Iscriviti: Feed RSS

La Cappella dell’Istituto Gualandi di Giulianova – Via Gramsci

La Cappella dell’Istituto Gualandi di Giulianova – Via Gramsci. Nel 1934 veniva inaugurata sulla Via Gramsci la Cappella dell’Istituto Gualandi, all’interno della massiccia struttura che per anni ha ospitato il benemerito Istituto per Sordomuti, sorta anche per la munificenza di Concetta Castiglione De Berardinis, nobildonna di Penne (Pe) trapiantata a Giulianova.

Con il recente utilizzo di un’ala dell’edificio da parte dell’Università di Teramo, la cappella è stata spostata e ridimensionata.

E’ costituita da un’unica aula, ariosa e ben illuminata, che termina con un’abside a pianta poligonale; qui, sopraelevato di un gradino, è collocato l’altare.

Ai lati dell’abside le statue della Madonna Immacolata a mani giunte e di S. Giuseppe con in braccio Gesù Bambino guardano i fedeli. Sulla parete dietro la statua della Madonna campeggia un dipinto raffigurante la Madonna dei Sordomuti, rappresentata con le braccia strette al petto.

L’opera originale, della scuola del Guercino, è gelosamente custodita nella Cappella della casa madre dell’Istituto Gualandi a Bologna. Inizialmente di proprietà della famiglia Gualandi, il quadro fu donato dal prof. Domenico Gualandi a suo figlio don Giuseppe in occasione dell’inaugurazione della prima sede bolognese dell’Istituto il 10 settembre 1850, intendendo così porre sotto la protezione della Madonna quella pia opera nei confronti dei sordomuti.

Ancora oggi nella mimica dei sordomuti per indicare la Madonna si fa proprio il gesto di stringersi in croce le braccia al petto.

Lungo il corridoio che si percorre prima di entrare nella Cappella sono posti tre finestroni sui cui vetri sono rappresentati a pittura don Cesare e don Giuseppe Gualandi, S. Gabriele, il Beato Nunzio Sulprizio, S. Camillo de Lellis, S. Francesco e varie scene ispirate al Vangelo.

Nella Cappella si celebrano regolarmente le funzioni liturgiche, alle quali viene consentito l’accesso ai fedeli esterni.

Visualizza le foto della Cappella

Fonte: seripubbli.it