Iscriviti: Feed RSS

Alle Suore Francescane Elisabettine ‘Bigie’ il Premio Ideale Rotariano 2019

Alle Suore Francescane Elisabettine ‘Bigie’ il Premio Ideale Rotariano 2019

Con determinazione unanime del Consiglio Direttivo il Rotary Club di Assisi ha attribuito il Premio Ideale Rotariano 2019 alle Suore Francescane Elisabettine dette Bigie che dal 1949 svolgono quotidianamente in Assisi un esemplare ed amorevole opera di carità nei confronti di giovani ciechi e sordomuti.

Continuano con semplicità francescana il servizio di assistenza “a creature infelici e abbandonate” voluto dal fondatore LUDOVICO DA CASORIA (1814 – 1885 ), proclamato Santo da Papa Francesco il 23 novembre 2014, che, con l’aiuto determinante del filantropo conte Francesco Bindangoli, dette vita nel palazzo prospiciente la piazza della Basilica Inferiore di San Francesco alla struttura che tuttora vi è ospitata.

Da allora – ricorda il Rotary nelle motivazioni deò Premio Ideale Rotariano 2019 – sono passati 148 anni: era infatti il giorno 17 settembre 1871, memoria liturgica delle sacre stimmate di Frate Francesco, quando furono accolti nell’istituto , che attualmente ospita 14 giovani, 2 ciechi provenienti da Assisi e Cannara e 3 sordomuti perugini. Su questa “opera regina, cantico d’amore” come ebbe a definirla il Santo Fondatore si stende la protezione di altre due Sante corregionali di Ludovico da Casoria che collaborarono alle sue opere caritatevoli: Maria Cristina Brando e Giulia Salzano rispettivamente innalzate agli onori dell’altare da Papa Francesco nel 2015 e da Papa Benedetto XVI nel 2010.

Nel dare l’annuncio del Premio Ideale Rotariano 2019 il Presidente del Club Roberto Tamburini ha ricordato che l’ Ideale Rotariano è stato istituto nell’anno 1994 per riconoscere i meriti di coloro che, nei rispettivi ambiti operativi, hanno saputo interpretare la vocazione al “SERVIZIO” che il Rotary pone alla base della propria presenza nella società.

Fonte: assisinews.it

PER SAPERE DI PIU’

San Ludovico da Casoria

Suore Elisabettine Bigie

Leonardo da Vinci di Luigi Pampaloni