Iscriviti: Feed RSS

Falsi invalidi dati non chiari

Falsi invalidi fra bugie e incompetenza: Per mesi, molti mesi, ci hanno raccontato che «un invalido su quattro è falso». Molti gli opinionisti e i politici che si sono spellati le mani plaudendo all’azione moralizzatrice dell’INPS che nel 2010 aveva revocato – a suo dire – il 23% delle pensioni di invalidità.

«Panorama», il settimanale, dedicava alla “piaga dei falsi invalidi” addirittura la copertina (quella del famoso “Pinocchio in carrozzina”) e un robusto dossier che – unendo il verbo INPS e la “pancia leghista” – confermava l’implacabile vergognosa realtà: un invalido su quattro è falso.

Un cavallo di battaglia per la Lega – con soddisfazione del ministro dell’Economia Tremonti – e in particolare del capogruppo alla Camera, Reguzzoni, che arrivava trionfalisticamente a ventilare un risparmio per lo Stato di un miliardo di euro.Ora questi teoremi si sgretolano di fronte all’evidenza di nuovi dati ufficiali.

Su questi aspetti, che sono rilevanti anche per comprendere il contesto in cui si discutono tagli e pseudo-riforme assistenziali, segnalo l’articolo appena pubblicato su Superando.it www.superando.it consigliandone la lettura.

“””«Falsi invalidi»: tra bugie e incompetenza
(di Carlo Giacobini*)
Altro che «un invalido su quattro è falso», come aveva dichiarato soddisfatto nel marzo di quest’anno il presidente dell’INPS Mastrapasqua. Vediamo perché – basandoci semplicemente proprio sulla risposta formale del ministro Sacconi a un’interrogazione parlamentare proveniente dalla Lega – la realtà sia tutt’altra e che ad essere revocate siano state non certo una pensione ogni quattro, ma solo quattro su cento! Ne prendano nota certi giornali, e ne traggano le conseguenze i Parlamentari

Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Maurizio Sacconi. Per mesi, molti mesi, ci hanno raccontato che «un invalido su quattro è falso». Molti gli opinionisti e i politici che si sono spellati le mani plaudendo all’azione moralizzatrice dell’INPS che nel 2010 aveva revocato – a suo dire – il 23% delle pensioni di invalidità.

«Panorama», il settimanale, dedicava alla “piaga dei falsi invalidi” addirittura la copertina (quella del famoso “Pinocchio in carrozzina”) e un robusto dossier che – unendo il verbo INPS e la “pancia leghista” – confermava l’implacabile vergognosa realtà: un invalido su quattro è falso.

Un cavallo di battaglia per la Lega – con soddisfazione del ministro dell’Economia Tremonti – e in particolare del capogruppo alla Camera, Reguzzoni, che arrivava trionfalisticamente a ventilare un risparmio per lo Stato di un miliardo di euro.

Ma al di là di queste improbabili e iperboliche previsioni, infondate sul piano contabile (la Corte dei Conti nel novembre 2010  ha registrato un risparmio di una settantina di milioni su 17 miliardi di spesa), su che cosa si basavano questi luoghi comuni?

Su una dichiarazione del presidente dell’INPS Mastrapasqua, che nel marzo scorso informava soddisfatto come nel 2010 l’Istituto avesse revocato il 23% delle pensioni d’invalidità civile controllate, quasi una su quattro. Nel 2009 quelle cancellate erano state l’11%.

Mastrapasqua affermava che il forte aumento era dovuto «all’affinamento del campione che si va a controllare, considerato che le indagini sono state concentrate nelle aree sensibili, nelle zone del Paese che già avevano evidenziato i maggiori tassi di revoche, che poi sono le stesse dalle quali di solito arriva il più alto numero di domande di pensione d’invalidità».

In Italia, anche presso i giornali, è invalsa la comoda abitudine di assumere come oro colato le veline e le informative dell’INPS, come se l’Istituto fosse un’entità sopra le parti che si pronuncia con crismi di scientificità. E di quelle asserzioni si è fidata anche la maggioranza (assoluta e bipartisan) dei Parlamentari.

