Iscriviti: Feed RSS

Priorità politiche sociali dello Stato per l’anno 2007 (Newsletter della Storia dei Sordi n.203 del 14 marzo 2007)

Il Ministro della Solidarietà Sociale On.le Paolo Ferrero individua quali sono le priorità politiche del medesimo Ministero per l’anno 2007, con  l’importante documento di programmazione in base a quanto previsto dalla direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri   in  materia di programmazione strategica.

Ecco il documento della programmazione strategica per l’anno 2007 – Individuazione delle priorità politiche – del Ministero delle Solidarietà Sociale indirizzato ai competenti uffici e direzioni dello stesso Dicastero cliccando qui, fra l’altro, sulla “disabilità” leggi di seguito:

“””…il Ministero dovrà svolgere un’azione di coordinamento e confronto tra tutti i soggetti interessati alle politiche che riguardano le persone con disabilità, dando attuazione ai principi contenuti nei più recenti documenti definiti in ambito di organismi internazionali. E’ infatti stata adottata dall’Assemblea generale dell’ONU, ed è quindi avviato il processo che porterà alla ratifica, la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Pertanto, l’Amministrazione dovrà porre un notevole impegno per l’attuazione di tale atto affinché le persone disabili siano riconosciute soggetti titolari di diritti e venga loro garantita la possibilità di prendere parte attivamente alla vita politica, economica, sociale e culturale.
Analogo impegno richiederà l’implementazione del Piano d’Azione del Consiglio d’Europa 2006-2015 al fine di promuovere i diritti e la piena partecipazione nella società delle persone disabili, nonché di migliorare la qualità della loro vita, anche con riguardo agli appartenenti a minoranze e comunità immigrate.
Una particolare cura dovrà essere dedicata alle questioni relative alle procedure di accertamento della disabilità (invalidità, riconoscimento handicap ex art. 3 della l. 104/92, ecc.), anche in coordinamento con le altre Amministrazioni, proseguendo le azioni dirette alla diffusione e sperimentazione ai fini dell’utilizzo della nuova Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF) approvata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità…”””

nw203

 


 

Newsletter della Storia dei Sordi n.203 del 14 marzo 2007