Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Madonna degli Occhi di Collina in Pondo in Santa Sofia (Forlì-Cesena)

A quattro chilometri da Santa Sofia a sinistra sulla provinciale in direzione Spinello, si trova il paese di cui si hanno notizie sin dal 1200 come Castrum Pondi, distrutto nel 1595.

Della Rocca resta, sul lato nord, un imponente muro a secco e, all’interno, vani coperti a volta, collocabili tra XIII e XIV secolo.

La fortissima Rocca fu sede del municipio di Pondo, fino alla soppressione del feudo decretata da Napoleone alla fine del settecento. Dopo che il fortilizio era crollato a causa del terremoto del 1768, la sede dei governatori dei signori del luogo (Ubaldini, Malatesta, Aldobrandini e Doria-Pamphili), fu spostata a Mortano segnando l’inizio della decadenza del castello.

        

Da vedere il Santuario della Madonna degli Occhi, nei pressi di Collina di Pondo in Comune di Santa Sofia, nella diocesi di Forlì-Bertinoro, che ospita un’immagine della Madonna che apparteneva ad un preesistente monastero agostiniano, dapprima abbandonato dai frati e poi soppresso nella visita pastorale compiuta da S.Carlo Borromeo.

Sul luogo dei resti del monastero abbandonato, verso la fine del 1500 la Madonna apparve ad una pastorella sordomuta che acquistò la parola.

Nel 1873 sul luogo dell’apparizione fu eretta un’edicola intitolata alla Vergine.

A 500 metri dal Santuario di Collina di Pondo sulla strada Comunale per Saviana la fonte degli occhi ritenuta miracolosa per le malattie degli occhi è meta di visite da parte numerosi fedeli.

 

Maestà, m 619 s.l.m.
L’edicola intitolata alla Vergine fu costruita nel 1873, come si legge in una iscrizione all’interno, nel luogo dove, secondo la tradizione,
apparve la Madonna alla pastorella sordomuta, miracolandola

 Indirizzo: – Santa Sofia
Telefono: Ufficio Iat Santa Sofia +39.0543.971297 – Pro loco Corniolo +39.0543.980304
Fax: +39.0543.973034
Fonte: www.turismoforlivese.it


 

 Il Santuario della Madonna degli Occhi
di Collina di Pondo in Santa Sofia (Forlì-Cesena)

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini