Iscriviti: Feed RSS

Le nuove disposizioni in materia di invalidità civile

Le nuove disposizioni in materia di invalidità civile. Circolare INPS n.126 del 24 settembre 2010  punto n.7

7.1 Rettifica di prestazioni di invalidità in caso di errore.
L’art 10, comma 2, della legge in oggetto ha disposto che  “Alle prestazioni di invalidita’ civile, cecita’ civile, sordita’ civile,  handicap  e  disabilita’   nonche’   alle   prestazioni   di invalidita’  a  carattere  previdenziale  erogate  dall’I.N.P.S.   si applicano, limitatamente alle  risultanze  degli  accertamenti  di natura medico-legale, le disposizioni dell’articolo 9 del  decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38  e  dell’articolo  55,  comma  5, della legge 9 marzo 1989, n. 88”.
Si rammenta che l’art. 9 del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38, stabilisce che le prestazioni a qualunque titolo erogate dall’INAIL possono essere rettificate in caso di errore di qualsiasi natura commesso in sede di attribuzione, erogazione o riliquidazione delle stesse, entro dieci anni dalla data di comunicazione dell’originario provvedimento errato, ovvero anche oltre i dieci anni nei casi di dolo o colpa grave dell’interessato accertati giudizialmente.
Inoltre, in caso di mutamento della diagnosi medica e della valutazione, successivamente al riconoscimento delle prestazioni, l’errore deve essere accertato con i criteri, metodi e strumenti di indagine disponibili all’atto del provvedimento originario, salva l’ipotesi riconducibile a dolo o colpa grave dell’interessato accertati giudizialmente.
Con l’art.10 comma 2, l’istituto della rettifica, già previsto per le prestazioni INAIL, è stato esteso all’invalidità civile e all’invalidità a carattere previdenziale, limitatamente alle risultanze degli accertamenti di natura medico-legale.
L’art. 55, comma 5, della legge 9 marzo 1989, n. 88, pure richiamato dall’art.10 della legge n.122/2010, prevede che nel caso in cui siano state riscosse prestazioni risultanti non dovute, non si dà luogo a recupero delle somme corrisposte, salvo che l’indebita percezione sia dovuta a dolo dell’interessato.
Le citate disposizioni di legge si applicano sia alle prestazioni di invalidità, cecità  e sordità civile,  handicap  e disabilità, sia alle prestazioni di invalidità  a carattere previdenziale erogate dall’Istituto.
Resta ovviamente ferma la possibilità di ricorrere all’applicazione degli  ulteriori strumenti previsti dalle vigenti disposizioni in materia di revisioni, controlli e verifiche sulle prestazioni in argomento.

7.2 Responsabilità dei medici.
L’art 10, comma 3, della legge n.122/2010 ha disposto che, fermo quanto  previsto  dal  codice  penale,  agli  esercenti  una professione sanitaria che intenzionalmente attestano  falsamente  uno stato di malattia  o  di  handicap,  cui  consegua  il  pagamento  di trattamenti economici di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e  disabilità  successivamente  revocati per accertata insussistenza dei  prescritti requisiti sanitari, si applicano le disposizioni di cui all’ art.55 quinquies, comma 1, del decreto legislativo n. 165 del 2001 che prevedono la reclusione da uno a cinque anni e la multa da euro 400 ad euro 1.600.
Nei predetti casi il medico, ferme la responsabilità penale e disciplinare e le  relative sanzioni, è obbligato a risarcire il  danno  patrimoniale,  pari  al compenso corrisposto a titolo di trattamenti economici di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e  disabilità  nei periodi per i quali sia accertato il godimento da parte del  relativo beneficiario, nonché il danno all’immagine     subiti dall’amministrazione. Gli organi competenti alla revoca  sono  tenuti ad inviare copia del provvedimento alla Corte dei conti per eventuali azioni  di  responsabilità.
Al medico sono  altresì estese la sanzione disciplinare della radiazione dall’albo ed altresì, se dipendente di una struttura sanitaria pubblica o se convenzionato con il servizio sanitario nazionale, il licenziamento per giusta causa o la decadenza dalla convenzione (art.55 quinquies, comma 3, del decreto legislativo n. 165 del 2001).
Si ricorda che, ai sensi dell’art. 5, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica n. 698 del 1994, richiamato dalla disposizione in argomento, nel caso di accertata insussistenza dei requisiti prescritti per il godimento dei  benefici si dà luogo alla immediata sospensione cautelativa del pagamento degli stessi. Il successivo formale provvedimento di revoca produce effetti dalla data dell’accertata insussistenza dei requisiti prescritti.

7.3 Verifiche straordinarie
L’art 10, comma 4, della legge n.122/2010, al fine di proseguire per gli anni 2011 e 2012 nel potenziamento dei programmi di verifica del  possesso dei  requisiti per i beneficiari di prestazioni di invalidità  civile, modifica l’art. 20 del decreto legge n. 78 del 2009, convertito con modificazioni in legge n. 102 del 2009.
Per l’effetto, il nuovo ultimo periodo del comma 2 dell’art. 20, citato, dispone quanto segue: «Per il triennio  2010-2012  l’INPS  effettua,  con  le  risorse  umane  e finanziarie  previste  a  legislazione  vigente,  in  via  aggiuntiva all’ordinaria  attivita’  di  accertamento   della   permanenza   dei requisiti sanitari e reddituali, un programma  di  100.000  verifiche per l’anno 2010 e di 250.000 verifiche annue per ciascuno degli anni 2011 e 2012 nei confronti dei titolari di benefici economici  di invalidita’ civile.».

Con il comma 4 bis del medesimo art.10 della legge n.122/2010,  inoltre, è stato previsto che nell’ambito dei piani  straordinari  di  accertamenti  di verifica nei confronti  dei  titolari  di  trattamenti  economici  di invalidita’  civile  previsti  dalle   vigenti   leggi,   l’INPS   e’ autorizzato, d’intesa con le regioni, ad avvalersi delle  commissioni mediche delle aziende sanitarie locali, nella composizione  integrata da un medico INPS, quale componente effettivo ai sensi  dell’articolo 20  del  decreto-legge  1°  luglio  2009,  n.  78,  convertito,   con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102.

In relazione a tale ultima disposizione, si fa riserva di fornire istruzioni operative.

Il Direttore Generale Nori

Allegato 5

LEGGE 30 LUGLIO 2010, N. 122 di conversione con modificazioni del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78 recante “Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitivita’ economica”. Testo coordinato pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 176 del 30 luglio 2010

ART. 10

Riduzione della spesa in materia di invalidita’

  1. (( (soppresso). ))

  2. Alle prestazioni di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità nonchè alle prestazioni di invalidità a carattere previdenziale erogate dall’I.N.P.S. si applicano, (( limitatamente alle risultanze degli accertamenti di natura medico-legale, )) le disposizioni dell’articolo 9 del decreto legislativo 23 febbraio 2000, n. 38 e dell’articolo 55, comma 5, della legge 9 marzo 1989, n. 88.

  3. Fermo quanto previsto dal codice penale, agli esercenti  una professione sanitaria che intenzionalmente attestano falsamente uno stato di malattia o di handicap, cui consegua il pagamento di trattamenti economici di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità successivamente revocati ai sensi dell’articolo 5, comma 5, del decreto del Presidente della Repubblica 21 settembre 1994, n. 698 per accertata insussistenza dei prescritti requisiti sanitari, si applicano le disposizioni di cui al comma 1 dell’articolo 55-quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni. Nei casi di cui al presente comma  il medico, ferme la responsabilità penale e disciplinare e le relative sanzioni, è obbligato a risarcire il danno patrimoniale, pari al compenso corrisposto a titolo di trattamenti economici di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità nei periodi per i quali sia accertato il godimento da parte del relativo beneficiario, nonché il danno all’immagine subiti dall’amministrazione. Gli organi competenti alla revoca sono tenuti ad inviare copia del provvedimento alla Corte dei conti per eventuali azioni di responsabilità. Sono altresì estese le sanzioni disciplinari di cui al comma 3 dell’articolo 55-quinquies del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni.

  4. Al fine di proseguire anche per gli anni 2011 e 2012 nel potenziamento dei programmi di verifica del possesso dei requisiti per i percettori di prestazioni di invalidità civile nel contesto della complessiva revisione delle procedure in materia stabilita dall’articolo 20 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, al comma 2 dello stesso articolo 20 l’ultimo periodo è così modificato: «Per il triennio  2010-2012  l’INPS effettua, con le risorse umane e finanziarie  previste a legislazione vigente, in via aggiuntiva all’ordinaria attività di accertamento della permanenza dei requisiti sanitari e reddituali, un programma di 100.000 verifiche per l’anno 2010 e di (( 250.000 verifiche )) annue per ciascuno degli anni 2011 e 2012 nei confronti dei titolari di benefici economici  di invalidità civile.».

  (( 4-bis. Nell’ambito dei piani straordinari di accertamenti di verifica nei confronti dei titolari di trattamenti economici di invalidità civile previsti dalle vigenti leggi, l’INPS è autorizzato, d’intesa con le regioni, ad avvalersi delle commissioni mediche delle aziende sanitarie locali, nella composizione  integrata da un medico INPS, quale componente effettivo ai sensi  dell’articolo 20 del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2009, n. 102. ))

  5. La sussistenza della condizione di alunno in situazione di handicap di cui all’articolo 3, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, è accertata dalle Aziende Sanitarie, mediante appositi accertamenti collegiali da effettuarsi in conformità a quanto previsto dagli articoli 12 e 13 della medesima legge. Nel verbale che accerta la sussistenza della situazione di handicap, deve essere indicata la patologia stabilizzata o progressiva e specificato l’eventuale carattere di gravità, in presenza dei presupposti

previsti dall’art. 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. A tal fine il collegio deve tener conto delle classificazioni internazionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. I componenti del collegio che accerta la sussistenza della condizione di handicap sono responsabili di ogni eventuale danno erariale per il mancato rispetto di quanto previsto dall’articolo 3, commi 1 e 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. I soggetti di cui all’articolo 12, comma 5, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (GLH), in sede di formulazione del piano educativo individualizzato, elaborano proposte relative all’individuazione delle risorse necessarie, ivi compresa l’indicazione del numero delle ore di sostegno, che devono essere esclusivamente finalizzate all’educazione e all’istruzione, restando a carico degli altri soggetti istituzionali la fornitura delle altre risorse professionali e materiali necessarie per l’integrazione e l’assistenza dell’alunno disabile richieste dal piano educativo individualizzato.