalidata da una ricca ricerca con esatta documentazione e chiarezza di svolgimento”. Aggiungeva poi,: “ tutta la tesi è permeata, possiamo dire, da uno spirito vivificante, da uno spirito apostolico, che ci fa sentire come un’azione di un educatore, che sia veramente tale, possa penetrare nell’animo di questi fanciulli”. In ultimo sottolineava la sua “straordinaria chiarezza” di esposizione.

A tal proposito il Prof. Erbetta notava “lo zelo con cui l’autore scrive, dimostra passione per il suo lavoro e profonda conoscenza della materia”.

Dopo più di due anni di accurata ricerca, P. Vincenzo ha coronato il suo sogno e ha ricevuto il meritato riconoscimento.

Da queste pagine giungano, al neo dottore, i nostri auguri, nella speranza che venga stampata la sua opera, che veramente riveste un particolare interesse per quanti si dedicano all’educazione dei sordi».

Della tesi di P. Di Blasio sono stati pubblicati alcuni estratti e ampi stralci sono pubblicati sulla stessa rivista Effeta, ma l’intera opera è rimasta nelle biblioteche di Propaganda Fide e della Piccola Missione per i Sordomuti, consultata da alcuni studiosi recenti, i quali si meravigliano che essa sia rimasta “nascosta”.

Si tentò a suo tempo l’approccio con qualche editore, ma a quel tempo il problema dei disabili e delle persone sorde nella Chiesa era ancora circoscritto alla ristretta cerchia degli addetti ai lavori, e dalla pubblicazione della tesi non si vedeva un ritorno economico.

Foto ricordo da sx: P.Vincenzo Di Blasio (1942), P. Domenico Lioy (1946-2011), Fr. Ermanno Persone (1924), P. Adelmo Puccetti (1911)

Piccola Missione per Sordi Don Giuseppe Gualandi