Iscriviti: Feed RSS

Santuario della Madonna del Lauro in Meta (Napoli)

Il Santuario della Madonna del Lauro in Meta di Sorrento (Napoli). La tradizione narra che verso il sec. VIII, una pia vecchietta sordomuta, conducendo al pascolo la sua mucca, fu attratta dal bagliore di una fiamma, proveniente da un vicino cespuglio. Meravigliata si avvicinò e vide una statua della Vergine, all’ombra di un lauro, ed ai suoi piedi una gallina d’oro con dodici pulcini, anch’essi d’oro.

La pia donna, stupida e miracolata, corse a divulgare la notizia. Il Vescovo di Sorreto accorse e fece trasportare solennemente la Statua nella Cattedrale, ma, il giorno dopo, di là scomparse, fu ritrovata nel luogo dell’Apparizione, e così avvenne per altre due volte. La Statua fu allora lasciata sul posto del ritrovamento, dove fu innalzato un tempio maestoso, dal quale la Vergine continua a elargire grazie e prodigi (Dalla Storia dei Santuari Mariani legati ai sordomuti, 1971)

Sul luogo di un tempio di Minerva, sorse la Basilica della Madonna del Lauro. Dedicato inizialmente al Salvatore, l’edificio s’intitolò alla Madonna del Lauro nel 1206, dopo che una pia donna metese aveva rinvenuto sotto un albero di lauro una statua della Vergine (VIII sec.).

Oggi la costruzione si presenta con una facciata neoclassica sopra una scalinata, accompagnata da un robusto campanile di stile barocco; la sormonta una bassa cupola maiolicata. L’interno luminoso ed elegante, a croce latina con tre navate divise da 14 pilastri, è adorno di marmi pregiati, stucchi, ori ed opere d’arte. Dietro l’attuale porta metallica d’ingresso, è conservata una porta lignea della seconda metà del ‘500 con 24 formelle in legno di teak intagliate, illustranti i Misteri del Rosario.

A destra del presbiterio è la cappella della Madonna del Lauro, a tarsie marmoree del ‘700, adorna nei pennacchi della cupoletta di affreschi ( gli Evangelisti) di Giuseppe Bonito (1785); all’altare, antica statua della Madonna in legno di tiglio. Ai lati del presbiterio, Angelo Custode e S. Michele (1640); nell’abside, Cristo Risorto, statua lignea di scuola napoletana del ‘700. All’altare del transetto sinistro Madonna del Rosario (intorno i Misteri), tavola di scuola napoletana del’500.

In sagrestia si possono ammirare gli affreschi di Costantino Desiderio (1783) simboleggianti il trionfo della fede; un magnifico dipinto di Luca Giordano sulla cacciata dei mercanti dal tempio di Gerusalemme da parte di Gesù ed, infine, gli armadi lignei intarsiati (1765). Su proposta dello storico d’arte Antonio Filangieri di Candida, il Santuario di Meta è stato dichiarato, con Decreto Ministeriale del 29 novembre 1913, Edificio Monumentale.
Fonte: prolocometa.it  re105  (2005)



Visualizzazione ingrandita della mappa

PER SAPERE DI PIU’

Comune di Meta

Meta di Sorrento

 Santuario della Madonna del Lauro in  Meta di Sorrento (Napoli)

 «La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini