Iscriviti: Feed RSS

Abilitazione dei sordi

Prima del codice Rocco i sordomuti erano dichiarati inabili a qualsiasi e sotto tutela dei familiari o altri nominati dall’autorità giudiziaria: “il sordomuto, giunto all’età maggiore, si reputerà inabilitato di diritto, eccetto che il Tribunale l’abbia dichiarato abile a provvedere alle cose proprie (ex art.340 del vecchio Codice civile”. Successivamente questa legge venne sostituita con R.D. 16.3.1942, n.262 concernente l’approvazione del Codice civile (art.415) nel caso non avessero una educazione sufficiente. Questo cambiamento fu molto importante nella storia dei sordi per la pressione degli ex alunni delle Istituzioni speciali ed appoggiate dai loro noti Educatori (vedi Codice civile).

Abolizione dello Stato di inabilitazione