Iscriviti: Feed RSS

Osservatorio sulla comunicazione di pubblica utilità (Newsletter della Storia dei Sordi n. 475 del 19 aprile 2008)

Osservatorio sulla comunicazione di pubblica utilità, diretto dal Prof. Stefano Rolando. L’Osservatorio si prefigge l’obiettivo di supportare dal punto di vista scientifico, istituzioni, enti e persone che si occupano di comunicazione pubblica.

Attraverso un piano di ricerca teorica e applicata concordato con i partner che contattano l’Osservatorio, il team di ricercatori è in grado di realizzare:
– Indagini statistiche e rapporti di ricerca
– Strategie e piani di comunicazione
– Valutazione e analisi dell’efficacia dei processi comunicativi

Ogni progetto è diretto da docenti universitari ed esperti del settore della comunicazione politica, sociale e istituzionale che operano con successo nel panorama nazionale ed europeo.

Il rapporto tra settore pubblico e settore privato, così strategico nel panorama contemporaneo, è fonte preziosa di soluzioni e modelli innovativi di pubblica utilità. Per questa ragione l’Osservatorio, nelle sue analisi, fa spesso riferimento alle strategie dei media e della comunicazione d’impresa.

Fondazione Università IULM costituisce un avanzato progetto per la ricerca applicata e la formazione continua
Un progetto promosso – a partire dall’art. 59, comma 3, dalle legge 388/2000 che ha avviato la legittimità della costituzione delle fondazioni universitarie e dal DPR 254/2001 che ha varato il conseguente regolamento – dall’Università IULM di Milano (tra i maggiori soggetti universitari in Italia per immatricolazioni e laureati nel settore dell’informazione e della comunicazione) in collaborazione con importanti partner istituzionali, associativi e di impresa del territorio, che ha avuto nel periodo 2004-2007 la sua fase di costruzione organizzativa, l’avvio sperimentale di un vasto novero di progetti e, nel 2007, la costituzione di Scuola di Comunicazione IULM intesa come specifico strumento per la gestione dei programmi formativi.

Obiettivo strategico generale è quello di utilizzare saperi interni alla comunità universitaria (scienze della comunicazione, del marketing, dell’innovazione, del sistema salute&società, del turismo, delle lingue e del management culturale) per sviluppare originali percorsi di ricerca e formazione.

La ricerca
attraverso percorsi che, attorno a bisogni di conoscenza e interpretazione di dinamiche esterne allo specifico didattico, siano capaci di intercettare interessi del mondo economico, culturale, sociale, politico e istituzionale collaborando alla progettazione della governance dello sviluppo. E altresì creando opportunità culturali e professionali per la propria comunità di docenti e di laureati.

La formazione
agendo nella logica “radici nella scuola, sguardo al mercato del lavoro”. Perché l’università italiana funziona meglio quando riesce a intercettare le vocazioni dei giovani. Quando li accompagna davvero verso traguardi culturali e professionali. Quando ha strumenti per capire in tempo reale il cambiamento sociale ed economico. Quando sviluppa una proposta per il “dopo università” dei propri laureati e per il “ritorno in università” di chi lavora.

Presidio di Feltre
Un presidio operativo della Fondazione Università IULM è attivo a Feltre dall’autunno 2006. I progetti che qui vengono sviluppati si inscrivono nella più ampia missione di sviluppo della cultura, della ricerca, dell’alta formazione e dell’innovazione, con lo scopo di contribuire alla valorizzazione del territorio locale. Da qui l’attenzione allo sviluppo di progetti rivolti alle piccole e medie imprese del Triveneto, al turismo e all’ambiente alpino, alle associazioni di categoria impegnate nella valorizzazione della sinergia tra professione e ricerca, tra formazione e università. Ad oggi, tra i più importanti progetti attivi, ci sono i corsi di alta formazione per Unione Triveneta dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati, Corte d’Appello di Venezia e Consiglio Nazionale del Notariato; una Summer School con l’Istituto Europeo per lo Studio del Comportamento Umano; i corsi della Scuola di Comunicazione per Ordine degli Architetti della Provincia di Belluno e Circolo Cultura e Stampa Bellunese; l’organizzazione di ricerche, eventi e convegni per Agenzia delle Entrate di Feltre, Prefettura di Belluno, Polizia di Stato e per importanti imprese e aziende locali.

Altre risorse sul sito Fondazione IULM:
Mission
Organizzazione
Percorsi

Fonte: www.fondazioneiulm.it  nw475


Newsletter della Storia dei Sordi n. 475 del  19 aprile 2008