Iscriviti: Feed RSS

Santuario della B.V. di Montelungo in Ruino (Pavia)

Il Santuario della Beata Vergine di Montelungo sorge sul dorso prolungato di un colle, in parrocchia di Ruino nell’Oltrepo pavese, in Diocesi di Piacenza-Bobbio. Tra i molti  Santuari mariani disseminati in tutta Italia, quello di Montelungo è certamente uno dei più antichi.

Nell’anno 774 l’imperatore Carlo Magno donava il luogo di Montelungo al Monastero di San Colombano fondato a Bobbio nell’anno 614. Questa donazione venne in seguito confermata da altri imperatori nell’anno 865, 895, 903 e fino al 930 troviamo documenti che ne confermano la continua appartenenza a tale monastero.

Secondo la tradizione popolare l’origine della chiesa sarebbe avvenuta in secoli remoti in seguito alle apparizioni della Madonna ad una povera fanciulla sordomuta di Lagagnolo, miracolosamente guarita. Veniva imposto alla giovane di propagandare la costruzione di un Santuario dove dove avrebbe compiuto molti miracoli.

La vecchia chiesa venne più volte ricostruita e di essa rimane solamente l’affresco con l’immagine miracolosa della Vergine con Bimbo lattante, tuttora venerata sull’altare maggiore dell’attuale Santuario.

Nel 1929, essendo pericolante la vetusta chiesa, il Vescovo di Bobbio Pellegrino consigliava l’erezione di un nuovo Tempio su un colle più sicuro poco lontano. I lavori ebbero inizio per volontà di Mons. G. Zeppa; il Santuario fu consacrato il giorno 8 maggio 1942.

Nel 1963 sull’area dell’antica chiesa di Montelungo, venne eretta una Cappella a ricordo dei fatti miracolosamente là avvenuti. Il Santuario, a tre navate, presenta due cappelle laterali, una dedicata al Sacro Cuore di Gesù, l’altra a San Giuseppe.

L’altare Maggiore è dedicato a Nostra Signora di Montelungo con l’antico affresco, a destra dell’ingresso si può osservare una statua della Madonna con Bambino dell’ottocento.

Le massime festività del Santuario di Montelungo ricorrono, per antica tradizione il 1° Maggio e l’ultima domenica di Settembre.

PER SAPERE DI PIU’

Ruino

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini