Iscriviti: Feed RSS

Collocamento per i soggetti portatori di disabilità

Collocamento per i soggetti portatori di disabilità (Legge 68/99). La Legge ha esteso su tutto il territorio nazionale la metodologia del "collocamento mirato", già operativa prima della nuova legge con grande successo in molte regioni italiane. Questo nuovo approccio, attorno al quale ruotano tutte le disposizioni della legge, parte dalla consapevolezza che a minorazione fisica, psichica e/o sensoriale non corrisponde sempre e comunque una riduzione delle capacità lavorative.
Infatti attraverso una "serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto di lavoro adatto, attraverso analisi dei posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzione di problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione" (art. 2) è possibile inserire la persona disabile giusta al posto di lavoro adatto.
Questo approccio permette di integrare nel mondo del lavoro persone disabili agli stessi livelli di produttività degli altri lavoratori.
 
Campagne informative sulla legge 68/99 
Il collocamento obbligatorio, per lungo tempo disciplinato dalla legge 2.4.1968 n. 482, è stato riformato dalla legge 12.3.1999 n. 68 (e relativo regolamento di attuazione D.P.R. 10.10.2000 n. 333), che abrogando la precedente normativa, ha introdotto significative novità.
La legge n. 68/99 persegue come finalità "la promozione dell’inserimento e della integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato"; si rivolge alle persone disabili, valorizzandone le competenze professionali, le capacità e le abilità psico-fisiche.
La legge permette ai datori di lavoro pubblici e privati con più di 15 dipendenti, che devono rispettare l’obbligo di assunzione di una quota di lavoratori disabili, di accedere ad agevolazioni economiche e supporti tecnici e consulenziali.

Numero verde 800 196 196 – da lunedì a venerdì –  ore 9,00 – 20,00 (anche servizio ponte telefonico per sordi, n.d.r.). Fonte: gov.it

ATTENZIONE: da consultare ai Centri Provinciali di Impiego attraverso i propri siti (per esempio: provincia di Roma: www.provincia.roma.it; Bologna: www.provincia.bologna.it)

sp022