Iscriviti: Feed RSS

Chiesa di San Petronio di Bologna: la sepoltura pubblica delle spoglie del fondatore degli Istituti Gualandi e della Piccola Missione (Newsletter della Storia dei Sordi n. 537 del 10 luglio 2008)

La famosa Basilica di San Petronio di Bologna, che si trova in Piazza Maggiore, ospita la sepoltura delle spoglie del Fondatore degli Istituti Gualandi  e della Piccola Missione: il Servo di Dio Don Giuseppe Gualandi.

Egli nasce, nella città di Bologna, il 9 giugno 1826 da famiglia profondamente cristiana.
L’otto luglio 1849, celebrandosi nella Chiesa parrocchiale della SS, Trinità, la festa del Cuore Immacolato di Maria, colpito dalla presenza di una Sordomuta che si trova fra le bambine comunicande, conosce la Volontà di Dio a suo riguardo ed il campo del suo lavoro apostolico è segnato.
Poco tempo dopo inizia l’educazione del primo sordomuto rintracciato in città (Bologna, n.d.r.) e nel 1850 apre il suo Istituto per i medesimi Sordomuti.
Nel 1852 il fratello Don Cesare si associa definitivamente a Lui nella Missione a favore dei Sordomuti.
Don Giuseppe va ripetendo a modo di preghiera: «euntes, prædicate Evangelium omni creaturæ! Omni creaturæ, anche ai poveri Sordomuti!».
Fondano poi la Piccola Missione per i Sordomuti e le Pie Sorelle (Suore, n.d.r.) della Piccola Missione perché la loro Opera avesse a perpetuarsi nella Santa Chiesa. Rimasto solo, per la morte prematura di Don Cesare, perfeziona l’organizzazione della sua Opera, ne segna gli scopi e consolida gli inizi, richiamando intorno ad essa l’attenzione di eminenti persone, che lo coadiuvano nel suo intento. Ai suoi Religiosi e alle sue Religiose dà come motto: Dio solo! E, come programma di particolare apostolato lo spirito di carità universale verso i Sordomuti!
Per questo ancora, incontrando e superando difficoltà enormi, guidato da incondizionato spirito soprannaturale di Fede e di ubbidienza, dilata il suo bene aprendo altre case, auspicando che la Congregazione possa giungere a compiere tanto bene a favore dei Sordomuti.
Provato da molti dolori fisici, da grandi difficoltà e incomprensioni, da sconoscenza ed opposizioni, onorato da molti riconoscimenti di Autorità religiose e civili, continua nel suo apostolato con lo sguardo ed il cuore fisso in Dio, ripetendo: «expecta Dominum, viriliter age, confortetur tuum!».
Confortato dal materno sorriso del Cuore Immacolato di Maria, chiude, piamente, la sua vita il 14 luglio 1907. I suoi funerali sono l’esaltazione più chiara delle sue virtù. La prima sepoltura di Don Giuseppe fu al cimitero di Certosa (Bologna) e successivamente le sue spoglie mortali furono traslate, dall’8 luglio 1949, nella cappella della sezione maschile dell’Istituto Gualandi di Bologna (Via Nosadella 49).

Dal settembre 2007 le medesime spoglie furono trasferite definitivamente nella Cappella di Sanl’Ilvo della Chiesa di San Petronio in Piazza Maggiore di Bologna.
E’ un onore di tutti gli allievi e le allieve degli Istituti Gualandi sparsi in Italia.

INFO:

Traslazione delle spoglie di Don Giuseppe Gualandi

Basilica di San Petronio

nw537


 Newsletter della Storia dei Sordi n. 537 del 10 luglio 2008

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini