Iscriviti: Feed RSS

Sottotitoli in diretta al Tg5 delle 20. Un vantaggio per sordi.

Il tg di prima serata su Canale 5 sarà sottotitolato: è il secondo sulle reti Mediaset, dopo il Tg4 della mattina. Confermata la strategia di preferire i sottotitoli alle edizioni in lingua dei segni: soddisfazione di Fiadda, preoccupazione di Ens e Anios.

Novità nelle reti Mediaset per sordi, ma anche per stranieri e anziani: a partire da febbraio il telegiornale di prima serata di Canale 5 andrà in onda con sottotitolazione simultanea e in diretta dei contenuti. Una novità che va a beneficio di chi non sente o sente male, ma anche di chi deve imparare la lingua italiana. Sottotitoli dunque per il Tg5 delle 20: l’iniziativa si inserisce nel solco della sperimentazione avviata con il telegiornale di metà mattina (ore 11.30) di Rete 4, dove alla traduzione in Lingua dei Segni (Lis) è stata sostituita la sottotitolazione simultanea dei contenuti. A confermare le novità è il responsabile Comunicazione e immagine di Mediaset, Paolo Calvani.

Immediate le reazioni delle associazioni che tutelano le persone sorde. “La sottotitolazione- dice Silvana Baroni, ex presidente di Fiadda (Associazione famiglie italiane associate per la difesa dei diritti degli audiolesi) – favorisce circa 700mila persone con problemi di udito, nonché le persone extracomunitarie e gli anziani, ed è anche uno strumento per focalizzare la lingua italiana proprio da coloro che non essendo in possesso della nostra lingua, parlata e scritta correttamente, hanno possibilità di arricchirla, aumentando la conoscenza di nuova terminologia e neologismi. Questo risultato è stato fortemente voluto dalla Fiadda che si è impegnata per molti anni in questa direzione”.

Meno soddisfatte invece associazioni storiche, come Ens (Ente nazionale sordi) e Anios (Associazione nazionale interpreti Lis) che, nelle settimane precedenti, avevano mostrato perplessità e incertezze. La critica è rivolta alla scelta di Mediaset di abbandonare la traduzione in lingua dei segni (Lis) per concentrarsi solamente sui sottotitoli: come può il sistema dei sottotitoli – si chiedono le due associazioni – comunicare quello che nella sua complessità può invece comunicare la Lis? La preoccupazione è condivisa anche dal presidente di Fiadda, Antonio Cotura. “Mi spiace per la chiusura della versione in Lis, ma resto comunque convinto – afferma – che la sottotitolazione sia uno strumento accessibile a tutti i non udenti. Il problema ora sarà fare in modo che i sottotitoli siano fatti bene, perché è un lavoro che richiede delle professionalità specifiche, soprattutto nel campo del giornalismo, dove le modalità di discorso sono molto veloci”. (eb)
Fonte: superabile.it 24 gennaio 2011

«La

La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini