Iscriviti: Feed RSS

Musei senza barriere per ciechi e sordi con Torino Cultura Accessibile

Musei senza barriere per ciechi e sordi con “TORINO+CULTURA ACCESSIBILE”. È l’iniziativa che si propone di estendere al pubblico dei disabili sensoriali la programmazione di teatri, musei e sale cinematografica. Lanciato dalla fondazione Carlo Molo, il progetto è partito alla metà di ottobre e andrà avanti per tutto il 2014.

A Torino la disabilità sensoriale non rappresenta più un ostacolo alla fruizione della cultura. Merito della fondazione Carlo Molo, che ha lanciato un’iniziativa tesa ad estendere la programmazione cittadina al pubblico dei disabili sensoriali. Partito circa due settimane fa, il progetto – che prende il nome di “Torino + Cultura accessibile” – coinvolge alcuni dei maggiori operatori locali nel campo dell’arte, del cinema e del teatro; i quali si sono dotati di una serie di strumenti multimediali , che permetteranno a ciechi e sordi di uscire dal circuito di nicchia, quello degli spettacoli rivolti specificamente ai disabili, per fruire liberamente della programmazione “standard”.

Per quanto riguarda il cinema, le sale dell’Eliseo, del Romani e la sala 1 e 2 del Massimo si sono dotate di un’applicazione (MovieReading) che consente alle persone con deficit uditivo di leggere i sottotitoli dei film direttamente sullo schermo del loro tablet o smartphone. L’app., che può essere scaricata gratuitamente dal sito moviereading, riconosce la pellicola in proiezione sfruttando il microfono interno del dispositivo e convertendone l’audio in sottotitoli perfettamente sincronizzati. I sottotitoli possono essere acquistati sul sito al costo di un euro 1 e 79 centesimi per file: nelle sale che aderiscono al circuito CinemAmico, presentando la ricevuta d’acquisto per la pellicola in programmazione, si potrà inoltre accedere con ingresso ridotto. Anche il Sottodiciotto film festival (in programma dal 7 al 14 dicembre) renderà accessibili alcune proiezioni, mentre il Torino film festival (in programmazione dal 22 al 30 novembre) parteciperà all’iniziativa con la resa accessibile de “La mossa del pinguino”, ultimo film di Claudio Amendola.

Nella programmazione teatrale, invece, si segnala la partecipazione del la Fondazione teatro stabile di Torino: grazie alla collaborazione di Sub-ti Limited (Londra) e Sub-ti Access (Roma), verranno realizzate la sottotitolazione e l’audiodescrizione dello spettacolo Gl’innamorati di Carlo Goldoni, in cartellone al Teatro Gobetti dall’11 al 16 febbraio 2014. In programma anche una replica con traduzione in Lingua dei Segni Italiana, realizzata dall’Ente nazionali sordi. Per quanto riguarda la cultura museale, poi, dal 2014 è prevista una tariffa scontata sull’Abbonamento musei per le persone con disabilità; le quali, a partire dalla prossima primavera, potranno inoltre fruire di una serie di visite con itinerari accessibili ai centri culturali della città, organizzate dall’associazione Torino capitale europea.

Un’iniziativa che, nelle parole degli organizzatori, si propone di “segnare un cambio passo, spostando l’attenzione da forme di spettacolo per i disabili sensoriali alla resa accessibile, quanto più allargata possibile, della programmazione culturale in essere”. Per informazioni: 011.8171483 progetti@fondazionecarlomolo.it (ams)

PER SAPERE DI PIU’
Fondazione Carlo Molo

Sito movieredaing

Neuroscienze

La cultura è uno strumento reale di miglioramento della vita un bene comune cui tutti devono poter accedere.

L’iniziativa, ideata e realizzata dalla Fondazione Carlo Molo onlus per festeggiare i 15 anni di attività, è rivolta al pubblico con disabilità sensoriali e più in generale  con deficit uditivi e visivi.

