Iscriviti: Feed RSS

Padre Luigi Libero Selva della Piccola Missione

Dopo lunga e penosa malattia è spirato serenamente a Firenze il 30 maggio 2006 il noto educatore dei sordi Padre Luigi Libero Selva, di 87 anni, appartenente alla Congregazione della Piccola Missione per i Sordomuti,  da 53 anni si occupava, oltre all’attività religiosa, all’opera istituzionale degli Istituti Gualandi con sede legale di Bologna. Nacque a Castel Guelfo di Bologna il 22 novembre 1919 e entrò nella medesima Congregazione il 2 ottobre 1931.

Fu ordinato sacerdote nel 1943. Nel suo esordio con i sordi si dedicò al loro insegnamento nelle scuole dell’Istituto Gualandi di Roma, poi alla direzione dell’Istituto Provinciale “Lorenzo Apicella” di Molfetta (Bari) dal 1953 al 1955.

Infine tornò di nuovo a dirigere l’Istituto di Roma,  poi quello di Firenze  e viceversa fino agli anni novanta, fu il primo direttore dell’Istituto Sordomuti di Torino (in Pianezza) al quale l’Opera di detto Istituto gli affidò la direzione didattica dalla Piccola Missione dal 1965 per tre anni, poi per qualche anno alla direzione dello storico Istituto Provinciale di Venezia (1972 al 1975).

Nel contemporaneo periodo fu dirigente del massimo vertice della Congregazione “Piccola Missione”e dell’Opera Gualandi. Il suo lungo impegno come religioso, come manager e come educatore dei sordi è stato di enorme contributo alla crescita istituzionale dell’Opera degli Istituti Gualandi e della medesima Congregazione, un vero devoto dell’insegnamento di metodologia adatta a far e farsi “capire” speditamente – con profonda attenzione – la materia specifica (lingua italiana) ai tantissimi allievi sordi sparsi d’Italia, che lo ricordano con profondo rimpianto e affetto come personaggio di squisita amabilità ed impegno autorevole.

In diversi periodi della sua vita si dedicò anche ai Sordi adulti con iniziative spirituali e liturgiche. Un particolare merito va a lui sotto la sua direzione fu ricostruito l’imponente complesso scolastico di Firenze situato nel vecchio ex convento “Novo” attorno agli anni sessanta.

Nelle scuole di metodo di Bologna e di Venezia P.Selva fu noto docente nella formazione dell’insegnamento per i maestri dei sordi,  fu anche autore di numerose opere di alta rilevanza per i corsi di formazione: “Scuola e Metodi nella pedagogia degli anacusici” (1973) e di innumerevoli articoli pubblicati su “Effeta” con profonda esperienza didattica speciale sulla sordità.

Per arricchirsi le conoscenze didattiche pedagogiche speciali, partecipò ai numerosi incontri nazionali e internazionali sul campo scolastico.

E’ nel perenne ricordo dei Sordi Padre Selva per quello che ha fatto nella sua vita dedicata esclusivamente a loro. E’ tornato alla Casa del Padre nel devoto silenzio, fede, umiltà e carità. nw084 (2006)


Newsletter della Storia dei Sordi n.84 del 5 ottobre 2006

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini