Iscriviti: Feed RSS

Ricordo di Enrico Cimino (Newsletter della Storia dei Sordi n. 650 del 19 febbraio 2009)

Il 23 agosto 2008 è morto a Siena, all’età 83 anni Prof. Enrico Cimino. Le ragioni di questo ricordo sono diverse. Enrico Cimino dedicò molti anni della sua esistenza come consulente psicologico dell’Istituto Tommaso Pendola iniziando la sua collaborazione nel 1962 e dedicandosi a varie ricerche sugli aspetti psicologici della sordità e sulle conseguenze della Sordità infantili nel processo di socializzazione.

Enrico Cimino insegnò a lungo nella Scuola di Metodo dell’Istituto come docente di Psicologia.

Inoltre si occupò per molti anni della rivista “L‘Educazione dei Sordi” da prima come componente del Comitato di Redazione ed in seguito come Direttore.

Partecipò a diversi convegni annuali degli educatori dei sordi facendosi apprezzare per la professionalità e competenza.

Studioso esperto e profondo ricercatore sulle molteplici problematiche connesse alla sordità, fin dal 1992 volse la funzione di Direttore Responsabilità della collana monografica “Istituto Pendola” mettendo al servizio di tutti i collaboratori le indubbie competenze sull’attività editoriale dell’Istituto Pendola prima e dell’ ASP Città di Siena dopo.

Con Enrico Cimino da sempre c’è stato un rapporto personale di stima ed amicizia, nel rispetto delle diverse posizioni, in campi di studio e di ricerca evidentemente diversi. Con la morte del “Professore”, come veniva amichevolmente chiamato, i sordi, l’Istituto Pendola e l’ASP hanno perso un importante e competente collaboratore.

Nato a Capua il 1 marzo 1925, dopo aver frequentato i vari corsi di scuola con notevole profitto si era laureato in pedagogia e specializzato in psicologia con il massimo dei voti.

Trasferitosi in Toscana era stato assistente del Prof. Alberto Mazzi nell’Istituto Psicologia dell’Università di Firenze e del Prof. Virgilio Lazzaroni nell’Istituto Psicologia di Siena.

Nel 1958 iniziò la direzione del Centro di orientamento professionale e di psicologia scolastica di Siena. Fece parte in qualità di psicologo delle equipe del Centro di neuropsichiatria infantile del Consultorio d’igiene mentale dell’Amministrazione Provinciale di Siena e del Centro per spastici e discinetici presso la clinica pediatria dell’Università di Siena.

Socio effettivo della Società Italiana di Psicologia Scientifica, dell’Assiciation de Psychologie Scientifique de Langue Francaise e dell’International Association of applied Psychology partecipò a numerosi congressi in Italia e all’estero.

Durante il lungo periodi di collaborazione con l’Istituto Pendola il Prof. Enrico Cimino pubblicò le proprie ricerche in vari testi e numerosi articoli nella la rivista l’Educazione dei Sordi, sulle problematiche psicologiche della Sordità.

Con la morte di Enrico Cimino i Sordi e quanti hanno con lui collaborazione, hanno perso uno studioso attento e prodigio di consigli ed un grande amico.

Fonte: L’Educazione dei Sordi (n.3/4 del 2008)

nw650


 

Newsletter della Storia dei Sordi n. 650 del 19  febbraio 2009

Storiadeisordi