Iscriviti: Feed RSS

In ricordo di Francesco Cremonesi

Francesco Cremonesi, 86 anni, sordo residente da 60 anni a Cernusco sul Naviglio, è stato colto da improvviso malore, domenica 15 luglio 2018, mentre stava passeggiando vicino a casa sua, nel parco di via Mosè Bianchi. Quando i pochi passanti si sono accorti di quell’uomo che giaceva a terra, è stato subito soccorso, chiamando l’ambulanza che lo ha portato al pronto soccorso nell’attiguo Ospedale Uboldo, dove però è arrivato già in arresto cardiaco. Il figlo Paolo già molto scosso per quell’evento inatteso e improvviso, ha preteso l’autopsia, che ha comunque accertato un infarto. Le esequie sono così slittate a giovedì 19 luglio, effettuate nella Parrocchia di S. Maria Assunta.

Cremonesi, unico figlio nato sordo di una numerosa famiglia – sette fra fratelli sorelle, era stato istruito in una scuola speciale per sordi nel cremasco, era infatti nativo di Crema e con i sordi di quella città aveva conservato a lungo, anche dopo essersi sposato e trasferito a Cernusco, intensi rapporti di amicizia, e li andava sovente a trovare al Circolo dei sordi di Crema.

Cremonesi Francesco + 2018

Anche a Cernusco aveva molti amici sordi e, nel 1989, con altri sordi del luogo, era stato fra i fondatori della Associazione Sordi Martesana, intesa come “Rappresentanza intercomunale dell’ENS Provinciale milanese” che fu attiva e fattiva fino al 1999 presso il Centro “Pirola”, già asilo infantile, in Via De Gasperi, accanto alla fermata MM e dunque facile da raggiungere da parte di molti sordi della zona. I soci erano effettivi erano ben 150. Poi per ragioni che necessiterebbero di una menzione a parte, la nuova amministrazione cittadina aveva allontanato la “Martesana”, com’era chiamata l’associazione dal luogo ideale presso la fermata MM2 e trasferito in una zona interna non facilmente accessibile, finchè si è dovuto chiudere la ex “Rappresentanza Intercomunale ENS” e accantonare tutta una gloriosa storia, di cui proprio Francesco Cremonesi era stato un attivo e fervente “volontario”, anzi il più propositivo fra tutti, alla “Fiera di San Giuseppe” in diversi anni, con mostre e stand per la festa patronale, poi pranzo di fine anno con pranzi fatti arrivare da una rosticceria, il tutto con autorizzazione e auspicio dell’Amministrazione comunale, e poi ritrovi per la “Befana dei bambini”, figli dei sordi, il Carnevale con grandi e piccoli, le gare popolari di “caccia al tesoro” nel vicino parchetto, anche questi giochi autorizzati dall’Amministrazione comunale. E che dire dello Sport, con il Gruppo Sportivo “La Martesana” che ha organizzato gare fra silenziosi a livello sia regionale, sia anche nazionale, di ciclismo lungo un percorso cittadino, poi di tennis da tavolo, con una decina di tavoli fatti portare nella palestra di via Don Milani, poi addirittura i “Giochi della Gioventù” di atletica leggera per sordi, sulla pista di atletica, coinvolgendo il Provveditorato agli Studi di Milano, che aveva diffuso l’invito agli studenti sordi di tutte le scuole elementari e medie della Provincia, poi altre gare, di bocce, dove Cremonesi era un buon giocatore e il primo “tifoso”del Clan Martesana, e altri eventi fra cui il più notevole è stato un Convegno per discutere le questioni scolastiche, «Il sordo oggi… e domani?», che era a carattere regionale, ma sono arrivati anche studiosi e sordi venuti dal sud e dalle isole, nel novembre 1997, e tenutosi nell’Aula Magna della scuola in via Don Milani.

Con la scomparsa di Francesco Cremonesi anche un bel pezzo della storia “silenziosa dell’Associazione Sordi Martesana è passata ai ricordi storiografici, Grazie, Francesco!
Marco Lué

PER SAPERE DI PIU’

Associazione Sordi Martesana

Comune di Cernusco sul Naviglio

Sito Ens 1998