Iscriviti: Feed RSS

L’OMS lancia l’allarme sordità nei bambini

L’OMS lancia l’allarme sordità nei bambini
Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, nel mondo ci sono 360 milioni di persone con problemi uditivi; 32 milioni sono i bambini affetti da sordità e la metà delle cause è prevedibile.

Aumenta il carattereDiminuisci il carattereSono più di 360 milioni le persone che soffrono di disabilità uditive e di perdita dell’udito nel mondo. A lanciare l’allarme è l’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, in occasione della Giornata internazionale per la Cura dell’Orecchio.

I problemi all’orecchio caratterizzano soprattutto gli anziani. I dati indicano infatti che un over 65 su tre convive con la perdita dell’udito. Tradotto in numeri, si parla di circa 165 milioni di persone.

Nonostante l’esistenza sul mercato ormai da decenni di ausili per combattere la sordità, il numero di protesi prodotte non è affatto sufficiente.

“L’attuale produzione di ausili uditivi – spiega infatti Shelly Chadha, dell’Oms – copre meno del 10% del fabbisogno globale. Nei Paesi in via di sviluppo, meno di una persona su 40 ne ha uno”.

Ma questa disabilità sensoriale non risparmia nemmeno giovani e bambini.

Sono infatti ben 32 milioni i bambini sotto i 15 anni di vita con perdita o abbassamento dell’udito. All’origine della disabilità ci sono le cause più svariate. Fra le  principali si possono indicare sicuramente le infezioni dell’orecchio, soprattutto nei Paesi sottosviluppati.

Le statistiche indicano che i numeri più allarmanti provengono dall’Asia meridionale e del Pacifico, e dall’Africa sub-Sahariana.

A causare la perdita dell’udito in questi Paesi possono essere sufficienti banali malattie esantematiche come rosolia, meningite, morbillo e orecchioni. Traumi all’orecchio e alla testa, esposizione a rumori eccessivi, cause genetiche, problemi durante la gravidanza e il parto, uso scorretto di farmaci possono essere ulteriori fattori scatenanti.

“Metà di queste cause – precisa Chadha –  sono facilmente prevenibili e molte possono essere trattate con una diagnosi precoce e interventi adatti”.

Per questo motivo l’OMS ha invitato le strutture sanitarie ad avviare programmi mirati di prevenzione della sordità nei servizi di cure primarie, comprendendo:

■ il ricorso alle vaccinazioni contro malattie come morbillo, meningite, orecchioni e rosolia,

■ monitoraggi e terapia della sifilide nelle donne in gravidanza,

■valutazione precoce dell’udito nei bambini.

Fonte: policliniconews.it

«La storia è testimonio dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita» (Cicerone)
«La storia non è utile perché in essa si legge il passato, ma perché vi si legge l’avvenire» (M.D’Azeglio)
«Bisogna ricordare il “passato” per costruire bene il “futuro”» (V.Ieralla)
Per qualsiasi segnalazione, rettifica, suggerimento, aggiornamento, inserimento dei nuovi dati o del curriculum vitae e storico nel mondo dei sordi, ecc. con la documentazione comprovata, scrivere a: info@storiadeisordi.it.
“Storia dei Sordi. Di Tutto e di Tutti circa il mondo della Sordità”, ideato, fondato e diretto da Franco Zatini