Iscriviti: Feed RSS

La Silenziosa si racconta dal 1936 al 1940

“LA SILENZIOSA SI RACCONTA” dal 1936 al 1940
(a cura di Marco Lué)

 1936
Presidente:                            Emidio Pacenza
Consiglieri:                           F. Rubino, O. Zavattaro, M. Moretti, M. Marconi, L. Paveri.


3° Campionato italiano Sordomuti di calcio

Campo Littorio di Sampierdarena  Genova – Silenziosa MI 1-1 (1-0)

La formazione della Silenziosa: Pasini; Laudra,Toffano; Curti, Gasparini, Fontana; Morandi, Mirto  Calonga, Madini, Cometti. La Silenziosa si presenta con una formazione nuova, mancano Scandola, Soldi e Biolchi, non giocano per protesta di non aver potuto fondare a Monza il Gruppo Sportivo Sordoparlanti, e al posto di quelli sono schierati tre giovani. Al 30’ Magnetto realizza per i genovesi su calcio di punizione da 20 mt., ma nel 2° tempo è Mirto a realizzare il pareggio.

Campo  Ripamonti : Silenziosa MI – Torino 2 -1 (0-0)

La formazione della Silenziosa: Pasini; Laudra,Toffano; Curti, Gasparini, Fontana; Morandi, Mirto Calonga, Madini, Cometti. I milanesi in buona vena sono guardinghi nel primo tempo

Nel 2° tempo il Torino passa in vantaggio, ma nel finale la Silenziosa pareggia poi vince.

Campo Littorio:  Alessandria – Silenziosa MI 0 – 3

La formazione della Silenziosa: Pasini;Toffan Laudra; Curti, Gasparini, Fontana; Morandi, Mirto  Calonga, Madini, Cometti. Netta inferiorità degli avversari, la Silenziosa si limita a una passeggiata.

Campo di Seregno:  Silenziosa MI – Genova 3 – 1 (1-1)

La formazione della Silenziosa: Pasini; Toffano, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Laudra, Mirto  Calonga, Madini, Cometti. I genovesi, con Magnetto, passano in vantaggio.. Solo a fine tempo la Silenziosa, con Calonga, pareggia. Nella ripresa i milanesi sono meglio organizzati e ottengono la vittoria grazie a due tiri imprendibili di Mirto e di Madini.

Campo Ferrovieri:  Torino – Silenziosa MI 1 – 1 (1-0)

La formazione della Silenziosa: Pasini; Toffano, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Laudra, Mirto  Calonga, Madini, Cometti. Nel 1° tempo realizza Torino con un gol fulmineo della loro ala destra. Al 5’ della ripresa è Calonga a segnare il gol del pareggio. Sul finire del 2° tempo l’arbitro «regala» un rigore a Torino, ma questi lo sprecano e la partita si chiude in parità.

Campo Botta: Silenziosa MI – Alessandria 3 – 0 (1-0)

La formazione della Silenziosa: Pasini;,Toffano, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Laudra, Mirto  Calonga, Madini, Cometti. Partita di ordinaria amministrazione per la Silenziosa, che così si conferma campione d’Italia per la seconda volta su tre campionati.

Per la preparazione al campionato italiano silenziosi di calcio, la Silenziosa aveva preso parte alla «Coppa Meazza» – 2 partite – e al campionato milanese V.P. quattordici incontri A-R


Titoli Italiani «Silenziosi» 1936

CALCIO                 Secondo titolo italiano della Silenziosa                                                                                                   Totale titoli n°1

Sport dei Sordi Italiani

1937
Presidente:                            Emidio Pacenza (da giugno Francesco Rubino)
Consiglieri:                           F. Rubino, O. Zavattaro, M. Moretti, M. Marconi, L. Paveri. (da giugno: C. Calonga,  G. Fustinoni, E. Pacenza, A. Crespi, G. Donelli,  T. Monti)


Campionato italiano di calco fra sordomuti

6 giugno,  Genova – Silenziosa MI: 1-0 ( 0-0)

Giocata sul campo di Pontedecimo (GE). La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Toffano, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Cometti, Mirto, Calonga, Madini, Soldi. Sconfitta amarissima in quanto si sarebbe potuto vincere, tanto era chiara la superiorità della Silenziosa, in particolare nel 2° tempo, quando i milanesi erano costantemente nella zona avversaria. Magnetto, del Genova, ha pure respinto di testa due tiri di Calonga e Mirto sul limite della porta. Bastavano questi due tiri, senza dire degli altri sventati miracolosamente e per l’abilità tattica adottata dai genovesi, che solo un tiro fortuito entrava inaspettatamente nella rete lasciata sguarnita da Pasini.

 13 giugno Silenziosa MI – Torino: 8-1

Giocata sul campo Cappelli a Milano. La squadra di Milano è composta da Pasini: Soldi, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Fumagalli, Mirto, Calonga, Madini, Cometti. Partita interessante solo per la superiorità dei milanesi, ma non vale la pena di fare la cronaca. Rispetto a Pontedecimo bisogna solo dire che  c’è stata ora una grande difesa.

27 giugno  Silenziosa-Genova: 0-1

Giocata sul campo Ferruccio di Seregno. Stessa formazione dell’incontro con il Torino. La scarogna ha perseguitato la Silenziosa anche nel ritorno col Genova, inchiodandola a una sconfitta immeritata, che la spodesta dal trono di campione d’Italia, su cui era assisa da due anni. Al 27’ del 1° tempo un pallone arriva al centrattacco avversario, si assiste a una gara di velocità con il nostro terzino, Soldi, ma il genovese ha la meglio e tira in porta, facendo goal. Contrattacco dei milanesi, ma due tiri imparabili si stampano sui pali.

4 luglio Torino-Silenziosa MI 1-1 (1-0)

Virtualmente con lo scudetto ormai perso, i milanesi sono scesi a Torino senza Calonga, Cometti e Soldi e si sono impegnati di quel tanto per conservare il 2° posto.

Attività del “Dopolavoro Silenziosa”

La Società Sportiva Silenziosa ha svolto pure attività di «Dopolavoro», raccolta nel  «Libro dell’attività dopolavoristica», redatto artisticamente a mano (foto della copertina)

Ottobre 1937: Gara sociale di scopa

Alla gara partecipano trentadue Soci, suddivisi, secondo sorteggio, in sedici coppie. Dopo i gironi eliminatori, svoltisi regolarmente, le finali combattutissime diedero il seguente ordine di classifica:

–          1i Calonga-De Mercurio

–          2i Rinaldi-Taglietti

–          3i Pacenza-Assanelli

Alle quali coppie pertanto vennero assegnati i premi in denaro preventivamente stabiliti.

1938
Presidente:                            Francesco Rubino
Consiglieri:                           L. Paveri, G. Soldi, E. Taglietti, E. Pacenza, G. Donelli, T. Monti.

 

ATLETICA LEGGERA

(da: “Il libro d’Oro” di Martino Ardema

18 giugno al Fossati, gara riservata ai soli sordomuti.

Mt. 100: 1° Ardemagni, 2° Quaglia, 3° Ezzevalli, 4° Lomazzi.

Mt. 200: 1° Ardemagni, 2° Ezzevalli, 3° Quaglia, 4° Crotti

Mt. 400: 1° Ardemagni, 2° Crotti, 3° Ezzevalli, 4° Lomazzi.

Mt. 1500: 1° Crotti, 2° Ardemagni, 3° Ezzevalli, 4° Viola.

Salto in lungo: 1° Angeli, 2° Ezzevalli, 3° Quaglia, 4° Ardemagni.

CALCIO

Campionato italiano sordomuti

4 settembre Torino-Silenziosa 0-1

Formazione della Silenziosa: Pasini; Laudra, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Mazzola, Mirto, Calonga, Madini, Solfi. La vittoria arride alla Silenziosa dopo una gara assai combattuta. Il gol è stato segnato nel 2° tempo da Madini.

11 settembre a Melzo Silenziosa-Varese. 12-0 (5-0)

Formazione: Pasini; Laudra, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Mazzola, Calonga, Mirto, Madini, Soldi.I varesini si sono difesi come hanno potuto, ma non sono riusciti a trarre profitto neppure da un calcio di rigore a loro concesso.

18 settembre al Campo Ripamonti: Silenziosa MI-Genova 1-1 (1-0)

Formazione: Pasini; Laudra, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Mazzola, Mirto, Calonga, Mirto, Madini, Soldi.Partita del batticuore. Nel 1° tempo c’è equilibrio. Segna Calonga su calcio di rigore. Nella ripresa i genovesi ottengono il pareggio sfruttando un’incertezza del nostro portiere

25 settembre: Silenziosa MI- Torino 3-2 (0-1)

Formazione: Pasini; Laudra, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Mazzola, Cometti, Mirto, Madini, Soldi. Nel 1° tempo i torinesi si erano portati in vantaggio, ma nella ripresa i milanesi hanno reagito, soprattutto per merito di Mirto e di Cometti, per cui la Silenziosa ha segnato ben tre gol. Nel finale i milanesi hanno rallentato l’andatura e i piemontesi hanno accorciato le distanze.

Ecco una immagine del campionato italiano “silenziosi 1938

9 ottobre. Varese-Silenziosa MI 0-2 (0-0)

Formazione: Castelli; Laudra, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Mazzola, Cometti, Mirto, Madini, Soldi. Nonostante la buona difesa della squadra varesina, il Varese soccombe.

16 ottobre: Genova-Silenziosa MI 0-1 (0-1)

Formazione: Pasini; Calonga, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Laudra, Cometti, Mirto, Madini, Soldi. L’iniziale offensiva dei genovesi si esaurisce ben presto e i nostri balzano all’attacco. Su passaggio di Calonga, Mirto è avanzato fino all’area e, da 8 metri spara una cannonata e il gol era fatto. Nel 2° tempo i milanesi si sono limitati a controllare la partita.

Titoli Italiani «Silenziosi» 1938

CALCIO                 Terzo  titolo italiano,di calcio della Silenziosa                                                                         Totale titoli n°1

Silenziosa 1936 - 1940


Attività del “Dopolavoro Silenziosa”

Febbraio 1938 – Giornata della neve a Varallo Sesia

Giornata della neve organizzata dal Dopolavoro Provinciale, a Varallo Sesia. La partenza ha luogo nelle prime ore del mattino. L’arrivo è alle 8 circa. Breve sosta per piccoli acquisti poi si attraversa il paese avviandosi lungo le 43 cappelle per raggiungere il Santuario del Sacro Monte. A mezzogiorno si torna al paese per la colazione. Poi si passeggia per Varallo, in attesa del treno per ritornare a Milano. Tutto poi si calma, gli scherzi che il mattino ci facevano scoppiare dalle risa, alla sera fanno appena sorridere. La stanchezza, forse, o la malinconia del tornare alla solita vita? Lasciamo perdere, la filosofia non serve, quel che conta è che oggi si è stati allegri. Chi vuol essere allegro sia, di doman non v’è certezza.

22 maggio 1938 – Al Vittoriale degli Italiani

Partenza di buon mattino, su torpedone noleggiato. Arrivati a destinazione, il gruppo di sordi è ricevuto dal sostituto responsabile, arch. Morani, che li ha condotti a visitare la tomba del Poeta Soldato, per posare sulla sua tomba una corona d’alloro. Quindi visita all’ampia tenuta del Vittoriale, durata oltre due ore, poi si rimontò in macchina per dirigerci a Riva di Trento, a vedere la cascata del Varrone e fare colazione, indi, sulla strada del ritorno, ci si fermò a Brescia per la cena e alle 20,30 si riprese la corsa verso Milano, ma a metà strada il torpedone ebbe un guasto e dopo tre ore si dovette telefonare a Milano per avere una corriera nuova, che è arrivata quando eravamo convinti di passare tutta la notte sul ciglio della strada. Quando ci fummo tutti installati, partimmo prendendo a rimorchio il torpedone infortunato, ma poi il rimorchio si è dovuto togliere per poter procedere più speditamente e con minor pericolo, ma per quanto si filasse, non si arrivò a Milano che dopo le due suonate.

1939
Presidente:                            Francesco Rubino
Consiglieri:                           O. Zavattaro, G. Soldi, G. Fustinoni, L. Paveri, G. Donelli

 ATLETICA LEGGERA

(da: «Il libro d’Oro» di Martino Ardema»)

 15 gennaio a S. Lorenzo: Corsa campestre organizzata dal Comando Gil: partecipano Ardemagni, Viola e Lomazzi.

28 febbraio a S. Vittore Olona: Corsa campestre «dei Cinque mulini», di Km 8.

Partecipa Ardemagni.

3 dicembre all’Istituto Sordomuti di Via Prinetti. Corsa campestre di Km. 3,300 per sordomuti: 1° Angeli in 14’, 2° Ceriani, 3° Beretta, 4° Ardemagni.

24 dicembre al Dopolavoro Saffar di Milano, Corsa campestre con la partecipazione di Angeli e Beretta.


CALCIO

Campionato italiano sordomuti

4  giugno: Varese-Silenziosa MI 1-5 (0-1) – Campo di Masnago

La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Marchisio, Biolchi; Curti, Gasparini, Fontana; Cometti, Mazzola, Calonga, Madini, Catalani. C’è la novità della presenza di Marchisio, già terzino nella squadra torinese. Per la squalifica di Soldi e Mirto, la Silenziosa si schiera con Catalani e Fontana. Dopo un incerto primo tempo, gli attaccanti milanesi pieni di brio vorrebbero strafare, ma c’è l’ordine di non schiacciare la squadra varesina, su preghiera del presidente del CISS.

18 giugno: Genova – Silenziosa MI 0-0 (Campo di Marassi)

La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Marchisio, Biolchi; Curti, Gasparini, Soldi; Mazzola, Mirto, Calonga, Cometti, Madini. La contesa è stata quanto mai combattiva. I genovesi avrebbero potuto cogliere la vittoria, se l’attacco fosse stato meno focoso e se, al 3’ del 2° tempo, Nicara avesse realizzato il calcio di rigore, ma soprattutto nel finale la Silenziosa ha tentato la via della vittoria con un serrate travolgente che la difesa del Genova è sempre riuscita a troncare.

25 giugno Silenziosa MI – Varese 2-1 (1-1)

La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Bolchini, Biolchi; Curti, Gasparini,  Fontana; Mazzola, Mirto, Calonga, Cometti, Soldi. Partita di ordinaria amministrazione. La vittoria è merito di Gasparini, e frutto di un lungo assedio alla porta ben guardata dal portiere di Varese.

4 luglio Silenziosa MI – Genova 1 – 1 (1 – 0)

La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Marchisio, Biolchi; Curti, Gasparini, Soldi; Mazzola, Cometti, Calonga, Mirto, Fontana. Si aspettava una grande vittoria della Silenziosa, ma si è avuto un magro pareggio. E’ stato Fontana a segnare nel primo tempo. Nella ripresa, per un po’ ancora superiorità dei milanesi, poi il gioco si è mantenuto alterno e su corner, il genovese Magnetto, di testa, segna la rete del pareggio

 La FIGC assegna poi il titolo di campioni d’Italia 1939 ai genovesi, per miglior quoziente reti ottenuto.


Attività del “Dopolavoro Silenziosa”

Febbraio 1939 – Giornata della neve al Lago d’Iseo

I sordomuti, in numero di 70, formavano un bel gruppo, che ben spiccava, nel treno affollatissimo, fra le imponenti masse dei partecipanti alla Giornata della neve, organizzata dal Dopolavoro provinciale. I sordomuti si trovavano in simpatia con gli udenti. A Iseo si fece un’abbondante colazione coi pesci del lago, trote freschissime pescate sul momento e abbrustolite. Poi visita ai luoghi folcloristici del posto e remate in barca, sul lago bellissimo. Allegria e allegria che sgombrava dalla testa e dal cuore le ansie, le preoccupazioni, i dolori e le mortificazioni della vita quotidiana di lavoro e di sacrificio. Allegria che ringiovaniva tutti e ci riaccostava in nuovi slanci di fede e all’eternità del Cielo.

26 Novembre – “Rosa di tutti”
Al convegno ciclo-turistico indetto dalla «Gazzetta dello Sport» in occasione della mostra del ciclo e motociclo, il nostro Dopolavoro ha partecipato con cinque soci: Agnelli, Francia, Casazza, Codecà e Clerici, che hanno compiuto regolarmente la marcia turistica da Milano a Rho e ritorno, di complessivi 30 Km., sfilando con tutte le società intervenute alla «Rosa di tutti».


1940
Presidente:                             Francesco Rubino
Consiglieri:                            O. Zavattaro, E. Carli, D, Fontana, G. Fustinoni, L. Paveri, G. Donrlli.

ATLETICA LEGGERA

19 maggio al Campo Fossati

Incontro fra sordomuti di Milano, Genova e Varese, organizzato dalla Silenziosa.

Sui mt. 400 piani 1° classificato Ardemagni (60”,4) Nei mt. 3.000 ha vinto Tossini di Genova in 10’31”, 2° Ardemagni in 11’41”, 3° Darè (GE) 11’55”.

21 luglio al campo Fossati. Gara sociale per sordomuti.

Salto in alto:                        1° Ardemagni con mt. 1,32, 2° Angeli, 3° Marcucci

Salto in lungo:                     1° Marcucci, mt. 4,97, 2° Cavallini, 3° Di Cillo

Nel lancio del disco             1° Cecchini, 24,83, 2° Di Cillo, 3° Cavallini

Negli 800 mt:                      1° Dubini, 2° Ardemagni, 3° Bonalumi

Nei 400 mt.(batterie)           Marcucci 55”5, Cometti 59”1

27 ottobre al Campo Malta di Genova – Gara fra sordomuti

Corsa piana di 3.000 mt:     1° Tossini 9’48”, 2° Dubini, 3°  Ardemagni

Mt. 100:                               1° Marcucci 1129, 2° Revoiera, 3° Bonamore

Mt. 400:                               1° Marcucci 56,8, 2° Revoiera, 3° Caravella

Mt. 800:                               1° Angeli 2’28”4, 2° Casadei, 3° Caravella

Mt. 1500:                             1° Tossini 4’472, 2° Daré, 3° Di Cillo

Salto in lungo:                     1° Cometti mt 5,59, 2° Revoiera, 3° Pasini

Salto in alto:                        1° Biolchi mt. 1,50, 2° Cometti, 3° Revoiera

Getto del peso:                    1° Montecucco, 2° Fustinoni, 3° Rubino

Staffetta svedese                 1a Silenziosa (Angeli, Cometti, Bonamore, Marcucci, 2’21”8

                                            2a Assarotti GE,

 CALCIO

28/4  Torino – Silenziosa MI   0 – 2

La squadra “A” della Silenziosa è composta da Pasini: Castelli, Biolchi; Curti, Gasparini, Soldi; Cometti, Mirto, Calonga, Mazzola, Clerici. Contro i sordomuti di Torino, la Silenziosa ritrova la sua vena. I torinesi sono dominati. Gol di Calonga nel 1° tempo e di Clerici nel secondo.

 «Coppa Aguggini» per 15° anniversario di fondazione della Silenziosa

12/5 Campo Ripamonti: Silenziosa MI A – Torino 2 – 0

La squadra della Silenziosa è composta da Pasini: Castelli, Biolchi; Curti, Gasparini,  Soldi; Cometti, Mirto, Calonga, Mazzola, Clerici.

 12/5 Campo Ripamonti: Silenziosa MI B – Varese 0 – 0

La squadra B della Silenziosa è composta da Terzaghi; Laudra, Bolchini; Ardena, Fontana, Averani;  Bonamore, De Marchi,  Di Cillo, Catalani, Garroni. E’ la partita di contorno alla festa per il 15° anniversario di fondazione della Silenziosa. La partita risulta povera di contenuto. Ambedue le squadre si combattono senza riuscire a segnare, né a impegnare molto i rispettivi portieri.

Attività del “Dopolavoro Silenziosa”

Marzo 1940 – Gli invernali del Dopolavoro a Stresa

La denominazione «Giornata della neve» è sostituita quest’anno con «Gli invernali del Dopolavoro». Fra gli itinerari obbligati abbiamo scelto Stresa. Appena arrivati sul posto, si posa un momento per l’immancabile foto, poi via nella passeggiata lungo il corso, fino a un prato dove ci si arresta per consumare la colazione. Dopo, ci si dedica ai giochi, si salta e si balla in allegria, ampliata dal sole e dalla visione del lago e dei monti che sembrano staccarsi da esso.

Piccola attesa all’imbarcadero, fra la gran massa dei partecipanti che ancora cantano… poi sul battello e quindi sul treno, verso Milano

Giugno 1940 – Raduno cicloturistico a Seregno

La “Casa del Fascio” di Seregno

Già da alcuni mesi si lavorava di lena per allestire il Raduno cicloturistico, a chiusura delle manifestazioni organizzate dal Dopolavoro per il 15° anniversario di fondazione della «Silenziosa».

Il Raduno, dotato di belle coppe e targhe e di un bellissimo portasigarette in argento, dono di S.A. Reale e principe  di Piemonte, avrebbe dovuto riuscire imponente, ma è stato ridimensionato per l’imminenza dell’ora storica che per l’Italia stava per suonare.

Il luogo di arrivo era la Casa del Fascio di Seregno, dove i ciclo-turisti furono accolti dal segretario del Fascio locale, dal segretario comunale e da un rappresentante del Dopolavoro provinciale.

Il primo gruppo ad arrivare è dei dopolavoristi di Breda, in maglia azzurro-bianco, con un bel gruppo femminile che dava un bel tocco gentile e di giocondità alla festa. A breve intervallo, ecco arrivare i dopolavoristi di Cantù, in maglia cremisi, poi quelli del Tecnomasio e infine i dopolavoristi della Silenziosa, in maglia nero-azzurra.

Il segretario del Dopolavoro provinciale, nel discorso in occasione della premiazione, ha illustrato le finalità di questo Raduno, voluto e organizzato dalla Silenziosa per festeggiare il suo 15° di fondazione, ed ha completamente risposto alle speranze degli organizzatori.

PER SAPERE DI PIU’
Silenziosa
Francesco Rubino
Storia FSSI

500 anni Leonardo. Francesco Rubino 40 anni della dipartita