Iscriviti: Feed RSS

Arriva il regolamento aereo europeo (Newsletter della Storia dei Sordi n. 656 del 27 febbraio 2009)

Arriva il regolamento aereo europeo

E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo riguardante le sanzioni che si applicheranno, nel nostro paese, nei casi di violazione del Regolamento comunitario dell’11 luglio 2006.

Quest’ultimo disciplina la materia relativa ai diritti delle persone con disabilità e delle persone a mobilità ridotte nel trasporto aereo.

Per rendere efficace il provvedimento il Regolamento comunitario prevedeva che ogni paese definisse un proprio regime sanzionatorio da applicare nei casi di mancato rispetto delle norme. L′Italia ha tenuto fede a questo impegno.

Ecco alcune delle sanzioni previste:

–     fino a 20 mila euro di multa in caso di mancata informazione

–     fino a 40 mila euro in caso di mancata prenotazione

–     fino a 120 mila euro quando una compagnia aerea, o un operatore turistico, nega in modo immotivato l′imbarco su un volo regolarmente prenotato ad una persona con disabilità o a mobilità ridotta.

Rispetto alla prima formulazione sono stati rivisti gli importi delle sanzioni pecuniarie.

E’ stata inoltre rivista la qualità dei servizi di assistenza a terra e in volo, con particolare attenzione all’indicazione dei punti di partenza e di arrivo e sull′obbligo di formazione per il personale impiegato a servizio delle persone disabili.

Lo schema del decreto, già approvato alcune settimane fa in via preliminare dal Consiglio dei ministri, è poi passato al vaglio delle Commissioni parlamentari competenti.

Il Regolamento comunitario, entrato in vigore in ogni sua parte nel luglio 2008, garantisce che tutti i passeggeri possano beneficiare allo stesso modo delle opportunità offerte dal trasporto aereo in un contesto di non discriminazione, accessibilità, assistenza e informazione.

La disciplina europea prevede che ai passeggeri con disabilità o a mobilità ridotta non possa essere rifiutato il trasporto (tranne nei casi in cui è necessario negare l′imbarco per ragioni di sicurezza o per l′inadeguatezza strutturale dell′aeromobile) e stabilisce norme specifiche sul servizio di assistenza, che deve essere gratuito e di elevata qualità.

A.S.  – Fonte: parsifal
nw656


Newsletter della Storia dei Sordi n. 656 del 27  febbraio 2009