Iscriviti: Feed RSS

Auguri di Buona Pasqua 2013

In un mondo soggiogato dall’indifferenza, dall’ipocrisia, dalla violenza, la colomba si alza in volo senza il ramoscello di ulivo stretto nel becco.
La Santa Pasqua sia di augurio per l’inizio di una lunga stagione di Pace.
La Redazione della Storia dei Sordi

Un giorno, uno dei suoi viaggi, porta Gesù a Gerusalemme e tutti gli fanno festa.
Hanno coperto la strada con delle foglie di palma. Avevano sentito dire che era il nuovo profeta.
Gesù e gli apostoli cenarono insieme.
Disse loro che presto sarebbe morto.

Giuda, uno degli apostoli, uscì dalla stanza. Gesù spezzò il pane, ne dette un pezzetto ad ogni apostolo e disse: “Questo è il mio corpo che sacrificherò per voi.”
Gesù prese una coppa di vino e disse: “Questo è il mio sangue. Lo sacrifico per voi e per tutti gli uomini.”

Gli apostoli non capirono, ma mangiarono e bevvero dalla coppa. Poi Gesù andò a pregare in un giardino.
Undici apostoli lo accompagnarono, mentre Giuda era andato a dire ai nemici dove trovare Gesù.
I soldati vennero ad arrestare Gesù. I sacerdoti del tempio lo accusarono di aver detto di essere un re e di aver infranto le leggi di Dio. Portarono Gesù dal governatore romano.
Non voleva far uccidere Gesù, ma i sacerdoti raccontarono un sacco di menzogne su Gesù e così dette l’ordine di ucciderlo.
I soldati picchiarono Gesù, gli misero in testa una corona di spine e poi gli fecero portare una croce in cima ad una collina.

Crocifissero Gesù. C’erano altri due croci vicine, con due ladroni.
La madre e gli amici di Gesù erano là. Gesù morì alle tre di venerdì.
Quella sera un amico, chiamato da Giuseppe, portò via il corpo di Gesù e lo seppellì in una tomba su una collina. Maria,
un’amica di Gesù, andò alla tomba.
Era domenica mattina, Maria guardò dentro la tomba: era vuota, Gesù non c’era più.

Maria vide un uomo e gli chiese: “Dove hai portato Gesù?”

L’uomo la chiamò per nome e Maria si accorse che era Gesù.

“Gesù è vivo!”

Maria corse a dirlo agli amici ed erano tutti felici e videro ancora Gesù molte volte, e parlarono con Lui, prima che salisse al cielo, nel giorno dell’Ascensione.

RIFLETTI!
Perché gli amici di Gesù erano così tristi?
Perché erano state messe delle guardie attorno alla tomba?
Da cosa fu spostata l’enorme pietra?
Chi fu il primo a guardare dentro la tomba?
Perché il corpo di Gesù non era nella tomba?
Cosa disse l’angelo a Maria e alle donne che erano con lei?

RICORDA:
Gesù è vivo!

UN VERSETTO DA IMPARARE
” Egli non è qui, ma è risorto” (Luca 24:6).

SAI TROVARE QUESTA STORIA NELLA BIBBIA?

Matteo 27:55 – 28:10

Marco 15:40 – 16:14

Luca 23:47 – 24:35

Giovanni 19:38 – 20:21


 

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini