Iscriviti: Feed RSS

Disagio abitativo: misure urgenti a favore di particolari categorie sociali (Newsletter della Storia dei Sordi n. 577 del 4 novembre 2008)

Disagio abitativo: misure urgenti a favore di particolari categorie sociali

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 20 ottobre 2008 il decreto-legge n. 158, recante “Misure urgenti per contenere il disagio abitativo di particolari categorie sociali” proposto dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e dal Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Altero Matteoli.

Il provvedimento si propone di ridurre il disagio abitativo e di favorire il passaggio da casa a casa – in attesa della realizzazione delle misure e degli interventi previsti dal Piano nazionale di edilizia abitativa – per le categorie sociali con reddito annuo lordo complessivo inferiore a 27.000 euro, che siano o abbiano nel proprio nucleo familiare persone ultrasessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap (con invalidità superiore al 66 per cento), purché non in possesso di altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza. La sospensione si applica anche ai conduttori aventi figli fiscalmente a carico (legge 8 febbraio 2007, n. 9 – articolo 1, comma 1).

Pertanto, l’esecuzione dei provvedimenti di rilascio per finita locazione degli immobili adibiti ad uso abitativo, (già sospesa fino al 15 ottobre 2008 in base all’articolo 22-ter del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 31, convertito con modificazioni dalla legge 28 febbraio 2008, n. 31), è ulteriormente differita al 30 giugno 2009, limitatamente

– ai comuni capoluogo delle aree metropolitane
– ai comuni ad alta tensione abitativa con essi confinanti

Fino al 30 giugno 2009 si applicano le disposizioni dell’articolo 1, (commi 2, 4, 5 e 6), della legge 8 febbraio 2007, n. 9, ed i benefici fiscali disposti dall’articolo 2 della medesima legge.

Fonte: Ministero delle Infrastrutture e Trasporti  – nw577


Newsletter della Storia dei Sordi n. 577 del 4 novembre 2008