Iscriviti: Feed RSS

Vita e opere di Helen Keller (Newsletter della Storia dei Sordi n. 458 del 31 marzo 2008)

Varese – Lunedì 31 marzo 2008, ore 17,00 alla sala delle Conferenze della Palazzina della Cultura su Vita e opere di Helen Keller.
Il Comitato della Società Dante Alighieri di Varese ha pomosso un incontro con la Prof.ssa Gabriella Sechi Metra, coordinatore del Comitato Distrettuale “I lions per i Disabili”, che é trattato il tema “Vita e opere di Helen Keller”.

Hellen Keller, nata nel 1880 in una cittadina dell’Alabama, a un anno e mezzo perse vista e udito a seguito di una malattia. Le fu vicina, fin dai primi anni, una creatura eccezionale, Anna Sullivan (Anna dei miracoli, come la battezzò il teatro) che usando un metodo particolare avviò la bambina nel difficile cammino del linguaggio, rimanendole, poi, accanto tutta la vita. Volontà e tenacia spinsero la Keller fino all’Università e alla laurea che veniva, per la prima volta, conseguita da una persona disabile. Ella condusse, quindi, una vera battaglia per l’emancipazione dei ciechi e sordo ciechi, sensibilizzando la società ai loro problemi e raccogliendo fondi per l’istituzione di scuole e laboratori.

Il contesto storico in cui si è sviluppata la vicenda umana di Helen Keller è di enorme importanza per comprendere in pieno il significato di quell’evento. Infatti, è negli anni della sua infanzia e della sua adolescenza che, da un lato, la medicina affronta la malattia, diversamente dal passato, e, dall’altro, il femminismo rivendica il diritto allo studio ed alla vita sociale anche per le donne. È proprio alla fine dell’Ottocento che il movimento per i diritti alle donne inizia il suo cammino, soprattutto nei Paesi anglosassoni (Inghilterrra e Stati Uniti). È agli inizi del Novecento che la ricerca scientifica si applica con sempre maggiori mezzi e risorse  anche nel campo della medicina e la sfida a lottare contro ogni tipo di malattia, anche quelle conosciute come “inesorabili”, coinvolge studiosi di ogni  ramo.

Gabriella Sechi si è laureata in Scienze Naturali presso l’Università degli Studi di Pavia e ha insegnato per ventidue anni in diverse Scuole Superiori della Provincia di Varese.

E’ socia del Lions Club Varese Città Giardino ed ha collaborato a molti progetti  nel Club e nel Distretto 108 I B1 quali i Corsi per insegnanti su “Il disagio giovanile”, la Campagna Sight First II – La vista innanzi tutto. Programma triennale 2005-08. E’ membro del Comitato Nazionale Lions Udito ed Ortofonia e coordinatrice del Comitato Distrettuale I lions per i disabili. E’ socia della FIDAPA. Ha portato il suo contributo personale al tema nazionale di alcuni anni fa  “La donna nel mediterraneo” con il lavoro “Talassemia e Tubercolosi“. E’ consigliera nell’Associazione “La gemma rara”, di recente costituzione.

Il Comitato della Società Dante Alighieri di Varese è stato ufficialmente ricostituito, con ratifica statutaria dell’operato dell’Assemblea dei Soci, riunitasi il 25 febbraio 2003, dall’Ambasciatore Bruno Bottai, Presidente della Società Dante Alighieri. ( Prot. N.4150, Roma, 30 aprile 2003).

Giovedi 27 Marzo 2008 Fonte: varesenews.it


 

Newsletter della Storia dei Sordi n. 458  del 31 marzo 2008

PER SAPERE DI PIU’

Helen Keller. Biografia 

Sabina Santilli. Fondatrice Lega Filo d’Oro

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini