Iscriviti: Feed RSS

78° anniversario Ens. I sordi proganonisti dell’Italia unita

Il 21 ottobre 2010 a Roma, presso l’Aula Magna Benedetto XVI della Pontificia Università Lateranense (Piazza S. Giovanni in Laterano, 4), con inizio alle ore 15.00, si sono tenuti i festeggiamenti ufficiali del 78° Anniversario di Fondazione dell’Ente Nazionale Sordi Onlus.

Alla giornata celebrativa erano presenti numerose personalità del mondo della cultura, delle istituzioni, del giornalismo e dell’associazionismo, per trascorrere insieme ai Sordi italiani una giornata speciale, ma anche un momento di riflessione e di confronto sul tema scelto quest’anno come filo conduttore:

I SORDI PROTAGONISTI DELL’ITALIA UNITA
Partecipazione e collaborazione nell’era della comunicazione

Nel corso della manifestazione  sono stati consegnati i premi ENS ed altri riconoscimenti a personalità che si sono distinte nel proprio settore, per il particolare valore sociale dell’impegno professionale profuso in favore delle persone sorde.

PREMIO ENS 2010

On. GIANFRANCO FINI
(Presidente della Camera dei Deputati)

Dott. LUCA PANCALLI
(Presidente del Comitato Italiano Paralimpico)

Dott. CARLO GIACOBINI
(Direttore responsabile di Handylex.org)

RICONOSCIMENTI ENS 2010

Dott. DAVIDE CERVELLIN
(Presidente del Centro Efesto – Centro Europeo per l’autonomia delle persone disabili)

Sig.ra MARA DOMINI
(Responsabile del “Settore Interventi Sociali alla Persona” della Sezione Provinciale ENS di Milano)

Dott.ssa MANUELA GEMMI
(Dirigente Medico della ASL 4 di Prato)

A.S.P. di SIENA
(Azienda Pubblica Servizi alla Persona Città di Siena)


L’Ente nazionale sordi compie 78 anni, tra battaglie vinte e nuove sfide

ROMA – Grande festa 21 ottobre 2010 per il 78° anniversario dell’Ente nazionale sordi che ha celebrato la ricorrenza con un’assemblea presso l’aula magna Benedetto XVI della Pontificia università Lateranense a Roma. Gremita l’aula magna per l’evento e ampia la partecipazione tra personalità del mondo della cultura, delle istituzioni e dell’associazionismo. Tra i temi affrontati nel corso della giornata grande spazio agli obiettivi raggiunti nel campo della tutela dei diritti delle persone sorde, ma dai vari interventi è emerso anche un quadro dello stato attuale delle politiche a favore delle persone sorde che ancora non riesce a eliminare numerose difficoltà. La festa dell’Ens, però, è stata anche l’occasione per premiare chi si è distinto in azioni a tutela dei diritti delle persone con disabilità e per il particolare impegno professionale profuso in favore delle persone sorde. Tra i premiati, oltre a Luca Pancalli, presidente del Comitato Paralimpico e Carlo Giacobini, responsabile del servizio Handylex.org, anche il presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini per aver reso i lavori parlamentari della Camera dei deputati accessibili ai cittadini sordi attraverso l’iniziativa “Tv senza barriere”.

“Mi auguro che sul tema delle riforme per l’approvazione della legge sulla lingua dei segni e sul collocamento dei disabili e sugli altri temi che interessano le persone sorde, si possa stabilire una comunità d’intenti per il pieno riconoscimento dei loro diritti”. Ha affermato Fini, in un messaggio inviato all’Ente nazionale sordi ieri pomeriggio. “Sono onorato – ha affermato Fini – che abbiate deciso di attribuire il premio per il progetto sperimentale della Camera dei deputati. Ritengo sia assolutamente indispensabile considerare il sordo prima di tutto un cittadino titolare di diritti fondamentali dell’essere umano”. “Talvolta le istituzioni non riescono sempre a garantire servizi ritagliati a misura dei disabili in generale e in particolare dei sordi: prima fra tutti un’educazione scolastica pienamente soddisfacente, l’accesso al mercato del lavoro e una completa fruibilità dell’informazione”. Secondo Fini, in Italia occorre fare ancora passi in avanti. “Occorre che sia applicata pienamente la Convenzione Onu sui Diritti delle persone con disabilità che si prefigge lo scopo di promuovere, proteggere e assicurare alle persone con disabilità il completo ed eguale godimento del diritto alla vita, alla salute, all’istruzione, al lavoro, a una vita indipendente, alla mobilità, alla libertà di espressione e in generale alla partecipazione alla vita politica e sociale”.

Quella di ieri (21 ottobre, n.d.r.) è stata “una giornata importante non solo per celebrare un passato importante – spiega l’Ens -, quello di un Ente che già dal primo Congresso del 1911 esprime la forte volontà delle persone sorde di autodeterminarsi e lottare per i propri diritti fondamentali, ma per rivendicare i diritti che ancora oggi sono negati ai sordi. La piena attuazione dei principi della Convenzione Onu sui diritti delle persone con Disabilità, ratificata dall’Italia nel marzo 2009 e quindi il riconoscimento della Lingua dei Segni, il cui iter legislativo, fermo da diversi mesi al Senato della Repubblica, proprio questa settimana dovrebbe sbloccarsi, su impegno della commissione Bilancio, Antonio Azzollini”. Tra le questioni aperte, infine, anche il diritto all’istruzione, al lavoro e all’informazione. “A tal proposito l’Ens chiede al governo di approvare al più presto il contratto di servizio Rai, scaduto da quasi un anno, recependo in esso tutte le osservazioni della Commissione di Vigilanza Rai in merito all’accessibilità della programmazione su digitale terrestre per i disabili sensoriali”.

Fonte: superabile.it