Iscriviti: Feed RSS

La Messa e i sordi

La sordità viene spesso definita “handicap invisibile” ma anche “l’handicap della comunicazione”, perché presente ma non immediatamente percepibile dall’esterno.
LA MESSA E I SORDI
“Io non sento come gli altri, perché devo andare a messa”

1. È VERO! PER TE É PIÙ DIFFICILE.
Però un sordo ha un cuore molto sensibile e certamente tu puoi sentire con il cuore.

2. DIO CONOSCE LE TUE DIFFICOLTÀ E TI AIUTERÀ A SUPERARLE.
Anche se non puoi capire tutto, puoi amare di più e così ritorni a casa più ricco e più buono.

3. I SORDI SONO INTELLIGENTI:
Vanno al mercato, alla banca, al cinema, al ristorante.
Vanno in vacanza anche all’estero e assistono alla TV.
Leggono i giornale e il televideo, usano le e-mail e internet…
Perché allora non dovresti andare in chiesa? Che scusa hai?
Tu hai studiato. Forse hai un diploma. Guidi la macchina. Forse hai una casa, il portafoglio, firmi assegni e sai usare il computer e il cellulare.

4. I SORDI NON SONO DISABILI; MA ABILI
Così abbiamo letto anche in un vostro giornaletto. Voi avete superato molte barriere.
In Brasile c’é un amico della Piccola Missione che é pilota e proprietario di una quindicina di aerei.
Alcuni sordi sono laureati in medicina, alcuni sono fondatori e direttori di centri scolastici per sordi. Una scuola fondata da una sorda (Nidia) in Brasile ha 300 alunni.
Un nostro ex alunno dell’Istituto Gualandi di Roma é un famoso scultore Andrea Trisciuzzi: ha scolpito la croce del Giubileo e le sue croci, benedette dal Papa Giovanni Paolo II, sono state portate al Polo Nord, al Polo Sud e sul K2.
Abbiamo alcuni nostri amici che sono sordi e anche sacerdoti: Monsignor Vincenzo Burnier (deceduto qualche anno fa), P. Tomas Couhglin e tanti altri, P. Cirillo Axelrod sordocieco a Roma ha celebrato la messa a Santa Maria Maggiore durante la Conferenza della Pastorale per i sordi del Sud Est Asiatico.

5. IL VANGELO PARLA DEGLI INVITATI ALLA FESTA DI NOZZE.
Gesù dice che un re invitò allo sposalizio del suo figlio alcuni ricchi, gente famosa, ma non risposero all’invito.
Allora mandò i suoi sacerdoti, le sue suore, i soci del Mas…per invitare i  SORDI e questi andarono tutti, molto felici (Leggi Matteo capitolo 22).

6. I SORDI NO! FUORI TUTTI I SORDI!
Vorremmo vedere la faccia di tutte le persone sorde del mondo, se in una chiesa scrivessero un cartello con la scritta: NO PER I SORDI! FUORI I SORDI! Come minimo voi fareste una manifestazione di protesta, o una causa  per…razzismo! E allora perché tu non vuoi andare in chiesa?
Sei invitato. Sei amato. Sei aspettato.
Vai nella chiesa della tua parrocchia, presentati al parroco.
Puoi scegliere anche una chiesa più bella e dove ti senti meglio, magari perché accolto o dove ci sono altri amici Sordi.

7. NON CAPISCO LA PREDICA DEL SACERDOTE
Prendi il Foglietto della Messa del giorno e leggi, pensa, prega.
Anche senza le parole del Sacerdote, Dio ti parla nel silenzio, parla al tua cuore e alla tua intelligenza. Prova e vedi. Ora poi i foglietti della messa ti possono arrivare a casa per via e-mail o li puoi trovare anche tu in internet (digita: foglietto della messa di domenica …)

8. UNA BELLISSIMA PIANTA D’APPARTAMENTO IN UN VASO
La padrona di casa, l’annaffia, ci mette il concime, la mette al sole o all’ombra…Conosciamo un uomo a Roma che cura sempre la sua macchina, la pulisce continuamente, la lucida, asciuga l’acqua quando piove…
E tu che cura hai della tua anima? Se non l’annaffi, se non la curi …si secca e muore!
Se non dai spazio a Gesù… Se non vai a Messa… la tua anima muore.
Senza Gesù…diventi arido, cattivo!

9. L’ESEMPIO DEI SORDI BUONI
In molte città dove andiamo per la messa dei sordi insieme agli udenti, gli   udenti dicono: “Quelli, i sordi, sono attenti e capiscono più di noi! Quelli sono più buoni di noi!”
Questo vuol dire che tu dai il BUON ESEMPIO alla tua famiglia, ai tuoi figli, ai tuoi amici, ai vicini e agli altri cristiani, e…fai diventare più buoni anche NOI SACERDOTI.

10. LA DOMENICA È UN GIORNO SANTO PER DIO E PER L’UOMO
Dice la Bibbia: “Dio il settimo giorno si riposò”.
Anche l’uomo ha bisogno di riposo e di pensare alla sua vita spirituale, alla sua famiglia e a Dio.
Se l’uomo non fa questo, diventa una macchina, o peggio ancora una bestia.

11. IMMAGINIAMO ORA IL PARADISO!
Tanti udenti, che non vanno mai in chiesa, arriveranno alle porte del Paradiso.
Gesù presenterà a loro quelli che sulla terra non sentivano, non cantavano, avevano tante difficoltà, ma lo amavano e andavano in chiesa, facevano la comunione… belle famiglie unite, aiutavano pure gli altri.
“Venite in Paradiso voi sordi benedetti, perché avete capito più di tante persone importanti e famose” dirà Gesù.
Allora, Gesù metterà le sue dita negli orecchi e dirà a tutti:
“EFFETA! APRITI!” … Subito si udrà il canto più bello del Paradiso!!!
Il RE, la Regina, gli Angeli e i Santi, batteranno le mani felici per sempre.
E noi, maestri e missionari dei Sordi per quasi 50 anni, vorremmo fare la fotografia più bella della nostra vita.

P. Salvatore Stragapede e P. Vincenzo Di Blasio pms – re139

INFO:

Don Giuseppe Gualandi

Piccola Missione per i Sordomuti

Storia della Piccola Missione per i Sordomuti

Apriti!

Effatà Apriti!

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini