Iscriviti: Feed RSS

I diritti dei sordi italiani e la legge 104 del 1992.

L’Associazione IOPARLO ha firmato una convezione con Federconsumatori Toscana al fine di poter garantire ai propri associati, una maggiore difesa dei diritti e un’assistenza certa e qualificata in caso di presentazione di ricorsi in sede giudiziale o amministrativa per le eventuali controversie che dovessero sorgere nella definizione del riconoscimento della “sordità civile”, “invalidità civile” e situazione di “handicap”, necessario all’accesso gratuito di protesi ed ausili e/o la fruibilità di permessi ai sensi della legge 104 del 1992.
“Quando veniamo a conoscenza della presenza di una disabilità uditiva all’interno di un nucleo familiare – dice Laura Brogelli, presidente associazione IOPARLO – spesso veniamo sottoposti a ripetute visite e a numerosi esami. La ricerca di una diagnosi certa e di un percorso di presa in carico adeguato è la prima grande preoccupazione ma, non basta. C’è anche la necessità di rivolgersi alle pubbliche amministrazioni perché sono loro che riconoscono al bambino (ma anche all’adulto) quei diritti e benefici utili ad affrontare la vita nel rispetto dell’autonomia raggiungibile. Il riconoscimento dello stato di “sordità civile” e “handicap” sembrano cose secondarie ma sono quel primo passo necessario per ottenere la fornitura gratuita di protesi e ausili (certificazione di sordità civile), oppure quei permessi lavorativi che possano consentire ai genitori di stare più vicino al proprio bambino (certificato di handicap). Il riconoscimento di tutto questo spesso, oltre ad essere complicato non è neanche lineare. Per noi era quindi fondamentale costruire questa sinergia, tanto più preziosa nei casi “complicati” che si concludono con eventuali ricorsi e quindi necessitano di un’adeguata assistenza durante le pratiche di ricorso in via giudiziale o amministrativa.”
“Una convenzione – precisa Fulvio Farnesi, presidente di Federconsumatori Toscana – nata sul campo. Entrambe le associazioni infatti svolgono servizio sia all’Ospedale Meyer che a Careggi, dove abbiamo avuto modo di conoscerci, collaborare e discutere. Ci siamo incontrati e abbiamo deciso di mettere a disposizione i nostri legali e la nostra esperienza su un problematica specifica per la quale l’associazione IOPARLO trovava difficile dare risposte efficaci ed efficienti ai propri associati”
Grazie a questa convenzione i soci dell’Associazione IOPARLO potranno, in caso di necessità, rivolgersi alle sedi della Federconsumatori sull’intero territorio regionale e ottenere assistenza legale a fronte di onorari minimi tabellari. La tessera di Federcunsumatori sarà, in quei casi, a carico dell’associazione IOPARLO.
L’associazione Federconsumatori Toscana ha sedi in tutta la Toscana, per trovare quella della propria provincia è possibile consultare il sito internet www.federconsumatoritoscana.it
Per contattare l’associazione IOPARLO è possibile inviare una mail info@ioparlo.org oppure chiamare i numeri 3288261439 – 3492632392 – sito internet e pagina Facebook ioparlo.org
PER SAPERE DI PIU’