Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Madonna della Civita, di Itri (Latina)

Un pastore, sordo e muto, avendo un giorno smarrito un bue, volle avventurarsi per le ripide balze del monte, alla ricerca del bue. Giunto sul cocuzzolo di monte Civita, vide con sommo stupore il proprio bue inginocchiato ai piedi di un elce, con la testa rivolta verso l’alto e gli occhini fissi sopra un quadro della Madonna, che, tutta bella, era lassù tra i rami del frondoloso elce.
“Al muto si sciolse la lingua”: questo fu il primo miracolo compiuto dalla Vergine Santissima, in questa sua nuova dimora. Primo miracolo di un numero infinito di meraviglie, che, attraverso i secoli, ininterrottamente, la Gran Madre di Dio avrebbe fatto ai suoi devoti. Così, lo cita nella storia dei Santuari mariani legati alla storia della comunità sorda (Giovanni De Carlis, 1971).

Madonna del Sordomuto di Monte Civita

Le origini sono avvolte in un alone di leggenda:
Durante la persecuzione di Leone Isaurico, Imperatore di Costantinopoli, nell’ VIII secolo furono distrutte tutte le immagini sacre. Due monaci basiliani sorpresi dai soldati mentre nascondevano questa icone (dipinto su legno) miracolosa di  Maria  SS.ma, per punizione e sfida, furono chiusi in una cassa, insieme alla medesima e gettati in mare: “Se veramente è così miracolosa, vi salverà” dissero.  Infatti la Madre del Cielo dimostrò la sua protezione verso questi due consacrati, pronti perfino a dare la vita.

 

Dopo 54 giorni questa cassa galleggiante toccò la sponde di Messina e successivamente di Gaeta.

Un pastore sordomuto,
alla ricerca di una mucca smarrita tra questi monti,la ritrovava sulla sommità della Civita.  Il pastore, avuto immediatamente l’udito e la parola, corse lieto in paese (a Itri)  a dare la grande notizia. Fu così affidata ai monaci Benedettini, che all’epoca erano in Figline, a circa 3 Km. dalla cima suddetta sulla strada mulattiera che va verso Fondi.
Il primo documento lo troviamo a Monte Cassino datato 1147 e parla di una Donazione del Giudice (Sindaco) di Itri all’abate Riccardo per il restauro della chiesetta della Madonna della  Civita, affidata alla custodia di  Fra Bartolomeo.  Nel 1491 il Vescovo di  Gaeta  mons.F. Patrizio consacrò con grande solennità una nuova Chiesa, rispondente al crescente afflusso dei pellegrini e la intitolò all’Immacolata, come il Concilio di Basilea pochi anni prima aveva incoraggiato a venerare Maria.  Numerose e continue furono le grazie che Lei elargiva ai devoti, ma la più grande certamente fu quella del 21 luglio 1527: liberò dalla peste tutti gli abitanti dei paesi circostanti.

Da quell’anno la festività liturgica è stata fissata da  mons. Pergamo, Vescovo di Gaeta,  al  21 luglio. L’icona ha avuto una duplice incoronazione: 1777-1877.   Per il crescente afflusso non era più sufficiente il Santuario preesistente, perciò  l’ing.  De Donatis  stilò  un  progetto che passò alla realizzazione nel 1820. Il Portico invece è restato intatto.
Il nuovo Tempio veniva inaugurato nel 1826.
Si preparava così a ricevere, il 10 febbraio 1849 un illustre pellegrino:  Pio IX, esule a  Gaeta, che vi salì col  Re di  Napoli Ferdinando II; egli, a ricordo, volle far realizzare la via Civita Farnese (ora Statale 82).  Fu proprio ai piedi di questa immagine che il Papa ebbe l’ispirazione di definire per i credenti del mondo intero,il  Dogma  dell’Immacolata  Concezione.
Così  infatti  avvenne  l’8 dicembre del  1854 in Piazza S. Pietro. Dai primi mesi del 1985 è stato affidato alla cura pastorale dei Padri Passionisti, fino a tutt’oggi. L’afflusso dei pellegrini è stato sempre in aumento, ma specialmente in questi ultimi anni: dalla  Pasqua al  1° novembre.  In alcune Celebrazioni domenicali si è costretti  a celebrare la  Santa Messa sul  Piazzale.  Perciò si sta pensando di realizzare, non un nuovo Santuario, ma una grande sala capace di accogliere almeno 1.500 persone.
Attualmente è meta di quasi mezzo milione di pellegrini l’anno, di cui non meno del 10% sale ancora a piedi con grande devozione, da Cellole (CE) a 42 Km. da Pontecorvo (Frosinone) a 37 Km. ecc..
Radio Civita, sorta nel 1988, consente a migliaia di persone, specie malati, di unirsi spiritualmente alle Lodi dei fortunati che anno potuto raggiungere il Sacro Tempio; e, 24 ore su 24, attraverso catechisti  illustra il messaggio cristiano.
Il 25 giugno 1989, anche Sua S. Giovanni Paolo II ha  voluto  farsi pellegrino di pace salendo a venerare, con il  Card.  Poletti,  l’Arciv. diocesano  Farano,  varie autorità religiose e civili, la  Vergine SS. della Civita.
Fonte: santuariodellacivita.it

PER SAPERE DI PIU’

Comune di Itri

Santuario della Madonna del sordomuto (Civita)


 Il Santuario della Madonna della Civita,
di Itri, Latina