Iscriviti: Feed RSS

Sant’Audoeno e la storia dei sordi

Sant’Audoeno e la storia dei sordi. Audoeno è un santo francese, in Francia viene chiamato s. Ouen; in latino si chiama Audœni. Audoeno, detto anche Dadone, nacque intorno al 600 nei pressi di Soissons da una nobile famiglia, ricevé una pia educazione cristiana e da fanciullo ricevé la benedizione del grande abate s. Colombano (543-615), ospite dei suoi genitori.

Sant'Audoeno di Rouen

Ancora giovane fu ammesso alla corte di Clotario II (584-629) re dei Franchi, qui si legò in amicizia ai futuri vescovi e santi, Eligio, Sulpizio, Desiderio ed altri. Dopo la morte di re Clotario II, proseguì la sua vita a corte con il successore, Dagoberto I (600-638) figlio di Clotario, crescendo ancor più nella considerazione e influenza.

La sua fama di santità fu tale, che a 40 anni, nel 640 benché ancora un laico, venne eletto vescovo di Rouen. Dopo aver trascorso un anno, nell’approfondimento dello studio della dottrina, fu consacrato 24° vescovo della diocesi, il 13 maggio 641.

Favorì l’espandersi della vita monastica nella sua diocesi, combatté strenuamente contro la simonia che affliggeva il clero locale e fu uno dei consiglieri più ascoltati di santa Batilde, madre di Clodoveo II re dei Franchi.

Governò la diocesi di Rouen per ben 43 anni, morì Clichy (Parigi) nel 684 e venne sepolto nel monastero di S. Pietro a Rouen, chiamato poi Saint-Ouen. Il culto di sant’Audeno fu portato dai Normanni anche nell’Italia Meridionale, dove ci sono diverse chiese a lui dedicate.

La sua festa religiosa è il 24 agosto.

Le sue reliquie, nella chiesa gotica a lui dedicata a Rouen,“guariscono la sordità”, per questo è considerato protettore dei sordi.

p.Vincenzo Di Blasio – re057 (2014)

PER SAPERE DI PIU’
Culto di Sant’Audeno

Biografia di Sant’Audeno

Storia dei Sordi i colori

_________________________________________________
«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini