Iscriviti: Feed RSS

Comunicato stampa del Dr Ádám Kósa

Comunicato stampa del Dr Ádám Kósa

I dirigenti dell’Unione Europea hanno discusso della politica inerente la disabilità in Europa, ed erano presenti anche Herman van Rompuy, Presidente del Consiglio europeo; José Manuel Barroso, Presidente della Commissione europea; Jerzy Buzek, Presidente del Parlamento europeo; Viviane Reding, Commissario europeo per la giustizia, i diritti fondamentali e altri, fra cui anche il Commissario europeo Kosa, Adam, presidente di E.P. e il solo sordo partecipante a quel Forum europeo, dove si è discusso della disabilità civile.

Alla  riunione di fine di ottobre, una schiacciante maggioranza ha adottato la relazione del Parlamento europeo, interessato alla volontà cruciale per tener conto della mobilità delle persone con disabilità e le raccomandazioni della relazione sull’ammissione.

Si è sottolineato che la priorità dovrebbe essere di concentrarsi sull’occupazione e dovrebbe quindi essere questa la nuova politica europea. Inoltre si è sottolineato la necessità di sviluppare la cultura della schiera di posti di lavoro; i fondi strutturali devono riservare un elevato grado di accessibilità atto a sostenere un’educazione inclusiva per essere competitivi sul mercato del lavoro alle persone con disabilità “.

Ádám Kósa ha portato l’attenzione della Commissione europea su  una maggiore attenzione all’accessibilità e agli investimenti. “Le persone disabili a livello europeo vogliono diventare cittadini utili”, ha sottolineato il  politico sordo, invitando infine i partecipanti a organizzare un convegno sulla disabilità,  il prossimo anno, nell’edificio del Parlamento; con il coinvolgimento delle parti interessate; al fine di accelerare l’adozione e la maggiore legittimità della Risoluzione ONU.

I presidenti delle istituzioni europee, ritengono che l’Unione europea dovrebbe essere meglio impegnata nella situazione delle persone con disabilità. “È necessario rimuovere qualsiasi ostacolo che impedisce la piena partecipazione di tutti nella società, poiché il coinvolgimento delle persone con disabilità è essenziale per soddisfare le esigenze del mercato del lavoro nel prossimo futuro, E riassumendo quanto fino allora discusso, il Presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek assicura che “Il Parlamento europeo è fermamente impegnato a proteggere i diritti delle persone con disabilità, certificando i loro diritti con tutte le normative pertinenti e  la politica dell’inclusione”,  e da  ultimo, ha sottolineato. Herman van Rompuy, Presidente del Consiglio: “… l’accessibilità e le pari opportunità, devono diventare una realtà anche in questo periodo di crisi, ed è questo il vero significato della nostra parola,. Questa è la vera battaglia che occorre combattere e vincere in Europa, e la società moderna deve riflettersi in tutti i membri”.
nw146

* Convenzione ONU
* Risoluzione del Parlamento Europeo 25 Ottobre 2011
* Raccomandazioni del Comitato dei Ministri dell’Unione Europea sulla migliore qualità delle persone sorde
* Sito di Ádám Kósa
* Il lavoro parlamentare di Kosà
* Adam Kòsà. Primo deputato europeo Sordo nella storia internazionale dei Sordi.

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini