Iscriviti: Feed RSS

Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo

Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo. L’autore approfondisce le problematiche sulla scolarizzazione dei sordi e degli audiolesi nelle classi delle pubbliche scuole.

Sono trascorsi trent’anni dall’approvazione della legge 517/1977, che “apriva” la scuola residenziale ai “portatori di handicap”. Renato Pigliacampo, denominato, “il Guerriero del Silenzio” della comunità silente -, è in prima fila come studioso attento, convincente nella ricerca scientifica, nella capacità di narrare e focalizzare le questioni più complesse, con le vaste conoscenze disciplinari e il fine ultimo di essere utile ai simili; irrompe nella legge per denunciarne le deficienze e conosce il giogo della disabilità.

Ma la sua fiducia nel bambino sordo è inesauribile: stimola, convince, tallona i genitori e gli operatori a “sposare” la sordità, anzi il Silenzio: lo fa senza pregiudizi, senza vedere il bambino “sordo”, peggio “handicappato”.

Egli ci stimola a crescere insieme al Silenzio, convincendoci che il bambino è una ricchezza per tutta la scuola quando chi gli è vicino si impegna  nell’abbattimento delle “barriere di comunicazione”.

L’autore, bilingue efficace, vale a dire con conoscenza diretta della lingua dei segni (LIS), tiene seminari ed è visiting in varie università italiane. Nel testo porta conoscenze sociopsicopedagogiche e linguistiche, antropologiche e neurolinguistiche, efficace nell’elaborare una teoria, talvolta originale, avente l’obiettivo che il bambino sordo è vincente, sempre, se la famiglia, gli operatori e i docenti specializzati sono in grado di maturare la didattica secondo i processi psicocognitivi e linguistici.

Il volume è ideale per la formazione dei docenti specializzati e curricolari, dei professionisti operanti nelle strutture sociosanitarie, per i familiari.

Renato Pigliacampo, audioleso grave sin dall’infanzia, ha studiato nelle scuole specializzate. Dopo un breve periodo d’insegnante nelle scuole per non udenti è stato, per decenni, psicologo presso una ASL delle Marche, didatta in enti di formazione per operatori di disabili.

È incaricato di Laboratorio dei linguaggi per il sostegno e di Psicologia del minorato sensoriale presso l’Università di Macerata, oltre ad essere visiting all’Università di Urbino e in altri atenei italiani.

Tra le sue pubblicazioni, nelle nostre edizioni: Lo Stato e la diversità (1983), Handicappati e pregiudizi. Assistenza-lavoro-sessualità (1994), Dizionario delle disabilità, dell’handicap e della riabilitazione (2003) e, con lo pseudonimo di Scuola di Silenzio,  Lettera ad una Ministro (e dintorni) (2005).

Parole nel movimento. Psicolinguistica del sordo
di Renato Pigliacampo
Collana Medico-psico-pedagogica diretta da Giovanni Bollea.
Roma, 2007, Armando Editore, pp.288.

Nelle migliori librerie oppure scrivere alla casa editrice via email Armando Editore
rc084 (2007)

__________________________________________________
«Bisogna avere il coraggio di amare il Silenzio, scritto con la S maiuscola, perché dietro, tout-court,  c’è tutto un mondo di persone “meravigliosamente speciali”, vale a dire bambini e adulti che non possono udire intelligibilmente la parola tramite la percezione acustica. Nel corso dei secoli, a seconda dei momenti, sono stati indicati: sordomuti, sordi, sordastri, non udenti, maleudenti, anacusici, ipoacusici, audiolesi, deboli d’udito, duri d’orecchio, cofotici. Io li chiamo semplicemente persone del Silenzio, miei fratelli: e so che,  pronunciandone il nome, mi attribuisco il merito di far parte di quel mondo migliore, che procede con una marcia in più.» (Renato Pigliacampo da Pensieri e riflessioni sul Silenzio)
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla) .
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini