Iscriviti: Feed RSS

Conferenza Unificata Stato-Regioni, Città e Autonomie Locali: ok LIS (Newsletter della Storia dei Sordi n.361 del 16 novembre 2007)

Il 18 ottobre 2007
la Conferenza Unificata ha espresso parere favorevole sullo schema del Disegno di Legge recante disposizioni per la promozione della piena partecipazione delle persone sorde alla vita collettiva.
Nel corso della seduta la Regione Veneto , Coordinatrice interregionale per i servizi sociali, ha proposto un emendamento all’art. 2, diretto a riconoscere e promuovere nella Provincia Autonoma di Bolzano anche l’uso della Lingua dei Segni corrispondente al gruppo linguistico tedesco.
Il Ministro della Solidarietà Sociale, On. Paolo Ferrero, in accoglimento della proposta, ha sottolineato l’esigenza di una riformulazione del DDL volta a comprendere in generale i gruppi linguistici garantiti dagli Statuti di Autonomia delle Regioni Speciali.
Il testo emendato ritorna ora al Consiglio dei Ministri per l’approvazione definitiva, quindi riprenderà il Suo iter con l’assegnazione in Commissione.
Fonte: ens

Conferenza Unificata Stato-Regioni, Città e Autonomie Locali
La Conferenza Unificata è stata istituita dal d. lgs. 28 agosto 1997, n. 281, che ne ha definito anche la composizione, i compiti e le modalità organizzative ed operative (articoli 8 e 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281).

La Conferenza Unificata, sede congiunta della Conferenza Stato-Regioni e della Conferenza Stato-Città ed autonomie locali, opera al fine di:
1. favorire la cooperazione tra l’attività dello Stato e il sistema delle autonomie;
2. esaminare le materie e i compiti di comune interesse.

E’ competente in tutti casi in cui Regioni, Province, Comuni e Comunità montane, ovvero la Conferenza Stato-Regioni e la Conferenza Stato-Città ed autonomie locali sono chiamate ad esprimersi su un medesimo oggetto (art. 9, comma 2, del d. lgs. 281/1997).

In particolare, la Conferenza Unificata:
– consente alle Regioni, alle Province, ai Comuni ed alle Comunità montane di partecipare alle scelte del Governo, nelle materie di comune interesse;
– approfondisce le questioni politico-amministrative più rilevanti per il sistema delle Autonomie;
– esamina i provvedimenti iscritti all’ordine del giorno delle sedute, su richiesta del Governo o dei Ministri competenti, quando ciò sia previsto da legge, ovvero, quando lo si ritenga opportuno, a seguito di richiesta delle Regioni, dell’ANCI, dell’UPI o dell’UNCEM , del Governo o dei Ministri.

La Conferenza Unificata costituisce la sede per l’attuazione dell’intesa interistituzionale tra Stato-Regioni ed Enti locali per l’attuazione della riforma del Titolo V della Costituzione (Accordo del 20 giugno 2002 – Rep. n.576).
Fonte: Governo.it

nw361


 

Newsletter della Storia dei Sordi n.361 del 16 novembre 2007