Iscriviti: Feed RSS

IV Convegno internazionale sulle strategie per combattere la sordità

Otorinolaringoiatria perugina coautrice linee guida nazionali. Il reparto ospedaliero perugino ha concentrato, nei tre anni della durata del progetto, la ricerca sul perfezionamento delle metodiche di valutazione dei risultati della riabilitazione post trattamento con impianto cocleare o protesi acustiche. In Italia ogni anno nascono 1000 bambini sordi. Da Trieste, dove è in fase di svolgimento il IV Convegno internazionale sulle strategie per combattere la sordità, arrivano notizie di grande speranza.

Cinque centri, individuati dal Ministero della Salute e coordinati dalla regione Friuli Venezia Giulia, hanno infatti scritto le linee guida italiane da adottare sia per lo screening che per il trattamento delle ipoacusie infantili permanenti.

L’Azienda Ospedaliera di Perugia, presente con il Direttore della Struttura complessa di Otorinolaringoiatria, Prof. Giampietro Ricci, affiancato da uno staff di medici, audiometristi e logopedisti, ha concentrato nei tre anni della durata del progetto, la ricerca sul perfezionamento delle metodiche di valutazione dei risultati della riabilitazione post trattamento con impianto cocleare o protesi acustiche.

“Per scrivere le linee guida che permettano ai bambini sordi di sentire e di vivere una vita normale, abbiamo chiesto ai 5 centri tra i più rappresentativi d’Italia (Trieste, Pisa, Perugia, Roma e Napoli) di unire le forze, allearsi, per aprire nuove prospettive di presa in carico dei piccoli pazienti” – ha detto Eva Orzan Direttrice del reparto di Audiologia e Otorinolaringoiatria dell’Ospedale pediatrico Burlo Garofalo di Trieste e responsabile del progetto ministeriale in audiologia infantile.

Sulla stessa lunghezza d’onda la Presidentessa della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani: “L’obiettivo conseguito dai 5 centri coinvolti dal progetto, rappresenta un punto di forza della nostra sanità pubblica, e sento di dover dire grazie a tutti i professionisti che hanno saputo unire le loro forze per restituire ai bambini una vita normale”.

L’attività di ricerca e di didattica svolta dai 5 centri nei 3 anni del progetto ha anche permesso di realizzare un libro che rappresenterà un punto di riferimento per lo studio dell’audiologia pediatrica in Italia. Tra gli autori, per l’Azienda Ospedaliera di Perugia, il Prof. Giampietro Ricci e i Dottori Egisto Molini e Ruggero Lapenna.

Al Convegno hanno partecipato 300 esperti provenienti da ogni parte d’Italia e dai centri internazionali di Francia, Germania e Stati Uniti, che hanno riferito dei risultati della ricerca in campo dell’eziologia delle ipoacusie, della diagnosi e del trattamento precoce, delle linee guida europee e della formazione in audiologia pediatrica.

“I risultati raggiunti dalla nostra Struttura sia in termini di prestazioni che di esiti conseguiti -sottolinea il Prof. Giampietro Ricci, Direttore dell’Otorinolaringoiatria dell’Azienda Ospedaliera di Perugia- sono stati molto importanti. Inoltre, aver collaborato con prestigiosi centri italiani è stato esaltante ed ha rafforzato l’importanza di tutte le figure del gruppo multidisciplinare che opera nella diagnostica, nel trattamento e la riabilitazione dei bambini ipoacusici. Abbiamo presentato i risultati audiologici sui 152 bambini visitati nel corso dell’anno, tra questi 29 ipoacusie monolaterali e 36 ipoacusie bilaterali di vario grado.

Il trattamento di ciascuna di queste condizioni con la terapia protesica più indicata, ha confermato in tutti i casi risultati eccezionali”.

Al convegno hanno partecipato anche genitori di bambini sordi congeniti, che sono perfettamente reinseriti nella società, con attività scolastica e sociale, riuniti per quanto riguarda l’Umbria nella associazione FIADDA Onlus (Famiglie Italiane per i diritti degli Audiolesi).
Fonte: iltamtam.it

Progetto “Per Sentire”, Serracchiani: «Meno bambini sordi, prevenzione e ricerca fondamentali»
Debora Serracchiani: «La capacità di lavorare in squadra e mettere insieme competenze ed esperienze è la soluzione migliore per affrontare e risolvere problemi come quelli che riguardano l’apparato uditivo dei bambini»

«La capacità di lavorare in squadra e di mettere insieme competenze ed esperienze – ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani intervenendo a Trieste al convegno internazionale Per Sentire: percorsi di intervento precoce in audiologia pediatrica, dedicato alle patologie infantili di orecchie e naso – è la soluzione migliore per affrontare e risolvere i problemi, nella fattispecie quelli che riguardano l’apparato uditivo nei bambini e la loro inclusione sociale. Questo – ha aggiunto – avviene grazie a un progetto finanziato dal Ministero della Salute e di cui l’Ospedale infantile Burlo Garofolo è capofila».


La presidente ha sottolineato come il progetto di identificazione, intervento e presa in carico per la prevenzione dei disturbi comunicativi del bambino sordo sia idealmente coerente con la Riforma della Sanità regionale che punta in maniera strategica sugli investimenti finalizzati alla prevenzione.

Nel dettaglio, il lavoro durato due anni, coordinato dalla direttrice dell’Audiologia e Otorinolaringoiatria del Burlo Eva Orzan, ha prodotto un percorso che dallo screening uditivo neonatale conduce alla risoluzione del deficit nel bambino, permettendogli di sentire il prima possibile. Questo consente di disinnescare il sorgere di qualsiasi differenza educativa e sociale con i coetanei.

Serracchiani, ribadendo il fatto che il Burlo sta riacquistando spazi importanti nella rete degli ospedali pediatrici, ha affermato che i risultati si conseguono, come in questo caso, non solo mettendo a disposizione le strutture e la capacità dei professionisti ma anche con la prevenzione che, ha concluso, «deve essere una sintesi fra l’innovazione tecnologica e la sensibilità che bisogna avere quando, soprattutto nella Sanità, si affrontano patologie che colpiscono i bambini».
Fonte: triesteprima.it

PER SAPERE DI PIU’
Impianto Cocleare

giornata-mondiale-del-sordo-2016

_________________________________________________________________

foto-default-1

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini