Iscriviti: Feed RSS

Mons. Vicent de Paulo Burnier. Uno dei primi Sacerdoti Sordi del Mondo.

Il P. Vicente Burnier è il terzo sacerdote sordo del mondo. È nato Sordo nel 1921 a Juiz de Fora (Brasile). In seno ad una famiglia di nove fratelli dei quali cinque Sordi. La famiglia è molto distinta e cattolica: conta tra i suoi membri avvocati, dottori, ingegneri, professori, infermieri, sacerdoti, uno gesuita, rimasto ucciso nell’interno della Amazzonia (nelle foreste), pochi anni fa. Due fratelli erano entrati in seminario e Vincente voleva seguirli, ma due seminari l’avevano rifiutato per la sua sordità.
Ha frequentato l’Istituto Nazionale per Sordi di Rio de Janeiro e più tardi ha preso le lezioni da un professore privatamente.
Una sua zia gli aveva regalato la biografia di P. Giovanni La Fonta, considerato uno dei primissimi sacerdoti sordi. Leggendola a Vincente aumenta la volontà e il desiderio di diventare sacerdote. Finalmente è accettato in un seminario, ma a condizione di andare alla pari dei suoi compagni, cioè di non rimanere indietro.
Egli è molto intelligente e volonteroso: ha finito gli studi nel 1948, ma la sua ordinazione è stata rimandata di tre anni per ordini venuti da Roma. Fu accompagnato dal suo Vescovo a Roma in visita a Pio XII e dopo essere stato sottoposto a rigorosi esami in varie università ecclesiastiche di Roma stessa, finalmente fu ordinato sacerdote nel 1951.
Ha lavorato negli uffici della Curia Arcivescovile di Juiz de Fora, è stato nominato monsignore, dedica molto del suo tempo alla assistenza spirituale dei sordi del Brasile.
Tra il 1965 e il 1977, insieme al P. Eugenio Oates, C.SS.R., ha realizzato varie missioni in tutto il Brasile e anche in Argentina e nell’Uruguay. Il P.Vicente Burnier è stato presente nel 1953 al Convegno Internazionale di Detroit della Associazione dei Sordi cattolici e d’allora ha partecipato a due convegni della I.C.D.A..
Il P. Burnier legge bene dalle labbra e parla molto bene cinque lingue: il portoghese, il francese, lo spagnolo, l’inglese e l’italiano (nonchè le lingua dei segni, n.d.r.).
Oltre la sua robustezza fisica, ciò che di più chiama l’attenzione è il suo sembiante sereno, sorridente, paziente, riflesso della vita interiore (scritto nel giorno 28 settembre del 1986 in occasione della Giornata mondiale del Sordo)

Di recente, con tanto piacere, ho ricevuto da Antônio Campos de Abreu la raccolta della biografia di Mons. Vicente de Paulo Burnier e il suo relativo album delle foto. Ecco il pps cliccando qui. Buona visione.
ps077 (2008)


 

STORIADEISORDI: PERSONAGGI