A qualcuno ha fatto comodo crederci, altri l’hanno accettata senza porsi interrogativi o dubbi, scambiando dati provvisori e traballanti per definitive certezze.

Una prova? Su cinque mozioni approvate dalla Camera il 21 luglio scorso, quattro riprendono come assunto portante l’affermazione di Mastrapasqua: «nel 2010 revocate il 23% delle prestazioni». C’è chi addirittura (Di Stanislao, Mura, Donadi e altri Parlamentari dell’Italia dei Valori) quantifica – non si sa su quali basi – il risparmio per lo Stato: «È realistico attendersi un risparmio annuale di circa un miliardo di euro, una cifra notevole anche se lontana dagli 8-10 miliardi di euro recuperabili se, teoricamente, le verifiche fossero svolte su tutti» (Mozione 1-00622, approvata dalla Camera il 21 luglio 2011).

Ma il più implacabile è, come sempre, Reguzzoni. Il leghista chiede e ottiene dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Sacconi una risposta scritta sullo stato dell’arte. E Sacconi, a fine settembre, risponde formalmente: «All’interno del piano di verifiche straordinarie a livello nazionale nel 2009 è stato revocato l’11,69% delle prestazioni, ovvero c’è stato il riscontro di 21.282 non conformità su circa 200.000 controlli effettuati. […] Nel 2010 la percentuale di non conformità, su circa 100.000 controlli è  stata del 10,2%, con 9.801 revoche totali».

In sintesi: nel 2010 la percentuale delle revoche è inferiore di un punto e mezzo rispetto al 2009. E soprattutto è clamorosamente falso che una pensione su quattro va ai falsi invalidi. Sacconi potrebbe sbagliarsi? No. Il Ministero non si inventa i dati, ma li chiede all’INPS…

Negli stessi giorni, poi, Nori, il direttore generale dell’INPS – quindi non certo l’ultimo degli uscieri – viene invitato a una Conferenza di Confesercenti per una relazione sulla previdenza, ma fatalmente il suo intervento scivola anche sui controlli sulle false invalidità e racconta che nel 2010 «abbiamo revocato pensioni di invalidità per il 10%, per il 35% abbiamo modificato il giudizio sanitario. Per le revoche siamo in attesa di eventuali contenziosi».

Le modificazioni del “giudizio sanitario” consistono in una ridefinizione della percentuale di invalidità in più o in meno rispetto a quella precedente (ad esempio da 90 a 80% oppure da 75 a 80%), senza incidere sul diritto alla pensione. Conta dunque poco… Il vero dato è il 10% delle revoche sul 2010! 10 non 23! Non una su quattro, ma una su dieci.

Ma Nori dimostra anche onestà intellettuale; infatti sa benissimo che su quelle revoche ci sarà (o è già in corso) contenzioso. E sa anche che – come asseverato formalmente dalla Corte dei Conti il 9 novembre 2010, con Delibera n. 84 – l’INPS soccombe davanti al Giudice per il 67% dei casi che trattano di invalidità civile. Quindi, quel 10% è destinato a scendere di oltre la metà: 4 revoche confermate ogni 100 controlli.

Altro che una pensione ogni quattro: quattro ogni cento! Ne prendano nota certi giornali, e ne traggano le conseguenze i Parlamentari.

P.S.: l’onorevole Reguzzoni è riuscito comunque a trovare qualcosa di “entusiasmante” nella risposta di Sacconi. Il Ministro, infatti, evidenziava che fra il 2009 e il 2010 le domande di accertamento sarebbero scese di 77.039 unità. Secondo Sacconi ciò deriva da una presunta azione deterrente dei controlli posti in essere. In realtà il Ministro dimentica quale sia stato il caos in Italia dal primo gennaio 2010, quando doveva entrare a pieno regime la nuova modalità telematica-informatica dell’invalidità, gestita (ovviamente) da INPS. Per mesi è regnato il disorientamento e la confusione fra i medici di famiglia, i patronati, le ASL e i Cittadini. Ovvio, quindi, che le domande siano scese. Ma per altri motivi!

*Direttore editoriale di Superando.it.”””

Un cordiale saluto
Carlo Giacobini
Direttore editoriale di HandyLex.org