Iscriviti: Feed RSS

Riforma dell’ISEE 2014

Riforma dell’ISEE 2014. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica delle famiglie, meno burocrazia e più controlli. È stato firmato nel corso del Consiglio dei Ministri di oggi, e presentato durante una conferenza stampa tenuta a Palazzo Chigi dal Presidente del Consiglio Enrico Letta e dal Ministro del Lavoro Enrico Giovannini, il decreto di riforma dell’ISEE, l’indicatore della situazione economica equivalente, strumento con il quale si accede all’erogazione dei servizi e delle prestazioni sociali.

La riforma, prevista dall’art. 5 del Decreto n. 201/2011 c.d. “Salva Italia”, è finalizzata a rendere più corretta la misurazione della condizione economica delle famiglie e a migliorare l’equità nell’accesso delle prestazioni da parte dei cittadini, garantiti dal fatto che questa valutazione avverrà secondo criteri definiti univocamente su tutto il territorio nazionale.

Il vecchio ISEE, infatti, in vigore dal 1998, iniziava a mostrare i segni del tempo. Per questo negli ultimi mesi il Governo si è fortemente impegnato per una sua profonda rivisitazione, realizzata recependo anche le indicazioni arrivate dal Parlamento e dalle Parti Sociali.

“Con la riforma che abbiamo predisposto – ha commentato il Ministro Giovannini – intendiamo non solo disporre di uno strumento più corretto per valutare le condizioni relative tra persone e famiglie con diverse possibilità economiche, ma anche restringere gli spazi all’evasione, ricordando che ogni presunta furberia, in effetti una vera e propria ruberia, toglie un’opportunità a coloro che ne hanno diritto”.
Comunicato Stampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

Al via la riforma dell’ISEE, l’indicatore della situazione economica equivalente, strumento insostituibile per l’erogazione  dei servizi e delle prestazioni sociali.

In vigore dal 1998, l’ISEE iniziava a mostrare i segni del tempo. Per questo il Governo si è fortemente impegnato in questi mesi per una sua profonda rivisitazione, realizzata recependo anche le indicazioni arrivate sia dal Parlamento sia dalle Parti Sociali. Peraltro, la riforma dell’ISEE era stata indicata dal documento dei cosiddetti “saggi del Quirinale” come uno degli obiettivi prioritari del futuro Governo.

In un periodo di crisi come quello attuale un’esatta valutazione delle condizioni reddituali e patrimoniali del nucleo familiare e dei singoli componenti è fondamentale per erogare servizi e prestazioni sociali, in modo da migliorare l’equità favorendo le situazioni di maggiore bisogno ed evitando sperequazioni. Di conseguenza, riformare l’ISEE e’ un atto a forte valenza etica, in un momento in cui l’emergenza sociale impone di orientare le risorse disponibili a favore di chi è in uno stato di reale necessità,

“La cronaca, ancora in questi giorni, è purtroppo testimone di truffe, veri e propri scempi sociali, come certificato dalla Guardia di Finanza che ha registrato nel corso di un controllo su alcune università oltre il 60% di certificazioni false”, dichiara il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini. “Con la riforma che abbiamo predisposto – aggiunge il Ministro – intendiamo non solo disporre di uno strumento più corretto per valutare le condizioni relative tra persone e famiglie con diverse possibilità economiche, ma anche restringere gli spazi all’evasione, ricordando che ogni presunta furberia, in effetti una vera e propria ruberia, toglie un’opportunità a coloro che ne hanno diritto”.

Per valutare in modo completo la condizione economica delle famiglie, con l’ISEE riformato saranno incrociate le diverse Banche Dati fiscali e contributive, ridotte le aree dell’autodichiarazione, saranno integrati dati e prestazioni a livello nazionale e locale. Inoltre, la riforma prevede non solo una definizione più ampia del reddito ed un maggior peso della situazione patrimoniale, ma anche una forte attenzione alle famiglie più numerose e alle diverse condizioni di disabilità. “Questa riforma – conclude il Ministro Giovannini –  rappresenta anche un tassello fondamentale per sviluppare politiche efficaci di contrasto alla povertà, come quelle basate sul Sostegno dell’inclusione sociale attiva (SIA)”
Roma, 3 dicembre 2013

PER SAPERE DI PIU’
Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

La riforma dell’ISEE (opuscolo)

La riforma dell’ISEE (scheda di sintesi)

PER APPROFONDIMENTO
Visualizza il sito Handylex Regolamento sull’Isee

nw143 (2013)

_______________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini