Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Nostra Signora di Roverano in Carrodano (La Spezia)

Il Santuario della Nostra Signora di Roverano nel Comune di Carrodano (La Spezia). I prati verdi del colle di Roverano costituivano in ottimo pascolo per il gregge dei pastori della zona. Abitualmente vi si recavano due povere pastorelle, assai devote alla Vergine, una delle quali muta fin dalla nascita. Un giorno (Il giorno era sicuramente il 7 settembre mentre per l’anno é verosimile una arco di tempo che va dal 1350 al 1352), mentre si riposavano ai piedi di un ulivo, improvvisamente apparve loro una bellissima signora vestita di azzurro. Era la Vergine Santissima che con materna tenerezza calmò le pastorelle non poco turbate e poi, rivolgendosi a quella muta disse: “Va, o pastorella, a chiamare il Parroco di L’Ago e digli che venga qui”.

La fanciulla, fino ad allora muta, improvvisamente parlò e rispose :”Andrò”.

Quindi si recò dal parroco e gli narrò dettagliatamente il prodigio. Il Sacerdote, assai emozionato, radunò la popolazione di L’Ago e si recò a Roverano.

Giunti sul posto dell’Apparizione tutti speravano di vedere la Madonna, ma la visione era scomparsa. Un terzo prodigio si era frattanto verificato: dall’alta pianta dell’ulivo pendeva un quadro di legno con l’immagine della Vergine.

Dopo aver sostato alquanto in preghiera il Parroco ordinò di trasportare il quadro a L’Ago. Quando il giorno dopo tutti i Laghesi si recarono in chiesa per pregare la prodigiosa immagine, questa era scomparsa. Poiché tutte le ricerche furono vane, si pensò di andare a Roverano sul luogo dell’Apparizione: il quadro era di nuovo appeso all’ulivo. Si comprese allora che Maria Vergine voleva abitare sul Roverano.

Circa la natura del quadro possiamo dire che è un bellissimo dipinto su legno, di scuola italo-bizantina, di cm. 80×70 circa: esso rappresenta la Madonna con Gesù Bambino in braccio e questo nell’atto di benedire.

Costruzione del Santuario
Mentre il popolo di L’Ago si adoperava per costruire una Cappella sul Roverano, il quadro era custodito provvisoriamente in un padiglione.
Col passare degli anni la devozione alla Madonna aumentava e, ben presto, la Cappelletta non servì più a contenere i numerosi fedeli; si rese così necessaria la costruzione di un grande Santuario che poté essere effettuata grazie alla generosità e degli abitanti di L’Ago e dei paesi vicini. Era il 13 giugno 1875 quando il quadro miracoloso poté essere collocato sopra l’attuale Altare Maggiore del nuovo Santuario.

La prodigiosa fioritura degli ulivi
La caratteristica propria del Santuario di Roverano consiste in un prodigio che si ripete dall’epoca dell’apparizione, e cioè nella fioritura degli ulivi alla vigilia della Natività di Maria. L’eccezionale fenomeno avviene ogni anno il 7 settembre dopo le funzioni religiose in onore della Beata vergine ed è attestato da alcuni documenti del XVIII secolo che si trovano nell’archivio notarile di Sarzana.

Favori e grazie alla Madonna
Come ogni Santuario il Santuario di Roverano è fonte di grazie e di miracoli, alcuni dei quali, oltre che dalla tradizione, sono stati tramandati da documenti. Possiamo ricordare la vicenda del Viceré del Messico, il Conte Fuenclava che venne salvato dalla Madonna di Roverano mentre tentava di resistere all’aggressione di alcuni malandrini sulla strada del Bracco in una buia notte del 1748.
Altro straordinario fatto è quello riguardante il maggiordomo dell’Arcivescovo di Genova. Nel 1870 il maggiordomo si era dimenticato di consegnare all’Arcivescovo un ramoscello d’ulivo fiorito avuto in consegna dal custode del Santuario. Quando, dopo molti mesi, si riaprì la scatola contenente il ramoscello, questo aveva ancora i fiori freschi come come se fossero stati colti proprio allora.
Altra prova della benevolenza della Madonna s’ebbe il 30 Agosto 1823; infatti in quel giorno torrido d’estate, gli operai che lavoravano alla costruzione della strada del Santuario erano rimasti quasi senza vino; la Vergine impietosita per quegli uomini affaticati e assetati fece si che il poco vino che era rimasto nel barile non avesse mai fine e gli operai potessero quindi attingere senza timore.
Tra le tante guarigioni miracolose avvenute grazie all’intervento della Madonna di Roverano merita di essere ricordata quella di Domenica Ferrari, una povera donna di L’Ago costretta a rimanere inferma per la frattura di una gamba. La poveretta vedendo che tutte le cure erano inutili, un giorno prese le sue grucce e si trascinò, con molta fatica e dolore, fino al Santuario; giunta davanti al quadro miracoloso si raccolse in devota preghiera e instantaneamente avvenne la guarigione.

Solenne incoronazione della Madonna
Agli inizi del XX secolo si realizzò il sogno degli abitanti di L’Ago, cioè l’incoronazione della Madonna a Regina di Roverano. Si verificò allora una generosa gara tra gli abitanti dei vari paesi vicini per regalare denaro o gioielli per l’acquisto dell’aurea corona. Il 1 settembre 1901 iniziarono le feste in onore di Maria e si protrassero fino al giorno 8, giorno dell’Incoronazione.
Fonte: SantuariodiRoverano.net

Madonna di Roverano
Si eleva sul colle omonimo, a metà strada fra Sestri Levante e La Spezia, in posizione altamente suggestiva.
La sua origine risale all’Apparizione della Madonna (sec. XLV) a due pastorelle, una delle quali muta dalla nascita. A questa la Vergine che aveva in braccio il Bambino Gesù e reggeva un piccolo quadro, ordinò di invitare, a nome Suo, il parroco di L’Ago a recarsi lassù, sul colle di Roverano.  Grande fu la sorpresa e la commozione del buon sacerdote nel sentir parlare la fanciulla. Suonò a distesa le campane: alla gente accorsa per l’insolito richiamo, la veggente miracolata ripeté l’invito della Madonna. In breve tempo, una grande folla si addensò sul verde colle, ma trovò soltanto l’altra pastorella inginocchiata davanti al quadro lasciato dalla Vergine, ormai scomparsa.
Qui sorse il Santuario, nel quale si conserva gelosamente il prodigioso quadro.
Da Giovanni De Carlis in Santuari Mariani legati alla Storia dei Sordomuti nel 1971.

L’ingresso del Santuario (foto di Ermano Maggiani)

Festività: 8 settembre
Per informazione: Santuario -19020 ROVERANO DI CARRODANO (La Spezia)- TEL. 0187-893320
“A Carrodano importante è il Santuario della Madonna di Roverano, edificato ne ‘500e modificato in epoca barocca. Altra attrattiva è il Lago artificiale di Mattarana. A Borghetto di Vara sorgono i resti dell’antica Parrocchiale la cui testimonianza è rappresentata dal pregevole campanile in stile barocco.”
Da Liguriaplianet.com

Nostra Signora di Roverano
L’Immagine miracolosa è una tavola cinquecentesca raffigurante la Madonna col Bambino, ed è stata collocata sopra l’altare maggiore. È stata incoronata nel 1901. La storia racconta che due donne, delle quali una era muta, mentre pascolavano il gregge sul monte Roverano, videro la Madonna, e la muta riacquistò la parola. La notizia fece accorrere gente e tutti videro la sacra Immagine posta su di un ulivo. Il quadro, portato nella vicina chiesa di L’Ago, scomparve e si ritrovò sul luogo dell’apparizione. Venne così decisa la costruzione del santuario. Il primo documento riferito alla chiesa come «Cappella di Roverano» è del 1518. La struttura attuale è dell’ottocento e la facciata del 1933.
Fonte: chiesacattolica.it

PER SAPERE DI PIU’

Santuario della Nostra Signora di Roverano

Comune di Carrodano

Ermano Maggiani (Galleria foto)

Carrodano


Visualizzazione ingrandita della mappa


 Il Santuario della Nostra Signora di Roverano
in Corrodano, La Spezia.

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini