Iscriviti: Feed RSS

Santuario di Santa Lucia di Villanova-Mondovì (Cuneo)

Dalla piazza antistante la chiesa di San Lorenzo s’infila a sinistra via Lorenzo Eula e si perviene alla strada provinciale per Roccaforte Mondovì. Dopo un paio di chilometri ci si trova ai piedi di una rupe e dinanzi uno scenario imprevedibile.

Adiacente ad una cava di roccia calcarea, che si estende sui fianchi della montagna, sorge un grandioso edificio, ad un centinaio di metri sul livello della strada, incastonato nella roccia, sopra una rupe quasi a perpendicolo.

Siamo alla presenza del famoso e pittoresco santuario di Santa Lucia, risalente presumibilmente al sec. XVI. Dalla provinciale per Roccaforte un bivio a destra porta nei pressi della cava e quindi per una strada, assai ripida, si giunge ad un vasto piazzale.

Il fabbricato è diviso in due parti: l’edificio sulla destra, di costruzione più recente, in mattonato rustico a vista, presenta un triplice ordine di arcate; l’altro più antico e sporgente sul dirupo, tutto bianco d’intonaco, è caratterizzato in alto dagli archi di un ampio porticato, che serve da vestibolo alla caverna del Santuario.

Completa il tutto un elegante campaniletto barocco a forma triangolare.

Dalle ampie aperture del porticato lo sguardo spazia sulla vallata dell’Ellero, abbracciando buona parte del Monregalese.
La chiesa vera e propria è ricavata in un’ampia grotta del Monte Calvario.

L’origine di questo Santuario è legata ad una leggenda miracolosa. Ad una pastorella sordomuta, che pascolava il gregge attorno al pilone di S. Lucia, situato alla confluenza dell’Ellero con il Lurisia, un giorno apparve la Santa, la quale ridiede la favella e l’udito alla ragazza, esprimendo il desiderio che il pilone fosse trasportato in luogo più sicuro dalle inondazioni.

Fu così che i parenti della beneficiata ed i vicini decisero di collocare la sacra edicola nell’attuale caverna. Da quella grotta prese origine l’odierno Santuario.

L’acqua che stilla dalla grotta viene raccolta in un pozzetto apposito ed è oggetto di devozione da parte dei fedeli.

Il Santuario di S. Lucia è visitabile nel periodo da aprile ad ottobre dalle ore 9 alle ore 18.

L’amministrazione comunale di Villanova-Mondovì sta predisponendo progetti di recupero dei sentieri che collegano il Santuario di Santa Lucia con Monte Calvario e con la Grotta dei Dossi.

Fonte:  comune.villanova-mondovi.cn.it  – re113 (2005)

PER SAPERE DI PIU’
Biografia di Santa Lucia

Santuario di Santa Lucia in Villanova-Mondovì

STORIADEISORDI: RELIGIONE – Il Santuario di Santa Lucia di Villanova-Mondovì (Cuneo).

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini