Iscriviti: Feed RSS

1907 – Istituto Filippo Smaldone per Sordomuti in Salerno

Le notizie storiche dell’Istituzione di Salerno sono molto brevi o quanto la Superiora della casa di Salerno non è in grado di inviare tutta la documentazione inerente la scuola salernitana per i sordi. Tuttavia siamo a conoscenza che questa Istituzione sorse ai primi del novecento per dare un’educazione ai sordomuti della città e di tutta la provincia ad opera del sacerdote Filippo Smaldone, fondatore del Pio Istituto Sordomuti di Lecce e della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.

Infatti il citato fondatore aprì la scuola per le sordomute nel settembre del 1907 che fu diretta dalle stesse suore con il metodo Oralismo in sostituzione del tradizione mimico-gestuale.

Successivamente l’istituto per sordomute prese il nome di Filippo Smaldone dopo la sua morte e nello stesso periodo ottenne il riconoscimento dello Stato all’equiparazione delle scuole pubbliche con sgravio del Ministero della Pubblica Istruzione per il corpo insegnante specializzato.

Nel 1934 1’Istituto fu trasferito nella nuova sede di Via Pio XI, n.118 di proprietà della stessa Congregazione, in donazione della signora Giulia Giuliano, dove funziona regolarmente l’attività didattica in piena fioritura con la dotazione dei laboratori di addestramento professionale che gli anni successivi vennero arricchiti di evoluzioni pedagogiche speciali e delle moderne apparec-chiature audiologiche per la rieducazione acustica e fonetica, nonché venne aperta anche la sezione maschile.

Negli anni sessanta visto l’incremento della popolazione scolastica l’Istituto non era sufficiente per ospitare tutti soprattutto per i sordi frequentanti la scuola media, allora la Congregazione aprì l’altra istituzione nella stessa città per le scuola media in Via Vito Lembo che svolge attivamente tutt’oggi la sua attività dal febbraio 1969.

Infatti a Salerno esistono due istituzioni appartenenti alla stessa Congregazione con rispettive competenze scolasti-che, nella prima sede la scuola materna ed elementare in quella nuova la scuola media autorizzata.

Successivamente si realizzò la scuola professionale per programmatori sordi.

Attualmente ha una popolazione scolastica di 65 alunni ed alunne nella sede di Via Pio XII, 118 e nella nuova sede ospita una ottantina di ragazzi sordi frequentanti la scuola media e la scuola professionale in Via Vito Lembo. Le due Istituzioni sono considerate speciali ed assistite dalle Suore educatrici specializzate che continuano regolarmente 1’attività nonostante il boom dell’inserimento dei sordi alle scuole normali in tutte le parti d’Italia.

L’Istituto Smaldone di Salerno è la quarta fondazione della Congregazione delle suore salesiane per l’educazione dei sordomuti iniziata a Lecce nel 1885, poi a Bari nel 1893, Roma nel 1898. Dopo Salerno apriranno le seguenti istituzioni di Manduria-Taranto (1937), Napoli (1951), Foggia (1963), Barletta (1985) ed infine a Palmi (Reggio Calabria) nel 1988.

SAC. FILIPPO SMALDONE
Noto sacerdote fu maestro dei sordomuti presso la Pia Casa Arcivescovile di Napoli e poi di Lecce chiamato dal Sac. Apicella per dirigere l’istituto per sordomute, fondò poi la comunità religiosa per l’educazione dei sordomuti che prese nome di Congregazione delle Suore salesiane dei Sacri Cuori oltre che per i sordomuti aprì tante case per l’infanzia abbandonata e per i ciechi.
Per quanto riguarda il campo scolastico dei sordi, l’istituto di Salerno fu l’ultima casa fondata da lui stesso in vita dopo Bari (1893) e Roma (1898). Fu piena gioia per il Sac.Smaldone aver compiuto in Campania l’Istituzione proprio nel capoluogo della Regione dove lui nacque. Nella sua città sarà aperta nel 1951 una istituzione a sue nome ad opera delle sue figlie salesiane.

LA DIREZIONE
Fin dalla fondazione la Direzione dell’Istituto fu affidata alla Superiora designata dalla Curia generalizia della Congregazione e, successivamente all’istituzione dell’altro Istituto di Salerno (1969), il superiorato della casa di Salerno viene diviso per competenza tra le due superiore delle due case, una per la Casa di Via Pio XII, l’altra per la Casa di Via Vito Lembo. L’elenco delle superiore non è possibile – per momento – rintracciarlo. Comunque il mondo di oggi ricorda le Suore che hanno donato la propria vita dedicandola con tutta la vocazione e l’amore ai sordi.

NOTE DI EVIDENZA E RIEPILOGATIVE
1907 – Fondazione dell’Istituto Sordomute di Salerno
1923 – La morte del sac. Filippo Smaldone (fondatore delle Suore Salesiane dei sacri cuori)
1934 – Nuova sede dell’Istituto in Via Pio XII, 118
– Equiparazione alle scuole pubbliche per sordi
1969 – Apertura dell’altro istituto della stessa appartenenza per la scuola media e scuola professionale:

ALTRE PAGINE DELLO STESSO COLLEGAMENTO ED ORGANIZZAZIONE
* Smaldone Filippo
* Congregazione delle Suore Salesiane dei sacri Cuori
– Istituto ‘Smaldone’ di Lecce, Bari, Roma, Manduria (TA), Napoli, Foggia, Barletta (BA) e Palmi (RC).

STORIA DELL’ISTITUTO FILIPPO SMALDONE DI VIA PIO XI
L’Istituto per sordi in Salerno funziona dal lontano 1907 per volontà del Beato Filippo Smaldone, fondatore della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.
Negli anni ’30 si è trasferito nell’attuale stabile – in Via Pio XI, 118 – donazione della signora Giulia Giuliano. Nel corso degli anni gli ampliamenti e le ristrutturazioni sono stati tali da rendere l’Istituto funzionale e rispondente ai bisogni degli utenti e ai moderni orientamenti didattici e tecnologici. La finalità dell’opera continua ad essere “l’evangelizzazione attraverso l’istruzione e l’educazione dei sordi”, provenienti dall’Italia centro-meridionale e insulare.
I servizi offerti sono:
– servizio diagnostico e protesico
– intervento precoce
– scuola materna specializzata
– scuola elementare specializzata
– intervento logopedico continuativo
– convitto o semiconvitto
– attività sportive e ricreative.
Gli alunni completano la loro formazione culturale in strutture gestite dalla medesima Congregazione religiosa:
– Scuola Media, Salerno, Via Vito Lembo, 1
– Corsi professionali, Salerno, Via Vito Lembo, 1
– ITC Programmatori, Barletta, Corso Cavour, 81.
Risorse umane e professionali
Nei vari servizi gli operatori sono figure professionali altamente qualificate:
– medico fono-audiologo
– protesista
– psicologo
– logopediste
– insegnanti
– educatori.
La comunità educante è composta da personale religioso, coadiuvato da personale laico, che collabora accettando l’identità apostolica della Scuola.
Risorse tecniche
L’Istituto dispone di:
– centro diagnostico
– aule scolastiche
– palestra
– sala multimediale
– centro di educazione ritmico-fonetica
– centro logopedico
– sala per convegni.
Il servizio di segreteria e di riabilitazione è informatizzato.
Risorse finanziarie
L’istituto fruisce di sovvenzionamenti di enti pubblici:
– Ministero Pubblica Istruzione – Convenzione di parifica delle classi – Decreto di Parità – ASL – Regione Campania – Convenzione 26 maggio 1994 – Accreditamento 26 novembre 1996 e Province e Comuni.

STORIA DELL’ISTITUTO FILIPPO SMALDONE DI VIA VITO LEMBO
Sono passati poco più di trent’anni da quando, il 24 febbraio 1970, fu inaugurato l’Istituto per sordi di Mercatello-Salerno –per continuare la volontà del Beato Filippo Smaldone, fondatore della Congregazione delle Suore Salesiane dei Sacri Cuori.
Inizialmente, l’istituto è sorto per ospitare la Scuola Materna su iniziativa di Madre Chiarina Pezzuto, che successivamente fu trasferita nella sede di Via Pio Xl.
Nel 1974 i locali furono ristrutturati per consentire la frequenza della Scuola Media agli alunni sordi.
I Corsi di Formazione Professionale iniziarono nel 1988 autorizzati e riconosciuti dalla Regione Campania.
La finalità dell’Opera è “L’evangelizzazione dei sordi attraverso l’istruzione, l’educazione e la formazione, che li preparano all’inserimento nel mondo lavorativo”.
Gli studenti che frequentano il nostro Istituto provengono dall’Italia centro meridionale e insulare.
Risorse umane e professionali
Nei vari servizi gli operatori sono figure professionali altamente qualificate:
– medico fono-audiologo
– protesista
– psicologo
– logopediste
– insegnanti
– educatori.
La comunità educante è composta da personale religioso, coadiuvato da personale laico, che collabora accettando l’identità apostolica della Scuola.
Risorse tecniche
L’istituto dispone di:
– centro diagnostico
– aule scolastiche
– palestra
– campo di calcetto e di pallavolo sala multimediale
– laboratori di computer e di estetica
– centro logopedico
– sala per convegni
Il servizio di segreteria e di riabilitazione è informatizzato.
Risorse finanziarie
L’istituto fruisce di sovvenzionamenti di enti pubblici:
– ASL – Regione Campania – Province e Comuni.

is064 (1994) Franco Zatini

PER SAPERE DI PIU’

Visualizza sito Smaldone Salerno


 

  1907 ISTITUTO FILIPPO SMALDONE PER SORDOMUTI IN SALERNO
(Suore salesiane dei Sacri Cuori)