Torino + Cultura Accessibile è finalizzata alla resa accessibile della programmazione culturale in essere, e nello specifico agli spettacoli cinematografici e teatrali.

Molto è stato fatto per quanto concerne la messa a norma dell’accessibilità museale e la tecnologia ha inoltre negli ultimi anni ottimizzato la resa accessibile dei contenuti, ma Torino + Cultura Accessibile farà di Torino una città pilota per quanto concerne la resa accessibile dello Spettacolo.

Se crediamo nella cultura come mezzo d’inclusione sociale, è necessario aderire con convinzione alla Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, promulgata dall’ONU nel 2006 che “riconosce il diritto delle persone con disabilità a prendere parte su base di eguaglianza con gli altri alla vita culturale e invita a prendere tutte le misure appropriate per assicurare che le persone con disabilità godano dell’accesso a programmi televisivi, film, teatro e altre attività culturali, in forme accessibili”

Torino + Cultura Accessibile vuole in questo senso segnare un “CAMBIO DI PASSO” e incentivare un cambiamento culturale che generi profondi mutamenti dei modelli organizzativi e gestionali, ancor prima che strutturali, in un’ottica volta a garantire la piena inclusione e partecipazione alle attività culturali di tutti e di ciascuno, indipendentemente dalle specifiche esigenze e abilità.

Torino + Cultura Accessibile sposta l’attenzione da forme di spettacolo per i disabili sensoriali – in questo senso ci sono state in passato alcune esperienze – alla resa accessibile, quanto più allargata possibile, della programmazione culturale in essere.
Per perseguire questa finalità la Fondazione Carlo Molo onlus ha raccolto la partecipazione fattiva della Fondazione del Teatro Stabile, Museo Nazionale del Cinema, Torino Film Festival e Sottodiciotto Filmfestival che renderanno accessibili alcuni spettacoli all’interno della loro programmazione.

Il programma messo a punto per Torino + Cultura Accessibile prevede fra l’altro la resa accessibile del film LA MOSSA DEL PINGUINO di Claudio Amendola film d’esordio  alla regia del noto attore, previsto nel programma  del Torino Film Festival, e di sei repliche, dall’11 al 16 febbraio 2014, dello spettacolo teatrale Gl’innamorati realizzato dalla compagnia Il Mulino di Amleto in coproduzione con il Teatro Stabile di Torino, per la Stagione Teatrale del TST 2013/2014.

Torino + Cultura Accessibile metterà in evidenza come inclusione e resa accessibile siano possibili poiché l’intervento economico non è sostanziale, e le modifiche alle strutture tecniche delle sale non così ostative.
Un ruolo di punta nella realizzazione dell’iniziativa avranno le associazioni APRI, APIC, CPD, ENS Consiglio Regionale del Piemonte, Tedacà, Fondazione Istituto dei Sordi di Torino, FIADDA Piemonte, FISH, Tactile Vision Onlus, IsITT, Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti – UICI, ASPHI, che potranno essere in futuro imprescindibile riferimento per ottimizzare le diverse problematiche tecniche e non solo.

Torino + Cultura Accessibile e i Social Network
È prevista l’apertura di una pagina social per accogliere le istanze di associazioni e cittadini che nel forum portino le testimonianze e proposte.
Verrà lanciata anche una campagna di sottoscrizione “Change.org”, per aderire a livello nazionale all’iniziativa Torino Cultura + Aaccessibile  che ci auguriamo possa essere di stimolo ad allargare il format del progetto ad altre realtà culturali nazionali.

Torino + Cultura Accessibile apre un nuovo corso che ci auguriamo possa arricchirsi in futuro di altre escursioni nel mondo dell’arte e dello spettacolo mantenendo la finalità di base che è quella di prevedere e stimolare la resa accessibile come “pratica quotidiana” del fare arte.

Torino + Cultura Accessibile
Ufficio Stampa – Fondazione Carlo Molo onlus

nw137 (2013)
_________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini