Iscriviti: Feed RSS

Lo Sport silenzioso a Pavia dal 1947 al 1997

Molti avvenimenti sono trascorsi da quel novembre 1997 in cui uscì dalle rotative della Tipografia Commerciale Pavese il volume «50 Anni di attività sportiva 1947-1977», edito dal Gruppo Sportivo ENS “P. Celada” di Pavia. Ma una recensione è doverosa per lasciare alla storia dei sordi italiani, oltre al libro, anche un commento dei contemporanei su quegli avvenimenti agonistici costì elencati. Il nome dato dall’ENS pavese al suo gruppo sportivo, «P. Celada», è stato in ricordo del Maestro Pietro Celada (1875-1946) era un Maestro che aveva insegnato nel Pio Istituto Sordomuti di Pavia, e per il suo impegno era stato insignito di “medaglia d’oro all’istruzione”, così quando, «… per pura passione… correva l’anno 1947…» i sordi pavesi decisero di costituire una società sportiva per favorire l’attività agonistica tra i giovani sordi della zona, fu per loro naturale condividere la proposta formulata dal giovane Furio Bonora, e chiamare con il nome del loro caro maestro di scuola il nascente sodalizio, «Gruppo Sportivo ENS Pietro Celada».

L’Ente Nazionale Sordomuti, pur non essendo ancora ufficializzato dalla Legge 698/50, era già un’entità effettiva dopo i Congressi di Roma e di Milano che, nel 1946, avevano consacrato l’unità dei Sordomuti italiani, quindi il nome del Sodalizio sportivo, oltre a rendere omaggio ad un amato insegnante, era pure un attestato di conferma per quell’unità dei sordomuti di tutta la Penisola che era andata consolidandosi con gli anni. Ben 10 attestazioni, nelle prime dieci pagine, accompagnano il lettore verso i fautori del sodalizio sportivo, tra cui il sindaco di Pavia, Andrea Albergati, la Presidente nazionale dell’ENS, Ida Collu, il presidente dell’allora Comitato Regionale FISS, Pietro Albanese, il Direttore del periodico «Giulio Tarra, mons. Emilio Puricelli», il vice presidente della Giunta Provinciale pavese, Franco Martini, il presidente dell’ENS Lombardia, Guglielmo Invernizzi, quello della FISS nazionale, Renzo Corti, il Commissario del CONI di Pavia, Roberto Costaldi, l’assessore regionale allo Sport, Guido Bombarda, e il Presidente dell’Ente Nazionale Sordomuti di Pavia, Marco Gallotti.
Quindi ci sono i nomi e le foto dei sei presidenti che nel corso di mezzo secolo hanno guidato il Gruppo Sportivo “Celada”: Calvi Bruno, Zorini Omodeo Pietro, Bonora Fulvio, Prata Lino, Sacchi Giuseppe e Gallotti Marco, più i nomi, senza foto, dei cinque segretari, Bordoni, Cuzzoni, Bruschi, Magri e Gorini. Dopo un’ultra sintetica, «Breve storia del Gruppo Sportivo “F. Celada”», che davvero sorprende attraversando fulmineamente mezzo secolo di avvenimenti storiografici, il libro riporta l’elenco dei “Giochi Olimpici Silenziosi”, dai primi di Parigi 1924, ai XVIII di Danimarca 1997, conclusi in luglio di quell’anno a Copenaghen, con capitolati per sport: ginnastica, pallacanestro e ciclismo, con i nomi degli atleti pavesi, ben 25! che hanno vestito la maglia azzurra, conquistando due medaglie d’argento (pallacanestro e ciclismo), tre di bronzo (1 pallacanestro, 2 ginnastica) e molti onorevoli piazzamenti. Poi l’elenco spazia in altri campi dell’attività internazionale, comprendendo, oltre agli sport già elencati, anche atletica leggera, corsa campestre, e bocce sintetiche, e la vasta attività dei suoi atleti in campo nazionale, che annovera pure la corsa podistica su strada, la lotta greco-romana, le bocce metalliche, il biliardo, le boccette, la pesca sportiva, lo sport-orientamento, la mountain bike, lo sci e il tennistavolo. In complesso, è un’agevole storiografia sportiva. Sono esaurienti i dati, ma scarse, quasi inesistenti, le fotografie, e quelle poche mancano di dati identificativi, ed è davvero un peccato trovare dei bei giovanotti gagliardi e sorridenti, con tanto di maglia azzurra o di gloriosa maglia sociale, e non sapere chi sono o, ed è un oltraggio alla memoria, «chi erano». In ogni caso, comunque, l’importante è che il libro ci sia…

Per ordinazione del suddetto libro: rivolgersi alla Sezione Provinciale ENS di Pavia (email: pavia@ens.it)

rc006 (1997)