Iscriviti: Feed RSS

Paolino Ruiu, ospite sordo di Casa “San Giacomo”, pittore per passione (Newsletter della Storia dei Sordi n.741 del 13 novembre 2009)

Paolino Ruiu, ospite sordo di Casa “San Giacomo”, pittore per passione. Tra gli ospiti che occupano i mini-alloggi della Casa di Riposo “San Giacomo” di Vedano Olona (VA) ve ne è uno che merita particolare attenzione, Paolino Ruiu. Il signor Ruiu  ha infatti una particolare attenzione che coltiva ormai da vent’anni: la pittura. I dipinti e le opere di Ruiu sono bellissime. Conosciamo meglio lui e la storia di questo autentico artista.

Paolino Ruiu è nato in Sardegna, a Tempio Pausania. Oggi ha 81 anni ed e sordo dalla nascita, Cresciuto in una famiglia numerosa ha infatti 5 sorelle ed un altro fratello maschio, quest’ultimo anche lui con l’hobby della pittura, Il signor Ruiu, dopo essersi trasferito dalla Sardegna a Milano, apre una sartoria nel capoluogo lombardo nelle vicinanze della centralissima piazza Duolo. Ruiu era un sarto rinomato i suoi principali clienti erano avvocati, dirigenti, medici,artisti e personaggi della “Milano bene”. Un giorno all’età di 61 anni, dopo essere ritirato dalla professione di sarto, gli venne come d’incanto l’ispirazione per la pittura e scopre l’arte di dipingere.

Si può tranquillamente dire che per Ruiu il disegnare e il pitturare non siano mai stati semplici hobby, sono delle vere e proprie doti naturali. Prima di allora il signor Ruiu non aveva mai preso in mano una matita, non sapeva neanche cosa significasse dipingere. Non conosceva i nomi e le grandi opere dei pittori più importanti e famosi del passato e non li conosce neanche oggi. Così come non conosce Felice Carbonera, grande maestro e pittore sordo valtellinese dell’800.

Felice Carbonera fu, insieme a Carlo Triarca, tra i primi fondatori dell’Associazione di tuo soccorso dei sordi d’Italia, poi denominata “Girolamo Cardano”, fondata nel 1874 a Milano. L’importanza di questa azione consiste nel fatto che rappresentò la prima vera iniziativa di associazione fra i sordi appena istruiti nell’800.

Il pittore Ruiu tiene a precisare che crea e dipinge le suo opere senza uno scherma ben preciso o con dei soggetti preferiti: istintivamente disegna tutto ciò che gli viene in mente in quel momento. Così possiamo ammirare tantissimi e bellissimi suoi dipinti, tutti colorati a tempera o fatti a matita, dove sono raffigurati animali (principalmente gatti, cavalli, cani, anatre), fiori e vasi, paesaggi, tipi di frutta ritratti di figure femminili ed oggetti vari, il signor Ruiu esprime e comunica attraverso i suoi quadri le proprie emozioni e sensazioni ed è molto affezionato ad essi, infatti non vuole mai vendere le opere che crea: lo ha fatto solo in qualche rara occasione, più gentilezza che non per altro.

Ogni tanto qualche amico o conoscente, rimanendo impressionato dalla bravura dell’artista, chiede di poter acquistare una sua opera.

E Ruiu, sempre molto disponibile, lo accontenta. Tutti i suoi dipinti sono conservati gelosamente nel suo mini-alloggio di Casa “San Giacomo”, dove risiede, perché come lui stesso ci dice “armo guardarli”. Il signor Ruiu non ha mai partecipato ufficialmente a nessuna mostra ed i suoi quadri non sono mai stati esposti in nessuna galleria d’arte: questo perché l’artista Ruiu considera i suoi dipinti come “cose personali”. Non gli interessa ricavare denaro dalla vendita dei suoi quadri, così come non gli interessa pubblicizzarli o rendere visibili al pubblico. Solo una volta i suoi lavori sono stati esposti “al pubblico”, in occasione di un’esposizione amatoriale all’interno di Casa “San Giacomo”. Il signor Ruiu dipinge solo per passione personale seguendo l’ispirazione del momento e, per questo passa gran parte della giornata all’interno della sua camera a disegnare e a dipingere. Vogliamo infine salutare con affetto il signor Ruiu ringraziandolo per la disponibilità concessaci per la breve intervista e gli auguriamo di pitturare ancora tanti bellissimi quadri.

Tonino Franzoso, da Giulio Tarra, n. 2 del 2009

Paolino Ruiu

nw741


 

Newsletter della Storia dei Sordi n.741 del 13 novembre 2009