Iscriviti: Feed RSS

Anders Gustav Ekeberg

Anders Gustav Ekeberg,  (Stoccolma, 1767 – Uppsala 1813), affetto da sordità parziale, dopo essersi laureato in chimica all’Università svedese di  Upsala, con una tesi sull’estrazione di olio dalle piante, quindi, trasferitosi in Germania, si è dedicato a un lavoro itinerante presso alcuni valenti chimici. Ritornato in patria nel 1794, ebbe assegnata la cattedra di chimica a Uppsala.
Nel  1802 scoprì il tantalio (dal greco antico Tantalos, un personaggio mitologico) in un campione di roccia proveniente dalla località finlandese di Kimito.

La scoperta gli fu contestata in quanto pareva che il tantalio non fosse altro che il columbio, scoperto nel 1801 da Charles Hatchett. Nel 1846 il chimico tedesco Heinrich Rose scoprì un nuovo elemento che battezzò niobio, e che fu successivamente identificato con l’elemento scoperto decenni prima da Hatchett, dimostrando nel contempo che fosse differente dal tantalio di Ekeberg, il quale è oggi ricordato, oltre che valente chimico, anche come uomo molto colto e amante delle arti. È stato infatti anche poeta e pittore dilettante.

Franco Zatini – nw132

PER SAPERE DI PIU’

Tantalio

Storia dei Sordi d'Italia