Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Madonna della Neve di Adro (Brescia)

Il Santuario è sorto in seguito all’apparizione della Madonna in questo luogo a un pastorello sordomuto dalla nascita,  Battista Comino Bajoni, l’ 8 luglio 1519.

Il messaggio della Madonna conteneva un richiamo ad una vita cristiana un po’… più cristiana, e la costruzione di un santuario.

Il miracolo del sordomuto che ha cominciato a udire e a parlare ha fatto sorgere in tempo di record il santuarietto (1521).

Di questo si conserva solo l’abside con l’affresco dell’apparizione a fianco dell’altare maggiore attuale.  L’affresco è del 1550 circa.

Il santuario fu visitato da San Carlo Borromeo nel 1581.

Divenuto troppo piccolo per l’affluenza dei pellegrini, nel 1750 fu demolito per far posto a quello attuale. Fu costruito su disegno dell’architetto Gaspare Turbini e inaugurato nel 1776.

 

La sua vita ha incominciato a rifiorire non appena ebbe un’appropriata assistenza con lo stabilirsi dei Carmelitani di Santa Teresa, che costruirono il convento qui accanto con il loro seminario. Sotto il profilo architettonico il santuario è veramente pregevole.

Il centro spirituale, dopo il tabernacolo, è la Cripta (scuròlo) posta sotto l’altare maggiore.

La statua attuale in legno dorato è dello scultore Poisa di Brescia e sostituisce la primitiva del Fantoni.

Fu visitato da Giovanni XXIII e Paolo VI quand’erano cardinali. Accanto al Santuario un discreto parco ben ombreggiato, con tavoli e panchine offre gradito ristoro ai pellegrini.

Festa del 5 agosto
É la sagra della Franciacorta, la classica terra del Pinot. Se per i paesi vicini la partecipazione è come un dovere a cui nessuno si sottrae, al Santuario, quel giorno, s’incontra gente venuta da paesi anche molto lontani. Già alle 6 del mattino il Santuario è gremitissimo. E cosi si mantiene per tutta la giornata. Un rito a cui tutti tengono è lo scendere in cripta “a vedere la Madonna”. All’esterno del Santuario una fila interminabile di bancarelle reclamizzano i prodotti più svariati, costituendo il paradiso dei ragazzi, e non soltanto di loro. Ampi spazi approntati dall’amministrazione comunale permettono il parcheggio delle automobili.

I riti religiosi prevedono la celebrazione di Messe a tutte le ore del mattino. Nel pomeriggio alle ore 16 – 17 – 18 – 19.
Da P. Romano

PER SAPERE DI PIU’

Adro (Brescia)

re083 (2005)



Visualizzazione ingrandita della mappa

_______________________________________________

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini