Iscriviti: Feed RSS

Salvatore Di Toto, detto Lu muparielle (Newsletter della Storia dei Sordi n. 580 del 7 novembre 2008)

Salvatore Di Toto (Lu muparielle). Salvatore Di Toto, ‘lu muparielle’ (nato 1912) è morto nel 1974 all’ospedale di Casoli aveva 62 anni.
Era sordomuto per questo lo chiamavano “Lu muparielle”. Si racconta che i genitori emigrarono negli anni 40 e quando a Napoli “passarano” la visita se erano idonei per imbarcarsi per l’America il loro figlio, siccome era sordomuto, fu scartato e non fu fatto partire.
I genitori partirono e lui se ne tornò a Torricella dove visse insieme ad una coppia di vecchietti. Poi quando questi morirono, lui rimase solo e si guadagnava la vita facendo l’imbianchino, ed era anche molto stimato. Molte case sono ancora con le camere pitturate da “Lu muparielle”.
Amava fare di testa sua, sia nella scelta dei colori che nella fantasia.
Era specializzato nel pittare le pareti come dei marmi con le venature.
Il suo amico fidato era Vincenzo Peschi, il barbiere, con cui riusciva a farsi capire e a capire lui.

Nella foto è a cavallo della sua inseparabile motocicletta, alla Madonna delle Rose.
Fonte: torricellapeligna.com

INFO:

Torricella Peligna (Chieti)  (Comune)

nw580


 

Newsletter della Storia dei Sordi n. 580  del 7 novembre 2008