Iscriviti: Feed RSS

Giornata Mondiale dei Diritti Umani (Newsletter della Storia dei Sordi n.377 del 10 dicembre 2007)

Il 10 dicembre 2007, Giornata Mondiale dei Diritti Umani, segna l’inizio delle celebrazioni per il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che si protrarranno fino al 10 dicembre  2008, giorno in cui la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) compirà 60 anni.

Si tratta del fondamento stesso del diritto internazionale in materia di diritti umani, della prima dichiarazione di carattere universale sui principi fondamentali dei diritti umani inalienabili, e rappresenta un obiettivo comune, che tutti i popoli e le nazioni intendono conseguire.

La Dichiarazione, redatta dai rappresentati di tutte le regioni e di tutte le tradizioni legali, col tempo è stata riconosciuta come contratto fra i governi e i loro cittadini, e tutti gli stati l’hanno, almeno virtualmente, accettata. Essa ha costituito il fondamento per un sempre più ampio sistema di tutela dei diritti umani, che oggi si concentra anche sui gruppi maggiormente vulnerabili (persone disabili, popolazioni indigene, lavoratori migranti ecc.). È attualmente il documento più tradotto nel mondo.

Adottata dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 1948, la Dichiarazione è composta da 30 articoli, preceduti da un preambolo che afferma: “il riconoscimento della dignità è intrinseco agli esseri umani, e i diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana costituiscono la pietra angolare su cui si fondano libertà, giustizia e pace nel mondo”.

All’approssimarsi del 60° anniversario della Dichiarazione, è opportuno mettere in evidenza il carattere sempre attuale e l’universalità di un documento, il cui valore resta intatto nel tempo, e che ci riguarda tutti: oggi più che mai. I diritti umani non sono soltanto patrimonio comune di valori universali che trascendono culture e tradizioni, ma rappresentano fondamentalmente valori locali e impegni nazionali solidamente radicati in trattati internazionali e ordinamenti legislativi nazionali.

La commemorazione del 60º Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è finalizzata al coinvolgimento del numero più alto possibile di persone, per evidenziare il ruolo della gente di tutto il mondo come custodi e beneficiari della Dichiarazione. Saranno interessate alla commemorazione le Nazioni Unite nel loro complesso, il settore pubblico e privato, i media, le scuole, gli artisti e i rappresentanti della società civile in ogni parte del mondo.

È per questo che oggi, in occasione della Giornata dei Diritti Umani 2007, le Nazioni Unite lanciano una campagna di informazione e sensibilizzazione, della durata di un anno, a cui parteciperà l’intero sistema ONU; in particolare, la campagna è un’iniziativa del Segretario Generale delle Nazioni Unite e sarà condotta dall’Alto Commissario per i Diritti Umani con il supporto di agenzie, dipartimenti e fondi ONU, e di altri partner internazionali e locali, per celebrare la Dichiarazione e la promessa: “Dignità e Giustizia per Tutti Noi”.

La campagna intende sollecitare la vasta partecipazione degli individui e delle istituzioni – dalle organizzazioni globali ai gruppi di pressione della società civile, – in modo da rendere la Dichiarazione una realtà per tutti.

A Bruxelles il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite (UNRIC) ha creato un nuovo sito internet, che funge da contenitore di idee per commemorare l’anno dei diritti umani: www.conosciituoidiritti2008.org (KnowYourRights2008.org). La grande interattività del sito permette a chiunque, in tutti paesi del mondo, di aggiungere o scaricare file multimediali e di condividere progetti e iniziative per la Dichiarazione Universale.

Anche in Italia, per celebrare il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani,sono previste molte manifestazioni.

Il Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità celebra la Giornata con una serie di eventi – in programma nella capitale – che intendono fornire lo spunto per una riflessione critica sullo stato attuale dei diritti umani nel mondo, sulla libertà, l’uguaglianza, la dignità delle persone, la lotta contro ogni forma di discriminazione.

Ad aprire le celebrazioni a Roma sarà, il 10 dicembre, la mostra a tema all’Auditorium Parco della Musica di Roma–Museo Archeologico: “Vignette dal mondo per i Diritti Umani”, aperta fino al 10 gennaio 2008 – che raccoglie disegni dei più autorevoli vignettisti/editorialisti di 25 Paesi del mondo.

Seguirà il convegno “Matite per i diritti: un sorriso amaro” al quale interverranno, oltre a vignettisti, autorità nazionali, internazionali e delle Nazioni Unite. Contemporaneamente, sarà lanciata, da parte dell’Alto Commissariato per i Diritti Umani, la campagna “Dignità e Giustizia per tutti“.

A conclusione delle celebrazioni si terrà, martedì 11 dicembre, un incontro-dibattito con gli studenti delle università e delle scuole della capitale presso l’Università degli Studi “La Sapienza“.
Fonte: Governo.it – nw377

INFO:

Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo

Dichiarazione dei diritti delle Persone con minorazioni uditive

Dichiarazione dell’ONU sui diritti dei Portatori di Handicap

Convenzione internazionale dei diritti delle Persone con la disabilità (ONU in corso di approvazione)


Newsletter della Storia dei Sordi n.377 del 10 dicembre 2007