Iscriviti: Feed RSS

Reti Amiche (Newsletter della Storia dei Sordi n. 592 del 25 novembre 2008)

La Nuova esperienza della Pubblica Amministrazione a favore dei cittadini, anche delle persone con la disabilità sull’istituzione “Reti Amiche” in attivazione delle strutture pubbliche (Poste e Tabacchi) del nostro Paese. Leggiamo questo:

P.A.: Brunetta, “RETI AMICHE” attive in 7 milla uffici postalie  tabacchi
Roma, 4 nov – ”Sono gia’ 7mila i punti di contatto attrezzati nell’ambito del Progetto Reti Amiche fra uffici postali e tabaccai. Il numero arrivera’ a quota 40mila nel 2009 e puntiamo a raggiungere i 100mila punti di contatto nel 2010”. Lo ha annunciato questa mattina il ministro per la PA e l’Innovazione Renato Brunetta nel corso della conferenza di presentazione del progetto Reti Amiche.

Rinnovo e richiesta del passaporto, pagamento e riscatto della laurea, pagamento contributi per colf e bandanti e rilascio permessi di soggiorno i servizi gia’ operativi, grazie all’interfacciamento dei dati con Ministero dell’Interno e Inps. E dal 2009 verranno implementati visti per il passaporto, prenotazione e pagamento ticket sanitari e consegna dei referti medici.

”Con il progetto Reti amiche – ha sottolineato il ministro – puntiamo a migliorare l’efficienza della Pubblica amministrazione, il contatto fra Pa e cittadini e i servizi offerti alla collettivita’ e a ridurre gli oneri per le amministrazioni nelle transazioni fra pubblico e privato. Il tutto a costo zero per lo Stato. Per fornire i servizi ai cittadini – ha spiegato il ministro – siamo partiti dalle reti di soggetti già esistenti come tabaccai e Poste italiane, per creare efficienza ma soprattutto amicizia con il cittadino. E stiamo lavorando con Unicredit, Coldiretti e Carabinieri. Spero – ha concluso Brunetta – che anche le Ferrovie possano partecipare al progetto e ad ogni modo la rete e’ aperta e ben vengano nuove candidature”. red/sam/bra da ASCA-CORRIERE COM. –

Che cos’è “Reti Amiche”
“Reti Amiche” è un’iniziativa del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione per facilitare l’accesso dei cittadini-clienti alla PA e per ridurne i tempi di attesa.

“Reti Amiche” porta la burocrazia più vicino al cittadino, moltiplicando i punti di accesso grazie alla collaborazione tra Stato e privati che dispongono di reti in contatto continuo e quotidiano con milioni di clienti. Nasce così una competizione virtuosa tra pubblico e privato, senza oneri per lo Stato e a tutto vantaggio dei cittadini.

I partner
Il Ministero per la Pubblica Amministrazione incoraggia gli accordi tra le amministrazioni, gli enti e le reti, concedendo il marchio “Reti Amiche” a quei partner che offrono servizi di interesse collettivo secondo le finalità del progetto.

I primi partner di”Rete Amiche” sono due tradizionali punti di riferimento per l’erogazione di servizi a cittadini e famiglie: le Poste e i Tabaccai (nei loro siti il cittadino-cliente, inserendo il proprio Cap, può trovare l’elenco dei punti attivi più vicini).

Tra i partner di “Rete Amiche” ci sono tradizionali punti di riferimento per l’erogazione di servizi a cittadini e famiglie: le Poste e i Tabaccai. I fornitori dei servizi sono l’INPS e il Ministero dell’Interno.

I servizi
· Rinnovo o richiesta del passaporto
· Pagamento riscatto laurea
· Pagamento contributi colf e badanti
· Rilascio permessi di soggiorno

La campagna radiotelevisiva e sulla stampa
Per consentire una maggiore conoscenza dei primi servizi di “Rete Amiche” è stata prevista la messa in onda, di spot  multimediali  e di inserti pubblicitari. Gli spot televisivi, della durata di 35″, saranno trasmessi sulle reti Rai e Mediaset nonché su La7, Sky Tv e numerose emittenti locali. I clip audio andranno in onda su network radiofonici nazionali e locali. Gli  inserti pubblicitari saranno diffusi su quotidiani e periodici di livello nazionale.

Logo Reti Amiche Logo “Reti Amiche”

Fonte: funzionepubblica.it

link allo spot video delle poste                          link allo spot video dei tabaccai

nw592


 

Newsletter della Storia dei Sordi n. 592  del 25 novembre 2008