Iscriviti: Feed RSS

Scienziati vogliono sconfiggere la sordità sostituendo le cellule non funzionanti

Gli scienziati hanno trovato una cura per la sordità e pensano che il trattamento potrebbe essere disponibile soprattutto per le persone con sordità ereditaria. Gli scienziati credono di poter sconfiggere la sordità congenita. I ricercatori hanno prodotto delle cellule staminali per correggere il difetto ereditario. Hanno trovato un modo di far crescere le cellule cocleari umane che possono essere utilizzate per sostituire quelle difettose nelle persone sorde dalla nascita a causa di un errore genetico.

Gli scienziati sperano che questo trattamento possa essere disponibile per i pazienti tra i cinque e i dieci anni. Il professore Kazusaku Kamiya, uno specialista in malattie dell’orecchio, sta conducendo la ricerca e sulla rivista “Stem Cell Reports” ha dichiarato che: “sono molto eccitato per quello che abbiamo fatto.”

Sviluppo del progetto

Gli scienziati hanno trovato un modo per rendere le cellule staminali cocleari e si augurano che questo lavoro possa portare ad una cura per una forma di sordità ereditaria. Hanno dichiarato che: “Il passo successivo è quello di trovare un modo per iniettare, in tutta sicurezza, la cellula nell’orecchio del paziente.”

Il test, che viene effettuato in un laboratorio presso l’ Università Juntendo di Tokyo, in Giappone, ha lo scopo di correggere una mutazioni di un gene chiamato “Gap Junction Beta 2”. Questo spiega la sordità o la perdita dell’udito in uno su mille bambini. In alcune parti del mondo le mutazioni di questo gene sono responsabili di almeno la metà dei casi di sordità congenita.

Alcune curiosità

Il professore Kamiya e il suo team hanno progettato e fatto crescere le cellule staminali per sostituire le cellule cocleari umane senza questa mutazione. Le cellule staminali sono un tipo di cellule che possono cambiare attraverso un processo noto come differenziazione. La perdita dell’udito ereditaria è spesso causata da una mutazione genetica nelle cellule dell’orecchio, che si trovano all’interno o nella coclea e questi hanno la funzionalità dei ricettori sensoriali del suono.

I pazienti con questa condizione sono attualmente trattati con un impianto cocleare artificiale che aiuta il suono di trasferimento per i nervi acustici del paziente. Molti scienziati ritengono che le cellule staminali possano offrire una soluzione migliore ripristinando la normale funzione delle cellule e di conseguenza dell’udito del paziente. Gli esseri umani sono nati con circa 11 mila cellule in ciascun orecchio che sono vitali per trasmettere il suono.

Fonte: supereva.it

PER SAPERE DI PIU’
La sordità e le cure staminali