Iscriviti: Feed RSS

La conservazione dei documenti

“Per quanto tempo è meglio conservare fatture e ricevute…” – “Entro quanto tempo l’artigiano mi può richiedere il pagamento del lavoro eseguito”: queste ed altre simili sono domande frequenti dei consumatori, alle prese con il problema se eliminare o meno documenti che si ritengono ormai “carta straccia”. Attenzione dunque a quanto riportato della presente tabella.

Tipo di documenti Per quanto tempo è meglio conservare…oppure entro quando si deve reclamare…
Abbonamento TV (relative ricevute di pagamento) per 10 anni
Affittto (relative ricevute di pagamento) per 5 anni
Atti di compravendita casa – atti di proprietà della casa … per sempre
Atti notarili in genere per sempre
Atti di matrimonio – di separazione ecc… per sempre
Assicurazioni (ricevute pagamento premi) per 1 anno dalla scadenza
Bollette/fatture energia elettrica – gas – rifiuti 5 anni è la prescrizione prevista per legge – consigliamo peró di conservarle per almeno 10 anni
Bollette telefono fisso 5 anni è la prescrizione prevista per legge – consigliamo peró di conservarle per almeno 10 anni
Bollette telefoni mobili-cellulari per 10 anni
Bollettini-ricevute pagamento ICI per 5 anni dall’anno successivo a quello di pagamento
Bollo auto (relative ricevute di pagamento) per 3 anni dalla scadenza/ consigliamo però di conservare le ricevute per almeno 5 anni
Contributi previdenziali INPS per sempre
Contratti di affitto per sempre
Documentazione relativa a dichiarazioni dei redditi fino alla scadenza del 4. anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione
  si consiglia però la conservazione per almeno 6-7 anni
Estratti conto bancari si ha tempo 60 giorni per contestare le risultanze contabili dell’e/c bancario
  in caso di errori od omissioni ci sono però 10 anni di tempo per proporre l’impugnazione dell’e/c
Fatture di alberghi e ristoranti per 6 mesi
Fatture di artigiani consigliamo la conservazione per almeno 10 anni
Multe stradali per 5 anni
Mutui (ricevute di pagamento delle rate) per sempre
Pagamenti rateali per 5 anni
Parcelle/fatture di liberi professionisti (avvocati-notai…) per 3 anni dalla fine del rapporto
Referti medici (ricoveri-analisi-lastre ecc…) per sempre
Scontrini di acquisto merce per 26 mesi (sia ai fini della prova di acquisto, sia per esercitare i diritti di garanzia)
Spese condominiali per 5 anni
Titoli di Stato 1 la restituzione del capitale va richiesta entro 5 anni dalla data di rimborsabilità (scadenza del titolo)
Titoli di Stato 2 gli interessi vanno richiesti entro 5 anni dalla scadenza
NOTA: in ogni caso si consiglia di trattenere copia delle ricevute per almeno altri 2-3 anni oltre le scadenze indicate; questo in quanto rispetto a certi termini di prescrizione possono esserci ancora incertezze interpretative

Fonte: Centro Tutela Consumatori Utenti – in020